Depressione, quando è malattia e si può stare a casa dal lavoro. E durata

di Marianna Quatraro pubblicato il
Depressione, quando è malattia e si può

Assenza sul lavoro e depressione malattia

Spetta allo stesso medico a decidere se il lavoratore ha bisogno di un periodo di pausa per curarsi dalla malattia. Ecco la procedura da seguire.

Si tratta di un male subdolo perché è invisibile e non ci sono segnali fisici che dimostrano la sua presenza. Eppure la depressione è un male molto diffuso e le ripercussioni non sono solo sulla sfera privata, ma anche nell'ambito lavorativo.

E qui si entra su un terreno minato proprio perché il riconoscimento della depressione non è così scontato. Proprio questo è il primo passaggio da scoprire per sapere se e per quanto tempo il dipendente può assentarsi dal lavoro.

Certo è che, dati alla mano dell'Organizzazione mondiale della sanità, non solo la depressione è un male molto diffuso, ma il trend è costantemente in crescita con tutte le conseguenze che comporta anche sotto il profilo dell'economia e della produttività lavorativa.

La normativa 2019 prevede disposizioni ben precise per il lavoratore che soffre di depressione i termini di assegno di accompagnamento, permessi, invalidità e assenze per malattia. Vediamo quali sono i diritti.

Assenza sul lavoro e depressione malattia

Passaggio fondamentale per dichiararsi depresso è la certificazione medica. Perché si tratta di una malattia che mette in discussione la salute fisica e psichica, ma anche i rapporti sociali e familiari, e di conseguenza anche quelli lavorativi.

Ed è lo stesso medico a decidere se il lavoratore ha bisogno di un periodo di pausa per curarsi dalla malattia.

Anche le malattie mentali rientrano tra quelle per cui è possibile chiedere agevolazioni economiche e lavorative che variano in base alla percentuali riconosciuta in seguito alla visita davanti alla Commissione medica dell'Inps:

  • 100%: disturbo amnesico persistente indotto da sostanze
  • 100%: ritardo mentale grave e profondo
  • 100%: schizofrenia di tipo disorganizzato, catatonico, paranoide, non specificata
  • 100%: schizofrenia residuale
  • 100%: disturbo schizoaffettivo
  • 100%: depressione maggiore, episodio ricorrente
  • 100%: disturbo bipolare I
  • 75%: schizofrenia di tipo disorganizzato, catatonico, paranoide, non specificata
  • 75%: disturbi deliranti come paranoia, parafrenia, delirio condiviso, altri
  • 75%: schizofrenia residuale
  • 75%: disturbo bipolare II e disturbo bipolare Sai
  • 75%-100%: anoressia nervosa
  • 61%-80%: depressione maggiore, episodio ricorrente
  • 61%-80%: disturbo bipolare I
  • 61%-80%: ritardo mentale di media gravità

Depressione, quando e quanto si può stare a casa. Durata e motivi

È allora compito del medico stabilire se si soffre effettivamente di depressione, a che livello e come curarla. Ma anche stabilire la durata del periodo di assenza dal lavora in cui si può stare a casa e non si può essere licenziati.

Nel certificato medico, il camice bianco indicati i giorni di assenza giustificata con indennità di malattia - pari al 50% dal quarto al ventesimo giorno e al 66,66% dal 21esimo al 180esimo giorno - pagata dall'Inps dal quarto giorno in poi (i primi 3 sono a carico dell'azienda).

In ogni caso è obbligatorio per il dipendente dare comunicazione tempestiva al datore di lavoro con tanto di indicazione del numero di protocollo telematico del certificato medico.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":