Diritto al telelavoro (smart working) a chi spetta per legge e fino a quando in nuovo decreto Maggio 2020

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Diritto al telelavoro (smart working) a

Smart working a chi spetta

Le novitÓ previste nel nuovo decreto sono interessanti e vanno al di lÓ della possibilitÓ per i datori di lavoro di ricorrere allo smart working senza accordo con il dipendente.

Adesso che la fase 2 è entrata nel vivo e lo sarà sempre di più con i dati del contagio da coronavirus in una lenta ma inesorabile discesa, che ne sarà dello smart working e del lavoro a distanza come il telelavoro?

Quali sono le disposizione contenute nel decreto di maggio 2020? Il processo del lavoro agile è già iniziato e non avrebbe alcun senso interromperlo per tutti e tornare immediatamente alla situazione pre coronavirus. In buona sostanza, svolgere l'attività lavorativa da casa costituisce un'opzione da privilegiare.

Ma non è sufficiente esprimere osservazioni e buoni propositi perché è indispensabile un pacchetto di norme. Ed è quanto è stato previsto con il protocollo tra governo e parti sociali per il contrasto e il contenimento della diffusione del coronavirus e quindi con il nuovo decreto.

In effetti le novità sono interessanti e vanno al di là della possibilità per i datori di lavoro di ricorrere allo smart working senza accordo con il dipendente e assolvendo in modalità telematica le mansioni di informazione in materia di salute e sicurezza. Vediamo adesso

  • Smart working a chi spetta con decreto maggio 2020
  • Diritto al telelavoro, fino a quando

Smart working a chi spetta con decreto maggio 2020

Se lo smart working è considerata la modalità preferibile di svolgimento della prestazione lavorativa, il diritto al lavoratore a farsela riconoscere scatta nel caso di figli con età inferiore a 14 anni. In tutti gli altri casi occorre concordare la modalità operativa con il datore di lavoro.

Naturalmente è indispensabile che il lavoro a distanza sia compatibile con le mansioni da svolgere. Lo smart working, disposizioni aggiornate alla mano, continua a essere favorito anche nella fase di progressiva riattivazione del lavoro in quanto utile e modulabile strumento di prevenzione.

In questo modo si riesce a dare seguito all'obbligo di ridurre il numero di reparti aziendali attivi ovvero di limitare le presenze fisiche e ridurre i rischi di contagio.

Lo smart working è comunque riconosciuto in via prioritaria ad alcune categorie nonostante si ricorra al lavoro a distanza per il maggior numero di dipendenti possibile. Pensiamo ai dipendenti che hanno figli con disabilità grave o alle lavoratrici nei tre anni successivi alla conclusione del congedo di maternità.

Diritto al telelavoro, fino a quando

Lavoratori agevolati se l'attività a distanza sia prevista solo per una parte dell'organico aziendale a parte, una prima stima del numero di lavoratori coinvolti riferisce di circa 6-8 milioni di addetti a vari livelli.

Ma fino a quando verrà riconosciuto il diritto allo smart working nel caso di figli fino a 14 anni? Almeno fino al 31 luglio, ultimo giorno dell'emergenza sanitaria.

In ogni caso all'azienda spetta il compito di fornire le correte condizioni di supporto al dipendente in merito all'utilizzo dei dispositivi e i tempi e alle pause dell'attività lavorative poiché diritti e doveri, compresi i permessi legge 104, sono gli stessi che sono riconosciuti al lavoratori in presenza fisica.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire