Forze dell'ordine, militari, polizia: bonus 80 euro 2017 e riordino carriere avviato. La verità sui conti

Anche le forze dell'ordine sono state oggetto degli ultimi decreti sulla pubblica amministrazione con il nodo costi per il bonus di 80 euro.

Forze dell'ordine, militari, polizia: bo

Bonus 80 euro forze dell'ordine


AGGIORNAMENTO: Per quanto riguarda il bonus di 80 euro per le forze dell'ordine è atteso a breve, entro marzo, il decreto che conferma questo sussidio solo per il 2017. Ma lo slittamento continuo dei tempi, nonostante le rassicurazioni che giungono da più parti, rappresentano un motivo di riflessione e preoccupazione. 

Sia il bonus di 80 euro per le forze dell'ordine e sia il riordino delle carriere del comparto difesa, sicurezza e soccorso pubblico sono legati al budget complessivo messo a disposizione dalla maggioranza. Sono 621 milioni di euro per il 2017 e un miliardo e 27 milioni di euro per il 2018 le cifre stanziate e immediatamente operative per il riordino delle carriere delle forze di polizia, forze armate e vigili del fuoco. Ad annunciarlo il ministro dell'Interno Marco Minniti. Il riordino, ha sottolineato, era un obiettivo da lungo tempo perseguito e dunque si tratta di un obiettivo storico raggiunto. Ma non tutto è già pronto e immediatamente applicabile.

Restano ancora molte parti da definire. Le norme prevedono comunque una serie di cambiamenti, come la valorizzazione dei ruoli intermedi per i quali è indispensabile la laurea breve, la laurea obbligatoria per tutti i dirigenti, passaggi più veloci tra le varie qualifiche e maggiore attenzione alla disciplina interna. Focus sui Vigili del fuoco per via dell'assetto delle strutture organizzative del Corpo e il recepimento delle funzioni in materia di lotta attiva agli incendi boschivi attribuite con l'assorbimento del Corpo forestale dello Stato.

Il tutto da inquadrare della riorganizzazione complessiva degli ordinamenti del personale di tutte le Forze di polizia ovvero Polizia di Stato, Polizia penitenziaria e Corpo forestale, a ordinamento civile, e Carabinieri e Guardia di finanza, a ordinamento militare. I decreti realizzano infatti la revisione dei ruoli delle quattro Forze di polizia - Polizia di Stato, Arma dei carabinieri, Corpo della guardia di finanza e Corpo di polizia penitenziaria introducendo una serie di cambiamenti ovvero l'adeguamento delle dotazioni organiche complessive, rendendole corrispondenti alla consistenza effettiva del personale in servizio e rimodulandole nell'ambito dei diversi ruoli; l'adeguamento dell'ordinamento per semplificarlo e razionalizzarlo, anche attraverso la rimodulazione e la valorizzazione del percorso formativo, la riduzione dei tempi per la conclusione delle procedure; l'ampliamento delle opportunità di progressione in carriera attraverso la valorizzazione del merito e della professionalità, nonché dell'anzianità di servizio.

E il bonus di 80 euro per le forze dell'ordine?

Il via libera ovvero il decreto che conferma il bonus di 80 euro per le forze dell'ordine solo per il 2017 è atteso nel mese di marzo. Ma il prolungamento dei tempi, nonostante le rassicurazioni, rappresentano comunque un motivo di riflessione e preoccupazione. Di sicuro, tempistica a parte, continuano a a esserci i destinatari che continueranno a rimanere gli appartenenti a Polizia di Stato; Carabinieri; Guardia di Finanza; Corpo Forestale; Polizia penitenziaria; Vigili del Fuoco; Aeronautica Militare; Esercito Italiano; Marina Militare; Corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana; Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana; Corpo Militare dell'Esercito Italiano del Sovrano Militare Ordine di Malta; Capitanerie di Porto.