Infortuni su lavoro e malattie 2019, risarcimenti potranno andare ad Inail e non vittime . E' polemica

La nuova norma sul risarcimento dovuto per infortuni sul lavoro: cosa prevede e chi penalizza. Le ultime notizie e novità

Infortuni su lavoro e malattie 2019, ris

Infortuni lavoro soldi vittime inail novita 2019


Aumentano le denunce e gli infortuni sul lavoro e, stando a quanto riportano le ultime notizie, come si suol dire, al danno potrebbe seguire la beffa: secondo, infatti, le ultime e ultimissime notizie, in alcuni casi, i soldi destinati finora alle vittime potranno finire nelle casse dell'Inail.

Infortuni sul lavoro 2019 e malattiee, soldi risarcimenti delle vittime all'Inail

Secondo quanto stabilito da un comma della nuova Legge di Stabilità, l’Inail ha la facoltà di rivalersi sul responsabile dell'incidente ‘a qualsiasi titolo’ e per recuperare la cifra spesa, può prendere i soldi destinati a alle vittime dell'infortunio. La nuova Legge di Bilancio modifica, dunque, il meccanismo che permette all'Inail di rivalersi sui responsabili di un incidente sul lavoro o sulle assicurazioni, autorizzandolo, da quest'anno, a riscuotere somme ‘a qualsiasi titolo e indistintamente’ pur di recuperare la somma pagata all'infortunato.

Per recuperare quanto erogato, dunque, l’Inail potrà pretendere anche cifre che non ha mai versato, come quelle relative ai danni morali, solitamente erogate dai datori di lavoro, e ciò significa che la vittima dell'infortunio potrebbe non riscuotere mai il denaro dovuto. Mente c’è chi già invoca l’incostituzionalità della norma, a far anche discutere è anche il fatto che si tratterebbe di una novità retroattiva, valida cioè per tutti gli infortuni ancora non liquidati. E si attendono primi ricorsi e contenziosi.

Infortuni sul lavoro, regole 2019 precedenti e regole attuali

E’ bene sapere che i tipi di danno che vengono riconosciuti in caso di infortunio sono: danno biologico per ovvi danni fisici; danno patrimoniale, perché durante la convalescenza non può lavorare e non percepisce reddito; e danno morale, causato dalle sofferenza e tutte le difficoltà legate al danno fisico. Danno biologico e danno patrimoniale vengono risarciti da Inail, che poi si rivale sul responsabile tramite surroga che serve allo stesso ente per rimpinguare le sue casse, mentre il danno morale viene pagato direttamente dal responsabile, che nella maggior parte dei casi è il datore di lavoro.

La nuova Legge di Stabilità, invece, cancella ogni limite al potere di rivalsa di Inail e se nulla cambia per il danno morale, che continua ad essere a carico del datore di lavoro, per danno biologico e danno patrimoniale, continua ad essere l’Inail a dover risarcire avendo però la nuova possibilità di recuperare soldi direttamente da quanto dovuto alle vittime e anche relativamente al danno morale, anche se questo viene liquidato dal datore di lavoro. Tuttavia, i soldi anziché andare alla vittima finiscono direttamente nelle casse di Inail. Ancora una volta, si tratta di una norma che penalizza i lavoratori invece di sostenere chi subisce un danno.

Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il