Calcolo punti di invalidità civile, come fare

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Calcolo punti di invalidità civile, come

Invalidità civile, come fare calcolo dei punti

Nel fissare la percentuale di invalidità civile, la Commissione medica utilizza le tabelle per l'accertamento che variano in base alla malattia. Cosa c'è da sapere.

Si tratta di concetti importanti perché dietro alle definizioni di percentuali di invalidità e di come calcolare l'invalidità civile c'è di mezzo la possibilità di fruire di importanti agevolazioni economiche.

Che, precisiamo, sono diritti e non concessioni per le persone che si trovano in una situazione di svantaggio tra invalidi e soggetti colpiti da handicap.

A tal proposito è ben precisare che, leggi 2019 in mano, se l'invalidità civile è una riduzione della capacità lavorativa per via di una menomazione o di una malattia, l'handicap è una difficoltà d'inserimento sociale per via di una patologia o una menomazione. Entriamo allora nel dettaglio di tre questioni fondamentali:

  • Invalidità civile, come chiederla o ottenerla
  • Invalidità civile, come fare il calcolo dei punti
  • Agevolazioni, diritti e percentuali di invalidità

Invalidità civile, come chiederla o ottenerla

Ci sono alcuni passaggi tecnici ben precisi per ottenere l'invalidità civile e il primo step è recarsi dal medico curante e ottenere il certificato da inviare per via telematica all'Inps, contenente l'indicazione della patologia o della menomazione di cui è affetto il paziente. Il documento invalidità civile contiene i dati anagrafici del paziente, il codice fiscale, il numero della tessera sanitaria, i codici nosologici internazionali, malattie oncologiche in atto.

A quel punto occorre prestare domanda di invalidità civile all'Istituto di previdenza utilizzando il codice Pin rilasciato dall'Inps, attraverso il sistema di identità digitale Spid, tramite un patronato o un ente abilitato e usando il numero identificativo comunicato da medico e concordare la data della visita davanti alla Commissione medica.

Quest'ultimo non è affatto un passaggio burocratico e la visita può presentare alcune difficoltà. In ogni caso, ricordando che la Commissione è integrata da un medico dell'Inps, il paziente può farsi accompagnare da un medico di fiducia.

E anzi, l'affiancamento è consigliato per evitare intoppi. In mano occorre avere il documento di identità, il codice fiscale, il certificato medico in originale, la documentazione sanitaria. Spetta quindi alla Commissione valutare l'esistenza dell'invalidità e il suo grado, espressa in percentuale.

Per essere definita tale, la quota minima deve essere del 33,33%. Al di sotto di questa percentuale non c'è invalidità civile ovvero non è possibile fruire dei benefici previsti dalla legge.

Invalidità civile, come fare il calcolo dei punti

Nel fissare la percentuale di invalidità civile, la Commissione medica utilizza le tabelle dell'Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ovvero quel lunghissimo elenco di patologie e numeri che comprende anche amputazioni, artrite, asma, diabete mellito, epilessia, malattie della vista, malattie psichiatriche, morbo di Alzheimer con depressione, morbo di Parkinson, patologie a carico dell'apparato cardiocircolatorio, sordità, tumore in trattamento chemioterapico.

A ciascuna di queste patologie è associata una percentuale differente e sono previsti punteggi differenti per

  • apparato cardiocircolatorio
  • apparato digerente
  • apparato endocrino
  • apparato fisiognomico
  • apparato fonatorio
  • apparato locomotore (arti inferiori)
  • apparato locomotore (arti superiori)
  • apparato locomotore (rachide)
  • apparato olfattorio
  • apparato psichico
  • apparato respiratorio
  • apparato riproduttivo
  • apparato stomatognatico
  • apparato uditivo
  • apparato urinario
  • apparato vestibolare
  • apparato visivo
  • patologie congenite o malformative
  • patologie immunitarie
  • patologie neoplastiche (tumori)
  • patologie sistemiche
  • sistema nervoso centrale
  • sistema nervoso periferico

A quel punto, in base al punteggio associato (qui le linee guida dell'Inps per l'accertamento dell'invalidità) occorre applicare una formula sempre diversa per conoscere in autonomia la percentuale di invalidità da mettere in conto.

Agevolazioni, diritti e percentuale di invalidità

Si accennava al peso che ricopre la percentuale di invalidità per l'accesso alle agevolazioni previste per legge per gli invalidi civili:

  • 100%: pensione di inabilità, indennità di accompagnamento con perdita di autonomia e di deambulazione, assegno sociale al compimento dei 65 anni
  • maggiore del 75%: versamento dei contributi lavorativi pari a due mesi per ogni anno di lavoro come dipendente e anticipo dell'età pensionabile fino a 5 anni
  • maggiore del 74%: assegno mensile di assistenza e assegno sociale al compimento del 65esimo anno di età
  • maggiore del 67%: esenzione dal ticket sanitario
  • maggiore del 51%: congedo per cure
  • maggiore del 46%: iscrizione nelle liste speciali dei Centri per l'impiego per l'assunzione agevolata al lavoro
  • maggiore del 33%: prestazioni protesiche e ortopediche da parte dell'Azienda sanitaria locale di residenza

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":