Dodici giorni in più permessi Legge 104 istruzioni ufficiali da INPS con circolare per coronavirus

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Dodici giorni in più permessi Legge 104

Coronavirus, più permessi legge 104 ufficiale

L'Istituto di previdenza precisa chi sono i beneficiari di questo supplemento di permessi e come fare a presentare domanda per accedere ai permessi legge 104.

Nonostante i primi timidi miglioramenti, la situazione italiana continua a essere molto critica e siamo ancora in emergenza coronavirus. Non sorprende allora che aumentino le facilitazioni lavorative per chi si trova ad affrontare le situazioni più critiche.

Pensiamo ad esempio alle famiglie che assistono un figlio in condizioni di disabilità. C'è la legge 104 ad assicurare numerose agevolazioni, tra cui i permessi retribuiti su base mensile o oraria.

Tuttavia il periodo che stiamo attraversando è particolarmente critico e da qui l'indispensabilità di prevedere un supplemento di aiuti. Le disposizioni sono contenute nel decreto emanato dal governo Conte, ma sono adesso diventate operative con il nuovo messaggio con cui l'Inps illustra la procedura da seguire.

In buona sostanza, chi già fruisce della legge 104 vede aumentare a 12 i giorni di permesso retribuito, da utilizzare solo nel periodo di emergenza.

Più nello specifico, l'Istituto di previdenza precisa chi sono i beneficiari di questo supplemento di permessi e come fare a presentare domanda. Vediamo allora nei dettagli

  • Coronavirus, più permessi legge 104 ufficiale
  • Spiegazioni Inps su 12 giorni in più di permessi

Coronavirus, più permessi legge 104 ufficiale

Se di base sono previsti 3 giorni mensili di permessi retribuiti in base alla legge 104, con le disposizioni di emergenza di questo periodo, i giorni schizzano a 12 nei mesi di marzo e aprile.

Al pari di sempre, i giorni sono frazionabili in ore e possono essere fruiti nello stesso mese in maniera consecutiva.

A poter fruire di questa possibilità sono come ai lavoratori che assistono un familiare con disabilità grave e comunque se il rapporto di lavoro sia subordinato ovvero di tipo dipendente. Se tutti e due i genitori sono lavoratori dipendenti, i permessi devono essere fruiti in maniera alternativa.

Ed è possibile che entrambi i genitori usino contemporaneamente un giorno o mezza giornata di permesso purché il monte complessivo rimanga invariato ovvero tre giorni interi o sei mezze giornate in condizioni normali, 12 giorni in questo periodo di straordinarietà.

Spiegazioni Inps su 12 giorni in più di permessi

L'Istituto nazionale della previdenza sociale ha fornito spiegazioni anche in merito alle modalità per presentare richiesta. Ebbene, il lavoratore che già fruisce dei benefici della legge 104 non deve presentare una nuova domanda.

Colui che è invece privo di provvedimento di autorizzazione in corso di validità deve presentare richiesta secondo le modalità di sempre ovvero seguendo la procedura tradizionale. I

l provvedimento di autorizzazione è considerato valido dal datore di lavoro ai fini della concessione de 12 giorni per coronavirus.

Infine, sempre nel settore privato, i lavoratori dipendenti per i quali è previsto il pagamento diretto dell'indennità da parte dell'Inps devono presentare una nuova domanda nel caso in cui non sia già stata presentata una istanza limitatamente ai mesi di marzo e aprile 2020. Si tratta dei lavoratori agricoli e quelli dello spettacolo a tempo determinato.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità: