Lavoro da casa, agile cresce. E grazie nuove regole in milioni potranno richiederlo e avere benefici

Gli effetti positivi di quella che è stata considerata come la terza o addirittura la quarta rivoluzione industriale si stanno sentendo anche in Italia paese restio ad accogliere solitamente le novità

Lavoro da casa, agile cresce. E grazie n

Sempre più diffuso anche in Italia lo smart working, ovvero il cosiddetto lavoro agile. Quali sono i benefici?


In italia siamo ancoraindietro rispetto alle altre nazioni, ma il lavoro da casa sta crescendo e così il legislatore ha pronte o quasi una serie di nuove regole che già in parte si possono sfruttarlo epr poterlo richeidre alla propria azienda

Nell’epoca in cui ogni cosa è smart, il lavoro non poteva certo rimanere fuori da questa tendenza. I progressi tecnologici che hanno consentito di fare giganteschi passi avanti in tutti i settori, contribuendo e non poco al miglioramento delle condizioni di vita degli esseri umani che ne beneficiano, hanno trasformato anche il mondo del lavoro. E finalmente gli effetti positivi di quella che qualcuno ha considerato già come la terza o addirittura la quarta rivoluzione industriale si stanno sentendo anche in Italia.

Paese restio ad accogliere, solitamente, le novità. E che per quel che riguarda il mercato del lavoro ha avuto qualche difficoltà a rendere più smart, appunto, la propria organizzazione lavorativa che è restata ancorata, forse per troppo tempo, a una visione ormai non più competitiva, né al passo con la storia: quella del posto fisso. Checco Zalone l’ha spiegato molto bene in una delle sue pellicole più recenti.

Gli smart working sono in forte crescita in Italia. A testimonianza che il cosiddetto lavoro agile, quello che si può fare anche da casa, porta numerosi benefici sia in termini economici che di comfort. Validi sia per le aziende che per i lavoratori.

Smart working in crescita in italia

Ed eccoli qui i dati che dicono in maniera inequivocabile come lo smart working sia una tendenza ormai in crescita anche in Italia. Rispetto all’anno precedente, infatti, la percentuale di lavoratori agili, come si potrebbero definire, ha subito un forte incremento percentuale che si aggira intorno ai quattordici punti percentuali. Senza contare che rispetto a soli quattro anni fa l’incremento è vertiginoso e si attesta al sessanta per cento.

Evidentemente, lo smart working può vantare queste percentuale di crescita in Italia perché fa comodo. Fa comodo alle grandi imprese che, infatti, soprattutto quelle private, ricorrono con una frequenza sempre maggiore a questa tipologia di lavoro. Un po’ meno bene fa la rete delle piccole e medie imprese. Pessimo invece l’impatto delle pubbliche amministrazioni che rasenta percentuali vicino allo zero.

Lavoro agile porta numerosi benefici

Ma vediamo più da vicino quali sono, rispetto al lavoro agile, i numerosi benefici di cui si può beneficiare. E che spingono un numero sempre più grande di imprese a scegliere questa modalità di organizzazione del lavoro per la gioia di dipendenti che possono usufruire a loro volta di tanti vantaggi rispetto al tradizionale lavoro di ufficio. E proprio a proposito di ufficio si può rintracciare un primo vantaggio del lavoro agile.

L’azienda quindi deve impiegare meno risorse, che possono essere anche addirittura quasi azzerate perché non c’è bisogno di lavorare in un luogo fisico se si offre la possibilità ai dipendenti di lavorare da remoto, magari da casa loro. Tra consumi di energia elettrica o di altra natura e la possibilità di non dover pagare spese di affitto e simili, ecco che il risparmio anche in termini economici inizia ad essere di quelli importanti. Si parla di un abbattimento che sfiora il trenta per cento, ma in alcuni casi, può arrivare anche a metà dei costi sostenuti prima della rivoluzione smart.

Questo per le aziende (da non trascurare anche il prestigio che un’azienda che lavora in questo modo acquisisce agli occhi dei giovani che in questa rivoluzione ci sono nati e certamente si sentono a loro agio). Ma i benefici non riguardano certo le imprese. E questo è un altro aspetto che rende lo smart working una ricetta vincente. Anche quelli che lavorano da remoto, infatti, oltre a risparmiarsi traffico, spese di automobile, stress, eccetera, possono godersi altri tipi di vantaggi che usufruiscono in maniera decisiva anche sulla qualità del lavoro fatto.

Meno malattie, meno assenze dal lavoro, una maggiore responsabilizzazione insomma, sono il risvolto di una medaglia che presenta solo aspetti positivi. Come anche i benefici economici che non sono pochi. Il tempo guadagnato, infatti, che è la vera ricchezza nel mondo del lavoro del XXI secolo, si può impiegare poi su diverse attività. C’è chi lo impiega per migliorare ancora il proprio standard lavorativo, chi per concedersi alle proprie passioni, chi ancora per dare più attenzioni alla vita privata, alla compagna o alla propria famiglia.

Milioni di italiani i prossimi anni, cosa chiedere alla propria azienda.

Il prossimo anno e i prossimi anni ci dovrebbe essere una crsecita esponenziale anche in Italia dello smart working, del lavoro da casa che potrebbe interessare milioni di italiani per diversi motivi. La politica, sotto pressione delle aziende si sta, infatti, rendendo conto di come siamo indietro come lavoro da casa e di quanti benefici sia in generale ma anche in condizioni particolari per esempio legge 104 per la cura dei disabili familiari o per i bimbi all'asilo nido potrebbe far risparmiare allo stesso Stato. Senza contare i risparmi sulla viabilità e il minori intasamento delle strade e inquinamento.
Da qui, dopo aver apprvato lo statuto dei lavoratori per lo smart working , circa 3 mesi fa che da malattie, assicurazioni infortuni, permessi, stipendi identici ai dipendenti che stanno in ufficio sono a buon punto ulteriori leggi che aitano e sostengonolo sviluppo del lavoro da casa.
In primis vi è la pubblica amministrazione soprattutto per i casi soipra riferiti, o per i lavorator in parti time e turn over, ma lo stesso si vuole fare per le aziende private con dei benefit, in modo particolare sulle tasse e ultteriori agevolazioni sul costo del dipendente che stanno per diventare realtà. 
Per questo motivo e per gli altrri spiegati sopra, conviene e vi consigliamo di farlo di richiedere, se ne avete bisogno, il telelavoro alla vostra azienda, sottolineando i benefici che già vi sono e quelli in arrivo aggiungendo anche che per unc erto numero di diepndenti in teleavoro vi sono dei finanziamenti per questi test dallo stesso Stato italiano in collaborazione con la Ue.

Puoi Approfondire
Ultime Notizie