Liberalizzazioni Monti: licenze negozi, sconti e saldi liberi senza vincoli

Cosa cambia per i negozi con le liberalizzazioni della riforma Monti


Sarà pronto entro il 20 gennaio il decreto che conterrà il nuovo pacchetto liberalizzazioni che riguarderà tutti i settori, energia, assicurazioni, trasporti, farmacie, notai e acqua.

Cruciale la questione benzina, per cui si parla della possibilità da parte dei distributori di vendere anche prodotti ‘non oil’, come alimentari e tabacchi, e di poter scegliere liberamente dove rifornirsi di carburante, e cruciale anche la questione che riguarda la liberalizzazione di farmacie e farmaci di fascia C.

Al vaglio un intervento per aumentare il numero delle farmacie intervenendo sulla pianta organica, riducendo il quorum sedi/abitanti e la distanza tra le sedi: gli esercizi sarebbero tra 2.500 e 7mila in più, a seconda delle opzioni, e liberalizzare la vendita dei farmaci con prescrizione medica ma a totale carico del paziente (fascia C).

Altra novità, fortemente apprezzata dai consumatori, è quella che prevederebbe saldi liberi tutto l'anno, senza limiti di tempo, durata e sconti praticati e senza autorizzazioni al Comune. Novità anche per gli stabilimenti balneari: per chiudere la procedura di infrazione Ue andranno messe a gara tutte le concessioni e la durata scenderà a 4 anni, non prorogabili.

Ciò che rimane da capire è se si partirà subito o dal 2015 quando scadrà l'ultima proroga. Per il resto ciò che tocca sensibilmente consumatori e professionisti è la riforma degli ordini professionali che, partendo da quella dei notai, prevede la totale eliminazione delle tariffe minime, in modo da poter consentire ai cittadini di poter usufruire dei servizi dai professionisti prestati senza dover sostenere spese elevate.




Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il