Naspi 2019 cosa cambia con il reddito di cittadinanza

Via libera alla cumulabilità di indennità di disoccupazione Naspi e reddito di cittadinanza: condizioni in cui la Naspi decade e chiarimenti

Naspi 2019 cosa cambia con il reddito di

Naspi cosa cambia reddito cittadinanza

Il decreto pensioni appena approdato in Senato prevede oltre alle novità pensioni tra cui la quota 100 anche il provvedimento del reddito di cittadinanza, per cui sembrerebbero già esser state stabilite tutte le regole. Vediamo, però, cosa succede se si percepisce la Naspi e si richiede il reddito di cittadinanza. E', innanzitutto, possibile richiedere il reddito di cittadinanza se si percepisce la Naspi?

Naspi e reddito di cittadinanza: si possono cumulare

Stando a quanto riportano le ultime notizie, si può far richiesta del reddito di cittadinanza se si è disoccupati e si percepisce la Naspi e chi fa richiesta per avere il reddito di cittadinanza può cumulare quest'ultimo con alcune indennità, tra cui proprio quella di disoccupazione Naspi. Gli incentivi compatibili con il reddito di cittadinanza sono infatti Naspi e Dis Coll ma anche assegno di ricollocazione, ammortizzatori per collaboratori, assegnisti e dottori di ricerca e bonus Sud e incentivi per imprese o lavoratori che avviano nuove attività.

Le ultime notizie confermano, dunque, che per chi percepisce la Naspi non cambia nulla con l’istituzione del reddito di cittadinanza che risulta interamente cumulabile con i sostegni per la disoccupazione involontaria già previsti, come appunto la Naspi, e tutti gli strumenti di sostegno al reddito, a condizione, però, che venga rispettato il limite dei 780 euro mensili. Il calcolo da eseguire è quello del reddito di cittadinanza a cui avrebbe diritto se non prendesse la Naspi e sottrarre l’importo del sussidio, così si ottiene l’importo del reddito di cittadinanza che si potrà percepire. Diversamente dalla Naspi, come riportano le ultime notizie, con l’avvio del reddito di cittadinanza, scomparirà il Rei che dal prossimo mese di marzo non potrà più essere richiesto.

Naspi e reddito di cittadinanza: quando si perde l’indennità

La decadenza della Naspi, anche con il reddito di cittadinanza, avviene, come da normativa previsto, se si perde lo stato di disoccupazione, perché viene meno il requisito fondamentale per riceverla; o se non si partecipa in modo attivo alle attività proposte nel patto di servizio; o nel caso di mancata presentazione alla convocazione per gli appuntamenti con il tutor per la conferma dello stato di disoccupazione e la stipula del patto di servizio; o se rifiuta un’offerta di lavoro compatibile con le caratteristiche professionali. Chi, dunque, richiede il reddito di cittadinanza ed è in totale stato di disoccupazione potrà continuare a percepire l’indennità della Naspi fino al suo naturale esaurimento a meno che, come appena riportato, non intervengano le condizioni per la sua decadenza e il suo importo dipenderà dall’Isee.

Ultime Notizie