Poste italiane nuove assunzioni impiegati Aprile 2019. Sedi e requisiti

Il solo requisito per presentare domanda di assunzione è il possesso del diploma di scuola superiore. Il contratto proposto è a tempo indeterminato e part time.

Poste italiane nuove assunzioni impiegat

Poste italiane, offerte di lavoro


Tempo di assunzioni in Poste Italiane perché in questo mese di aprile è caccia a nuovi impiegati. Quelli cioè incaricati di stare dietro a una scrivania con ruoli di front end. Le candidature sono ufficialmente aperte e lo saranno fino al 30 aprile 2019 attraverso il canale del sito ufficiale del gruppo. I compiti richiesti sono la promozione e la vendita di prodotti e servizi di competenza seguendo le procedure operative e amministrative indicate nel rispetto degli standard di qualità e normativa.

Allo stesso tempo, i nuovi assunti dovranno fornire informazioni ai clienti in ottica di fidelizzazione e sviluppo. Il contratto proposto è a tempo indeterminato e part time.

Poste italiane, offerte di lavoro

Il solo requisito per presentare domanda di assunzione è il possesso del diploma di scuola superiore quinquennale con voto minimo pari a 70 su 100 o 42 su 60 secondo il precedente sistema di valutazione. Non ci sono dunque paletti di età, pur tenendo conto che costituisce titolo preferenziale la maturazione di esperienze professionali in attività a contatto con il pubblico o in ambito commerciale e vendita.

Allo stesso tempo, sono considerati positivamente anche titolo di studio superiori, come il possesso della laurea così come l'aver lavorato in precedenza per Poste Italiane con contratto a tempo determinato su qualsiasi mansione presso una delle province interessate dall'assunzione.

Le sedi di lavoro solo in più città italiane nelle regioni Piemonte (Vercelli, Cuneo, Asti, Alessandria, Biella, Verbano-Cusio-Ossola), Valle d'Aosta, Liguria (Savona, Genova, La Spezia), Lombardia (Varese, Como, Sondrio, Bergamo, Brescia, Pavia, Cremona, Mantova, Lecco, Lodi, Monza), Trentino Alto Adige (Trento), Veneto (Verona, Vicenza, Belluno, Treviso, Venezia, Padova, Rovigo), Friuli Venezia Giulia (Udine, Gorizia), Emilia Romagna (Piacenza, Parma, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena), Marche (Ancona).

E ancora: Toscana (Pistoia, Firenze, Livorno, Arezzo, Grosseto, Prato), Umbria (Perugia, Terni), Lazio (Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone), Abruzzo (L'Aquila, Teramo, Chieti), Sardegna (Sassari, Nuoro, Cagliari, Oristano), Friuli Venezia Giulia (Pordenone).