Telecom, duemila nuove assunzioni. Anche senza esperienza

La notizia che la Telecom ha in programma duemila nuove assunzioni si sposa con il clima di ripresa che si spera riesca a mettere in moto l’entusiasmo dei consumatori e a far ripartire l'economia

Telecom, duemila nuove assunzioni. Anche

La Telecom procederà a duemila nuove assunzioni a partire da luglio 2018. Opportunità per i giovani anche senza esperienza


La buona notizia ha impiegato poco a fare il giro della Rete e anche le reazioni, soprattutto da parte dei potenziali interessati, sembrano essere positive. Una delle emergenze, conseguenza diretta della lunga e tragica crisi economica che sembra solo ora, dopo circa un decennio, allentare la sua morsa sull’Italia, è certamente quello del lavoro. Gli ultimi dati pubblicati dall’Istat descrivono una situazione che lentamente sta migliorando anche sotto il profilo dell’occupazione. Includendo, per fortuna, anche quella giovanile che finalmente segna un’inversione di tendenza rispetto al trend negativo di questi ultimi anni. Anni terribili nei quali i giovani hanno dovuto confrontarsi con un futuro grigio e gravido di incertezza.

Certo non si può ancora cantare vittoria visto che le scorie di una crisi così devastante albergheranno ancora per diverso tempo nel tessuto sociale ed economico non solo italiano, ma la notizia che la Telecom ha in programma duemila nuove assunzioni si sposa perfettamente con un clima di ripresa che si spera riesca a mettere in moto l’entusiasmo dei consumatori. Assunzioni che riguarderanno anche ragazzi e ragazze senza grande esperienza nel settore.

Telecom duemila nuove assunzioni

La Telecom ha deciso dunque di procedere a duemila nuove assunzioni a partire dal luglio del 2018. Lavoratori giovani, per lo più che si potranno inserire nel personale dell’azienda di telecomunicazioni sia in maniera diretta, sia, nel caso di scarsa esperienza, al termine di un percorso di formazione che la stessa azienda provvederà ad allestire per chi ne avrà bisogno. Una buona notizia per duemila giovani che in molti casi potranno quindi firmare il primo contratto della vita professionale. L’azienda attraverso questo piano esodi punta a realizzare un remix generazionale.

I giovani, assunti non come tecnici, dovranno dimostrare di possedere alcune competenze specifiche come per esempio quella di sviluppatore di applicazioni, progettista di piattaforme di rete virtuali, big data scientist, big data analyst, sviluppatore di software per servizi innovativi, progettista di reti di nuova generazione, specialista nell’assistenza al cliente via social.

Nuove assunzioni anche senza esperienza

La Telecom, oltre alle nuove assunzioni, mirerà ad aggiornare e formare il suo attuale personale. Per questo motivo le nuove assunzioni riguarderanno anche i giovani senza particolare esperienza nel mondo lavorativo che verranno formati dall’azienda stessa. In questo caso anche i circa cinquantamila dipendenti verranno assegnati a dei corsi di formazione e parteciperanno dunque a lezioni che saranno svolte sia nella maniera tradizionale quindi in una normale aula, sia online utilizzando le opportunità messe a disposizione dalla Rete.

I corsi vanno da quelli biennali nei quali i lavoratori potranno imparare a migliorare il servizio al cliente a quelli annuali grazie ai quali si potrà perfezionare l’inglese, o, quando necessario impararlo partendo da zero. Poi ci sono i corsi pluriennali che serviranno a dare le necessarie informazioni ai dipendenti per quel che riguarda la nuova frontiera delle monete virtuali, in primis i Bitcoin tanto che proprio in questi giorni hanno occupato il centro della scena. Un’opportunità più unica che rara.