Accordo tra Governo-Sindacati su pensioni anticipate. Ecco il compromesso possibile

di Marianna Quatraro pubblicato il
Accordo tra Governo-Sindacati su pension

Accordo Governo Sindacati pensioni anticipate compromesso possibile

In pensione a 64 anni di etÓ e 35 di contributi, un anno di contributi in pi¨ alle mamme per ogni figlio ma non solo: nuova proposta per pensioni anticipate

In vista del tavolo sulle pensioni tra governo e sindacati fissato per lunedì prossimo 27 gennaio, dopo diverse idee già presentate, ad anticipare un compromesso possibile sulle pensioni anticipate per l’accordo tra governo e sindacati è il sottosegretario Pd al Lavoro, Francesca Puglisi, almeno stando a numerose indiscrezioni.

Accordo Governo Sindacati su pensioni anticipate possibile compromesso

Stando a quanto riportano le ultime notizie, il sottosegretario Pd Puglisi avrebbe parlato di una possibile proposta da discutere in occasione dell’incontro con i sindacati che stando alle indicrezioni circolate, sarebbe il compromesso, la mediazione, che il governo vorrebbe offrire ai sindcati.. La proposta interesserebbe tutti i punti per cui sono state modifiche e, in particolare, prevederebbe:

  • uscita a 64 anni di età e 35 di contributi, senza penalizzazioni;
  • riconoscimento di un anno di contributi in più alle mamme per ogni figlio e senza limiti di figli;
  • istituzione di una pensione di garanzia per i giovani fino a 750 euro al mese, a integrazione dei contributi versati, a condizione di avere almeno 20 anni di contributi;
  • potenziare e rendere strutturale l’Ape social per lavori gravosi e usuranti.

Per quanto riguarda quest’ultimo punto, la Puglisi ha anticipato che il Governo vorrebbe inserire nella lista delle occupazioni gravose anche commercianti e artigiani.

Ha, inoltre, precisato che con le nuove misure per le donne, opzione donna, soluzione particolarmente penalizzante per l’uscita anticipata delle donne, verrebbe cancelllata..

Da sottolineare che in queste indiscrezioni nulla è stato detto per i precoci.

Costi e fondi per compromesso pensioni anticipate

Per quanto riguarda costi e fondi per l’attuazione delle novità pensioni spiegate, il sottosegretario Puglisi , secondo le ultime notizie, avrebbe precisato che si stanno ancora facendo i calcoli su quanto davvero verrebbe a costare rivedere le pensioni con le misure appena riportate, precisando al tempo stesso che i fondi deriverebbero dai risparmi della quota 100 e dalla possibile rimodulazione dell’Iva che si potrebbe introdurre nella riforma fiscale.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: