Come andare in pensione con quota 100. Per chi e quando. Cosa cambia con varie ipotesi

di Marianna Quatraro pubblicato il
Come andare in pensione con quota 100. P

pensione quota 100 Cosa cambia varie ipotesi

Al via dal 2019 la novitÓ per le pensioni di quota 100: cosa prevederÓ e paletti definiti e non secondo le varie ipotesi

E’ tra la novità per le pensioni che il governo continua a portare avanti con l’intenzione di inserirla nella prossima Legge di Bilancio per darle il via a partire dal prossimo anno. Si tratta della novità per le pensioni di quota 100, particolarmente auspicata sia da Lega che da M5S, che dovrebbe avere una base di partenza di 64 anni di età e 36 anni di contributi, permettendo, dunque, a chiunque lo volesse di andare in pensione prima rispetto a quanto attualmente richiesto dai requisiti pensionistici in vigore.

Andare in pensione con quota 100: per chi e quando

La quota 100 per andare in pensione a 64 anni di età e 36 anni di contributi prevederebbe anche il ricalcolo contributivo dell'assegno di pensione per i versamenti effettuati dal 1996 al 2011 e la possibilità di beneficiare di soli due anni di contributi figurativi. Non rientrerebbero nel calcolo dei contributi quelli di maternità e servizio militare.

Tuttavia, secondo le ultime notizie, andare in pensione con la novità per le pensioni di quota 100 l’introduzione della novità per le pensioni di quota 100 porterebbe ad una riduzione dell’assegno finale di circa l’8%, circa 200 euro.  Per esempio, un 30enne che andrà in pensione con l’attuale riforma pensioni percepirà un assegno di 1.305 euro, 1.205 nel caso delle donne, mentre con quota 100 prenderebbe 1.112 euro; un 40enne quarantenne che andrà in pensione con le attuali norme pensionistiche percepirà 1.308 euro, mentre con la quota 100 avrebbe 1.255 euro; un 50enne che andrà in pensione con le attuali regole prenderà 1.469 euro di pensione mentre con la quota 100 percepirebbe 1.349 euro.

Andare in pensione con quota 100: cosa cambia con varie ipotesi

La novità per le pensioni di quota 100, è bene precisarlo, non sarà la novità che sostituirà le attuali regole pensionistiche, ma andrà a collocarsi come una sorta di compromesso con le regole attualmente in vigore, diventando una possibilità di uscita prima. Ma sono ancora diverse le ipotesi che circolano sulla definitiva formulazione della quota 100. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, l’età minima dei 64 anni che servirebbe per andare in pensione con la quota 100 potrebbe saltare e a confermare questa ipotesi è stato lo stesso leader della Lega Salvini che avrebbe spiegato come la novità per le pensioni quota 100 sarà aperta a tutti e non prevedrà alcun paletto. Ciò vuol dire che con la quota 100 si potrà andare in pensione a qualsiasi età, purchè questa sommata al numero di contributi raggiunto dia come risultato finale, appunto, 100.

Il paletto che sicuramente ci sarà, come sopra anticipato, sarà invece quello relativo al numero massimo dei contributi figurativi che potranno essere calcolati ai fini della pensione con la quota 100: si parla al momento, come confermano le ultime notizie, di due anni al massimo di contributi figurativi. Stando, dunque, alle ultime notizie, il paletto relativo al requisito anagrafico necessario da raggiungere per la pensione finale non dovrebbe più sussistere, ma nulla in merito è ancora ufficiale, mentre è ufficiale il numero massimo dei contributi figurativi che si possono calcolare per il raggiungimento della quota 100 finale.

Per andare in pensione nel 2019, dunque, non si dovrà necessariamente raggiungere la pensione di vecchiaia, con i requisiti che si preparano a cambiare dal prossimo primo gennaio quando l’età attualmente richiesta dei 66 anni e sette mesi non basterà più ma bisognerà raggiungere i 67 anni, o la pensione anticipata, e anche in tal caso aumenteranno di 12 mesi i contributi necessari per l’uscita passando dagli attuali 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne a 43 e 3 mesi per gli uomini e 42 e 3 mesi per le donne, ma si potrà optare anche per la quota 100, previa valutazione della convenienza di uscita prima con questo sistema.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: