Decreto pensioni svolta pubblicazione in Gazzetta ufficiale. NovitÓ e aggiornamenti oggi sabato quota 100, donne, aspettative vita

di Marianna Quatraro pubblicato il
Decreto pensioni svolta pubblicazione in

Decreto pensioni novita pubblicazione Gazzetta ufficiale oggi

Quando potrebbe essere finalmente pubblicato il decreto pensioni e prime modifiche giÓ attuate: ultime notizie e prospettive

Pensioni novità decreto pensioni pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e ultime notizie, ultimissime  quota 100, pensione anticipata, opzioe donna proroga 2019, ape social 2019 oggi sabato 26 Gennaio: Come scritto ieri sera, nell'ultimaora dell'Ansa, c'è stata la conferma che il decreto sulle pensioni è stato inviato al Quirinale per la firma di Mattarella e potrebbe anche essere pubblicato in Gazzetta ufficiale oggi sabato 26 gennaio, oppure lunedì 28 Gennaio. Nel frattempo, però, come spiegato sotto, nelle ultime notizie e ultimissime per le pensioni, permangono i dubbi sulle coperture, tanto è vero che è stato modificato il testo per la clausola di salvaguardia come ABBIAMO SPIEGATO SOTTO, mostrando anche i numeri reali delle coperture sia di quest'anno che soprattutto i costi per i prossimi anni.

Pensioni novità decreto pensioni pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e ultime notizie, ultimissime  quota 100, pensione anticipata, opzioe donna proroga 2019, ape social 2019 oggi venerdì sera 25 Gennaio: Siamo arrivati anche alla fine di questa settimana e il decreto per le pensioni oggi venerdì 25 Gennaio non è stato ancora pubblicato. C'è tra le novità dell'ultima ora che è stato però vidimato dalla Ragioneria di Stato e c'è stato l'invio al Presidente Mattarella per la firma come confermano le ultime notizie e ultimissime dall'Ansa e del Sole24Ore che prevedono la pubblicazione del Decreto domani sabato 26 Gennaio 2019 o lunedì 28 Gennaio sempre che non ci sono altre ultime novità o sorprese. Ricordiamo che nel testo ci sono state alcune modifiche, ma soprattutto quella della clausola di salvaguardia in quanto come abbiamo spiegato sotto per le coperture annuali per le novità di quota 100, proroga opzione donna, Ape Social proroga 2019, pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni per le donne siamo davvero al limite, anzi mancano dei soldi come scritto sotto. Il vero problema non sarà per quest'anno ma probabilmente l'anno prossimo.

Dopo l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del maxi decreto pensioni con novità pensioni di quota 100, proroga di ape social e opzione donna 2019, blocco delle aspettative di vita e reddito di cittadinanza, il provvedimento, come confermano le ultime notizie ad oggi venerdì 25 gennaio, sembra essersi bloccato e i ritardi stanno suscitando diversi dubbi e perplessità. Come mai il decreto non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale pur essendo trascorsi i soliti cinque giorni? E quali sono le modifiche già apportare al testo stesso prima ancora della sua pubblicazione? E soprattutto, quando finalmente il decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale?

Decreto pensioni: ultime notizie su tempi di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Stando a quanto riportano le ultime notizie, il testo del decreto pensioni che avrebbe già dovuto essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale ma ancora in fase di definizione potrebbe essere finalmente pubblicato entro sabato. Tuttavia, non si tratta di tempi certi e, infatti, non vi è alcuna conferma in merito. Il motivo del ritardo dipende sostanzialmente dai problemi di coperture che sembrano essere emersi molto più chiari di quanto si potesse in realtà ipotizzare. Finora, infatti, ci sono sempre state parti politiche che spesso hanno ripetuto come le novità pensioni approvate o il reddito di cittadinanza fossero in realtà infattibili perché servirebbero troppi soldi per soddisfare tutti di cui al momento lo Stato non dispone. Eppure le misure sono state approvate, pur prevedendo fortissimi limiti.

Al momento di ricevere la bollinatura da parte della Ragioneria di Stato, ecco che sono emerse le verità preoccupanti. Secondo le ultime notizie, infatti, la Ragioneria di Stato, pur avendo apposto la propria bollinatura al provvedimento, ha rivisto al netto rialzo la necessità delle coperture per le misure annunciate, per cui la spesa complessiva sarebbe di 4,6 miliardi di euro e non di 3,9 miliardi di euro come definito dal governo. Numeri che sono stati analizzati e confermati anche dal Sole24Ore.

Decreto pensioni: dubbi coperture e revisione clausola di salvaguardia

Proprio in virtù di una revisione della spesa complessiva, le ultime notizie confermano una conseguente revisione della clausola di salvaguardia che non sarà più bimestrale come inizialmente stabilito ma prevederà a parte dell’Inps un controllo dei conti mensile per evitare preoccupazioni sulla tenuta dei conti. Inoltre, la stessa clausola di salvaguardia, che inizialmente prevedeva la possibilità di uscire con quota 100 fino a quando fossero disponibili le risorse, oltre a stabilire controlli dei conti mensilmente, prevede interventi di tagli ai Ministeri o aumento delle tasse nel caso in cui le domande per novità pensioni e reddito di cittadinanza fossero superiori alle disponibilità economiche.

Inoltre, stando alla relazione tecnica al decreto, solo per quota 100 e blocco delle aspettative di vita servirebbero circa 43 miliardi a 360 milioni tra 2019 e 2028 e altri 2 miliardi per i precoci e opzione donna e si tratta di soldi che molto probabilmente lo Stato non avrà nei prossimi anni, considerando che, per esempio, già la prossima Manovra dovrebbe prevedere una soluzione da ben 24 miliardi di euro per evitare le clausole di salvaguardia. Crescono, dunque, i dubbi e le preoccupazioni sull’attuazione delle novità pensioni approvate.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: