Decreto pensioni, testo ufficiale approvato. Quando conversione legge quota 100, opzione donna, pensioni anticipate Senato

di Marianna Quatraro pubblicato il
Decreto pensioni, testo ufficiale approv

Decreto pensioni testo ufficiale approvato data senato

Ufficiali le novità contenute nel decreto pensioni 2019 dopo voto alla Camera: atteso voto finale in Senato e data stabilita. Quando si terrà

Alla Camera è arrivato il via libera al testo ufficiale approvato del decreto pensioni 2019: ora ci si avvia al voto finale in Senato e una volta ricevuto il voto in Aula a Palazzo Madama, il provvedimento sarà definitivo e pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Stando alle ultime notizie, subito dopo, a partire dal primo aprile come già annunciato dall’Inps, le prime domande di pensionamento con le ultime novità pensioni saranno ufficialmente approvate. Ma quando precisamente il testo diventerà legge? E quali sono le novità in esso contenute che diventeranno definitive?

Decreto pensioni: approvato testo ufficiale alla Camera

Le ultime notizie confermano le novità contenute nel decreto pensioni che ha ricevuto l’ultimo via libera alla Camera e si accinge a passare nuovamente in Senato. I provvedimenti contenuti nel decreto pensioni 2019 sono:

  1. quota 100, per andare in pensione prima a 62 anni di età e con 38 anni di contributi con finestre di tre mesi per i dipendenti privati e di sei mesi per i lavoratori pubblici e aumento della soglia del Tfs da 30mila a 45mila euro agli statali che decidono di andare in pensione prima con la quota 100;
  2. proroga opzione donna 2019;
  3. proroga ape social prorogata 2019;
  4. pensione anticipata con blocco delle aspettative di vita e requisiti fermi a 42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi di contributi per le donne;
  5. estensione della pace contributiva di 5 anni;
  6. riscatto della laurea agevolato anche per gli over 45 che hanno iniziato a lavorare prima del 1996;
  7. aumento delle pensioni di invalidità di 50 euro, da 1.050 euro a 1.100 euro mensili per nuclei familiari con almeno quattro componenti di cui uno disabile;
  8. possibilità di ritirare la pensione di cittadinanza anche in contanti presso banche e uffici postali;
  9. aumento della soglia del patrimonio mobiliare da 5mila a 7.500 euro in più per ciascun componente disabile per la domanda di pensione e reddito di cittadinanza;
  10. erogazione della pensione di cittadinanza anche agli over 67 di un nucleo familiare che vivono con persone più giovani in condizioni di disabilità grave o di non autosufficienza.

Novità previste anche per quanto riguarda il reddito di cittadinanza che cambia leggermente i suoi contorni dopo il passaggio del provvedimento alla Camera. Le novità in merito al reddito di cittadinanza, come confermano le ultime notizie, riguardano:

  1. maggiori controlli per chi si è separato o ha divorziato dopo il primo settembre 2018;
  2. obbligo per gli immigrati di presentare una certificazione rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero e tradotta in italiano, sui requisiti di reddito e patrimoniali e sulla composizione del nucleo familiare;
  3. obbligo di accettare un’offerta di lavoro solo se la retribuzione è superiore a 858 euro, cioè il 10% rispetto alla misura massima del beneficio;
  4. esclusione dal reddito di cittadinanza per chi è stato condannato in via definitiva.

Voto decreto pensioni 2019: data ufficiale Senato

Stando alle ultime notizie, la data dell’ultimo voto ufficiale in Senato sarebbe stata fissata per il 26-27 marzo. La seduta del 26 marzo in Senato è già stata programmata per le 12 e si attende il voto di fiducia che potrebbe arrivare, appunto, il 26 stesso o al massimo il 27. Con il voto in Senato il decreto pensioni viene ufficialmente convertito in legge. Dopo di che il provvedimento sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale, pochissimi giorni dopo, due o forse tre e le ultime novità pensioni di quota 100, proroga opzione donna e ape social, pensione anticipata con blocco delle pensioni anticipate saranno definitive.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire