Inps, un nuovo grave buco sulla gestione del Tfr oltre quello delle pensioni

di Marianna Quatraro pubblicato il
Inps, un nuovo grave buco sulla gestione

Inps nuovo buco gestione Tfr oltre pensioni

La denuncia di un nuovo grave buco Inps: il disavanzo registrato e denunciato e quali sono i rischi per i lavoratori. La situazione

Un nuovo grave buco Inps questa volta nella gestione del Tfr: è così dopo problemi e rischi denunciati per le pensioni, le ultime notizie ad oggi, riportate al Sole 24Ore, parlano di un nuovo saldo negativo nei conti dell’Istituto nella gestione del Tfr. Cosa sta accedendo e quali potrebbero essere i rischi del buco Inps per il Tfr ai lavoratori?

Nuovo grave buco Inps per gestione Tfr

Nel 2007, il Governo Prodi ha stabilito la possibilità per i lavoratori di scegliere di destinare il proprio Tfr a fondi dedicati o all'Inps, non più tenendolo nella propria azienda.

Una legge che permetteva anche al Governo, in caso di necessità, di destinare le somme accumulate per fondi di salvataggio, interventi ad alta efficienza energetica, ristrutturazione delle imprese in difficoltà, spese funzionamento della Difesa, rifinanziamento per investimenti.

Ma solo in caso di necessità, altrimenti l'INPS doveva provvedere a reinvestire il Tfr nei modi migliori e più sicuri per dare un rendimento che almeno ripagasse l'aumento medio del costo della vita.

E sono stati tantissimi i lavoratori che da allora hanno deciso di lasciare il proprio Tfr all’Inps. Il risultato ad oggi, come riportano le ultime notizie, è che dal Fondo Tfr dell’Inps sarebbero spariti miliardi di euro: dai 36 miliardi di euro raccolti in dodici anni ne sarebbero rimasti solo 1,5 e la Corte dei Conti ha cercato di capire che fine avessero fatto questi soldi.

Prima il governo e poi l’Inps non sono riusciti a dare chiarimenti sull’uso dei soldi e la conclusione cui si è giunti è che si tratta di decine di miliardi di euro usati per la copertura di diverse spese e interventi dello Stato per fondi di salvataggio, rifinanziamenti, imprese in difficoltà, energia, alta velocità. Ciò che ci si chiede è se davvero siano a rischio i Tfr dei lavoratori.

Buco Inps Tfr e rischi per lavoratori: cosa accade

Il buco Inps nella gestione del Tfr implica rischi per i lavoratori? Nonostante il grave buco, è bene chiarire che non dovrebbero esserci problemi per le garanzie del Tfr ai lavoratori perché nel momento in cui un lavoratore va in pensione, lo Stato ha l’obbligo di garantire i soldi dovuti al lavoratore. E quindi, lo Stato dopo aver preso i soldi dall'INPS, è dovuto per legge a ridare gli stessi soldi all'INPS per salvaguare il Tfr dei lavoratori.

Il rischio reale che il buco Inps nella gestione del Tfr potrebbe in realtà implicare è piuttosto quello di un aumento del debito pubblico che per essere poi recuperato si può tradurre in un ulteriore peso per i lavoratori e cioè tasse maggiori da pagare per coprire eventuali buchi.

Inoltre, risilta chiaro come il Tfr non sia stato investito nei modi dovuti e, che, quindi non ci siano stati rialzi dello stesso almeno per pareggiare il costo della vista. E poi,secondo, gli esperti, questo buco potrebbe tradursi anche in tempi più lunghi per il pagamento del Tfr, come già sta accedendo di fatto per il tfr degli statali. E già ora, diverse aziende, quando possono, sono costrette ad anticipare il Tfr ai propri lavoratori, aspettando, poi, il rimborso da parte dell'INPS.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":