Pensioni 2019, Ape Social proroga INPS ufficiale. Per chi, requisiti, come funziona

Prorogata per tutto il 2019 l’Ape social per andare in pensione prima: chi può farne domanda e come e cosa prevede

Pensioni 2019, Ape Social proroga INPS u

Pensioni 2019 Ape Social requisiti come funziona

La nuova Legge di Bilancio 2018-2019 e la Manovra Finanziaria ha prorogato anche per il 2019, per quest'anno, l’Ape social, misura sperimentale introdotta dal precedente governo Renzi insieme all’Ape volontaria, che avrebbe dovuto esaurirsi entro il 31 dicembre 2018 ma che invece varrà come possibilità di uscita prima anche nel 2019. Vediamo come funziona l'Ape social 2019.

Ape social 2019, requisiti. Chi può fare domanda all'INPS

L’Ape social è una possibilità di uscita prima, a costo zero, che può essere richiesta solo da determinate persone inquadrate come svantaggiate. Si tratta, in particolare, di persone che restano in totale stato disoccupazione involontaria che abbiano esaurito da almeno 3 mesi tutti i sussidi di disoccupazione e abbiano raggiunto 63 anni di età e maturato 30 anni di contributi; invalidi (e parenti di primo grado) che abbiano maturato almeno 30 anni di contributi e a cui sia riconosciuta una invalidità superiore al 74%; lavoratori impegnati in lavori gravosi da almeno 6 anni in via continuativa e abbiano maturato almeno 36 anni di contributi.

Rientrano nella lista definita di occupazioni gravose:

  1. operai dell’industria estrattiva;
  2. lavoratori dell’edilizia;
  3. conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  4. conciatori di pelli e di pellicce;
  5. conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
  6. conduttori di mezzi pesanti e camion;
  7. professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
  8. addetti all’assistenza di persone in condizioni di non autosufficienza;
  9. maestre d'asilo;
  10. facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati;
  11. personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
  12. operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti.
  13. operai siderurgici;
  14. operai dell’agricoltura, della zootecnia e pesca;
  15. pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare dipendenti o soci di cooperative;
  16. lavoratori marittimi.


Ape social 2019, come funziona.

L’Ape social viene erogata per 12 mensilità e non è rivalutabile in base all’inflazione, è un trattamento di accompagnamento alla pensione finale interamente a carico dallo Stato, motivo per il quale viene erogato solo a persone in condizioni di difficoltà, e prevede un tetto di 1.500 euro lordi. L’Ape social non spetta se si percepisce la pensione diretta, compreso l’assegno di invalidità, e non è compatibile con altri trattamenti di sostegno al reddito.

La domanda di accesso all’Ape social deve essere presentata direttamente all’Inps esclusivamente in via telematica e se si riceve esito positivo dallo stesso Istituto, dopo la valutazione di condizioni e requisiti presentati, l’erogazione dell’indennità decorre dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda. Chi è in possesso di tutti i requisiti appena riportati entro il 31 dicembre 2018 deve presentare la richiesta entro il 31 marzo 2019.

Tra le novità per le pensioni 2019, non c'è solo la proroga di Ape Social, ma anche le novità relative a quota 100, opzione donna proroga, pensione anticipata per precoci e usuranti e altre forme per uscire prima viste in un articolo dedicato

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: