Pensioni anticipate 2019 legge ufficiale oggi martedì in Senato. Quando voto e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Le pensioni anticipate 2019 contenute nel decreto si avviano a diventare ufficiali con la conversione del decreto in legge: tempi e attese

Pensioni anticipate 2019 legge ufficiale

pensioni anticipate 2019 conversione decreto ufficiale gazzetta

Oggi martedì 26 marzo il decreto pensioni 2019 approda in Senato per il voto finale di conversione in legge ufficiale. Quando arriverà il voto ufficiale? E quando il provvedimento sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale?

Pensioni anticipate 2019: voto finale Senato oggi

Da novità pensioni di quota 100 in via sperimentale per tre anni a nuove proroghe di opzione donna e ape social, al blocco delle aspettative di vita per la pensione anticipata per cui valgono ancora i requisiti dei 42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi di contributi per le donne, a reddito e pensioni di cittadinanza: sono queste le misure contenute nel decreto pensioni che si avvia a ricevere il voto finale in Senato.

In Senato si attende il voto di fiducia al provvedimento e, come confermano le ultime notizie, non sarà presentato alcun nuovo emendamento. Il voto potrebbe arrivare oggi stesso ma è molto più probabile, stando alle ultime notizie, che arrivi domani mercoledì 27 marzo. Dopo aver incassato il voto finale in Senato, il decreto pensioni sarà ufficialmente convertito in legge e dopo due o tre giorni al massimo sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Pensioni anticipate 2019: emendamenti e domande Inps

Una volta approvato il decreto pensioni convertito in legge ufficiale, dal primo aprile, come già annunciato dall’Inps tempo fa, le prime domande di pensionamento con le ultime novità di pensioni anticipate 2019 inizieranno ad essere ufficialmente approvate.

Per l’approvazione finale delle domande di pensione, infatti, sono quattro i passaggi previsti dall’iter: accoglimento della domanda, elaborazione della domanda con controllo dei requisiti, approvazione della domanda e liquidazione della pensione che potrebbe avvenire in poche settimane, una o due, o anche in qualche mese, anche due o tre mesi.

Stando a quanto riportano le ultime e ultimissime notizie, l’Inps proprio qualche giorno fa avrebbe diffuso una nuova comunicazione spiegando che 25mila domande presentate per la quota 100 saranno approvate subito dal primo aprile mentre le altre 25mila domande saranno approvate dal primo maggio con decorrenza dal primo aprile e pagamento degli arretrati.

Intanto, continuano ad essere presentate domande per l’uscita con quota 100, opzione donna prorogata, pensione anticipata con blocco delle aspettative di vita e per l’opzione donna, secondo le ultime notizie, le domande presentate finora sarebbero 16mila circa. Le prima approvazioni ufficiali, come detto, ci saranno dal primo aprile, senza alcun ritardo precisano dall’Inps.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: