Pensioni anticipate 2019 uomini e donna novitÓ oggi lunedý e settimana voto Camera, domande INPS

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni anticipate 2019 uomini e donna

Pensioni anticipate oggi lunedi attese settimana

Cosa potrebbe cambiare per le pensioni anticipate con prossimi passaggi decreto alla Camera: ultime notizie e attese

Quali sono le novità pensioni previste dal decretone approvato in Senato? Quanto si prenderà decidendo di andare in pensione anticipata 2019 con blocco delle aspettative di vita? Stando a quanto stabilito, con il blocco delle aspettative di vita per andare in pensione anticipata, anche per quest'anno i requisiti da raggiungere saranno 42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi di contributi per le donne, indipendentemente dal requisito anagrafico. Cancellati, dunque, i cinque mesi di aumento scattati dal primo gennaio 2019 e con la conversione del decreto pensioni in legge diventerà ufficiale.

Pensioni anticipate: novità oggi questa settimana e passaggi testo

Perché il decreto pensioni venga ufficialmente convertito in legge deve concludere il suo iter in Parlamento e oggi lunedì, stando a quanto riportano le ultime notizie, o al massimo domani martedì, dovrebbero iniziare i lavori in Commissione e il 18 marzo dovrebbe essere in programma la prima convocazione in Aula. Il governo qualche tempo fa aveva comunicato di avere intenzione di chiudere la partita sul decreto pensioni entro il 15 marzo o comunque non oltre la seconda settimana del mese. Ma potrebbero allungarsi un po’ i lavori. Un breve ritardo non causerebbe alcun problema considerando che per la conversione in legge del decreto sono fissati 60 giorni ed essendo iniziato l’iter del decretone a fine gennaio ci sarà tempo fino a fine marzo.

E stando alle ultime notizie, sarebbero prenotate nel calendario ufficiale dei lavori della Camera potenziali convocazioni anche fino al 28 marzo per il voto finale, anche se gli accordi potrebbero essere chiusi prima. Il problema è riuscire a chiudere tutto un po’ prima considerando che per il primo aprile è stato stabilito l’accoglimento delle prime domande di pensione con le ultime novità e si vorrebbero evitare accavallamenti.

Novità pensioni anticipate: emendamenti ancora in ballo e attese Inps

Dopo l’approvazione dei primi emendamenti in Senato che prevedono aumento da 30 a 45mila euro del Tfs da erogare subito agli statali che decidono di andare in pensione con la quota 100; sospensione della pensione ai condannati in via definitiva a pene di almeno due anni per reati legati ad associazione mafiosa e terrorismo; ed estensione della pace contributiva, riprenderanno alla Camera le discussioni sugli emendamenti rimasti, contrariamente a quanto era stato anticipato, e cioè che il passaggio alla Camera sarebbe stato veloce perché senza emendamenti. In Aula bisognerà anche sciogliere gli ultimi nodi relativi alle coperture economiche.

Tra gli emendamenti da discutere, pochissimi sono quelli relativi alle pensioni anticipate avanzati sa maggioranza, Pd e opposizioni e sindacati. Le proposte di modifica riguardano, in particolare:
possibilità di riconoscimento di contributivi figurativi di 3 anni per ogni donna over 50 che abbia maturato almeno 20 anni di contributi o un anticipo dell'età anagrafica di 4 mesi per le donne per ogni figlio avuto, fino ad un massimo di 12 mesi per la pensione finale;
agevolazioni per la pensione anticipata e altre novità pensioni degli esodati rimasti senza lavoro prima del 2011 e oggi disoccupati.

Sempre per questa settimana, come confermano le ultime notizie ad oggi lunedì, si attende il rilascio del software aggiornato ufficiale Inps per il calcolo della pensione finale con le ultime novità.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: