Pensioni anticipate 2020-2021, Tridico rilancia la sua proposta con forza. Le reazioni

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni anticipate 2020-2021, Tridico r

Pensioni anticipate Tridico rilancia proposta forza

In pensione prima a 62 anni ma esclusivamente con ricalcolo contributivo: la ricetta del presidente dell’Inps per pensioni anticipate

Non solo sindacati e forze sociali: il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, stando a quanto riportano le ultime notizie, è tornato a rilanciare con forza la sua proposta per le novità per le pensioni. Vediamo qual è la proposta del presidente Inps per le pensioni anticipate 2020-2021.

Pensioni anticipate 2020-2021 proposta Tridico

La ricetta per novità pensioni anticipate 2020-20201 del presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, prevede la possibilità di andare in pensione a 62 anni di età con un assegno calcolato con sistema contributivo, sistema che per Tridico dovrebbe subentrare alla quota 100 che si esaurirà nel 2021. Tuttavia, il piano del presidente dell’Inps pur prevedendo la possibilità di andare in pensione prima fino a cinque anni rispetto a quanto richiesto dalla pensione di vecchiaia (67 anni di età e 20 anni di contributi), implica forti penalizzazioni sul trattamento finale che i pensionati percepirebbero.

La penalizzazione deriverebbe, come spiegato, dal ricalcolo contributivo del calcolo dell’assegno, ipotesi che ha scatenato diverse polemiche ma che, come sottolineato dal presidente Tridico, a partire dal 2036 sarà comunque valido per tutti.

Ha poi parlato di pensioni di garanzia per i giovani per coprendo i vuoti contributivi causati dall’attuale lavoro precario e saltuario. 

Tridico punta, inoltre, a fomule per agevolare le donne, i precoci e gli usuranti, e lo ha ripetuto anche più volte negli ultimi tempi, ma nel concreto non è mai entrato nello specifico. Su quota 41, ad esempio, non si è mai espresso in maniera deinitiva, mentre per usuranti ha parlato di un sistema a punteggio per favorire ch fa lavori più gravosi, ma senza altri particolari. Stesso discorso per le pensioni anticipate per le donne.

Tridico è consapevole che deve essere riconosciuta una formula specifica per il mondo femminile riconoscendo anni di contributi figurativi o un veros istema di pensioni anticipate ad hoc per le donne, ma non ha mai formulato uan proposta definitiva in questo ambito.

Reazioni proposta presidente Inps pensioni anticipate 2020-2021

La ricetta per novità pensioni anticipate 2020-2021 del presidente Inps, però, stando a quanto confermano le ultime notizie, non sembra essere stata ben accolta dai più a partire dal segretario generale della Cgil, Landini, che ha criticato il piano del presidente Inps con un ricalcolo contributivo totale a partire dai 62 anni, perché, ha spiegato, sarebbe un sistema molto penalizzante.

Anche per Domenico Proietti della Uil il ricalcolo contributivo delle pensioni non va bene, perchè avrebbe come risultato solo un taglio delle pensioni indebolendo in maniera forte gli assegni pensionistici e penalizzando ancora una volta chi ha lavoratore per una intera vita facendo anche sacrifici.

Anche per l'ex ministro Fornero il piano per pensioni anticipate 2020-2022 del presidente Inps non è positivo perché se da una parte è vero che implica costi onerosi, considerando che si percepisce la pensione per cui si sono effettivamente pagati i contributi, dall’altra è anche vero che le pensioni risultanti sarebbero molto più basse di quelle che i lavoratori si attendono, cosa che scatenerebbe molti malcontenti e proteste.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: