Pensioni anticipate 2020, le proposte di Pd, M5S, Lega, Sindacati

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni anticipate 2020, le proposte di

Pensioni anticipate proposte Pd M5S Lega Sindacati

Nuove proposte per pensioni anticipate 2020 dalle diverse forze politiche e sociali: cosa potrebbe cambiare per quota 100, quota 41, opzione donna

Il Governo ha deciso di dare avvio tavoli di confronto e incontri con i sindacati per risolvere la questione delle novità pensioni con l’obiettivo di andare oltre l’attuale riforma Fornero delle pensioni, obiettivo ribadito a più riprese dallo stesso ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, sostenuto anche da altri autorevoli esponenti del governo stesso, dal ministro Di Maio al ministro Catalfo, dal segretario del Pd, Nicola Zingaretti e al ministro delle'economia Gualtieri, senza dimenticare Salvini e Giorgia Meloni.

Tra l'altro è da sottolineare come nel 2020, e certamente nel 2021, quota 100 rischia di non esserci più e la stessa opzione donna è vista complessa come proroga. Ma per entrambe l'impegno che pare condiviso da tutti, è quello di rilanciare come impegno le novità per le pensioni per l'uscita anticipata (e anche relativi aumenti), per tutti, ma anche con forme particolari per le donne ealtre categorie come usuranti, precoci, disoccupati.

Ma quali sono le ipotesi in essere per le pensioni anticipate che saranno allo studio nel 2020 per andare oltre quota 100 e opzione donna e in generale alla riforma fornero? E per le pensioni già in essere, quali aumenti vi potrebbero essere?

Pensioni anticipate 2020, le proposte Pd

Tra le proposte del Pd per le pensioni anticipate 2020 spicca, come confermano le ultime notizie, quella del consigliere economico Tommaso Nannici di uscita anticipata per tutti a 64 anni. Nannicini ha più volte spiegato come bisognerebbe andare oltre la quota 100, definendo una soluzione che permetta di andare in pensione prima non solo a specifiche categorie di persona ma a tutti coloro che raggiungono determinati requisiti.

La proposta avanzata da Nannicini prevederebbe la possibilità per tutti i lavoratori di andare in pensione a 64 anni di età e avendo maturato almeno 20 anni di contributi, abbassando quindi il requisito della pensione di vecchiaia di tre anni, portandola a 64 anni dai 67 anni attualmente richiesti per l’uscita e lasciando invariato il requisito contributivo.

Con questo sistema di pensione anticipata, a differenza delle forme pensionistiche che richiedono la maturazione di almeno 35 anni di contributi, la pensione anticipata potrebbe essere raggiungibile anche da tutti coloro che hanno avuto una carriera discontinua e precaria. A questa forma di pensione anticipata, si affiancano altre proposte di Nannicini di novità pensioni come:

  • quota 92, per andare in pensione a 62 anni e con 30 anni di contributi per disoccupati, lavoratori usuranti, invalidi o disabili o persone che se ne prendono cura;
  • cancellazione dei paletti per l’Ape sociale dei disoccupati Ape Social;
  • allargamento della lista dei lavori usuranti;
  • nuovo bonus collegato agli anni di lavoro prima dei 19 anni per il riconoscimento dei contributi figurativi per permettere di andare in pensione prima dei 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne;
  • bonus donne, per il riconoscimento dei contributi figurativi alle donne che lavorano e si prendono cura della famiglia o una pensione per le donne ad hoc.

Naninicini ha, poi, sottolineato l'importante di agevolazioni e benefici, nonchè di pensioni maggiori per invalidi e disabili

Proposte per pensioni anticipate 2020 e quota 100 continuano ad essere ribadite anche da Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro.

Del resto, Damiano è stato il fautore della prima proposta di novità pensioni di quota 100, prevedendo come base l’uscita a 60 anni di età e 40 anni di contributi che  potrebbero essere anche 61 anni di età e 39 anni di contributi, 62 anni di età e 38 anni di contributi, e così via con penalizzazioni, però, in base all’anno di anticipo che si sceglie per andare in pensione rispetto al requisito attualmente richiesto.

Entrambi, sia Nannicini che Damiano, si dicono, poi, convinti della necessità di una rivalutazione più forte delle pensioni, non come quella in essere finora ( e negli ultimi 20 anni)

Pensioni anticipate 2020, proposte M5S

Per il M5S è stato il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ancora ultimamente, come confermano le ultime notizie, a ribadire la volontà e l’impegno di andare oltre la riforma Fornero con novità pensioni ad hoc per precoci, usuranti e donne e novità da definire per gli over 50.

La Catalfo ha, pertanto, nuovamente rilanciato sull’importanza di definire nuove forme di pensione anticipata 2020 ma a parte le parole, stando alle ultime notizie, non ci sono ancora proposte concrete di novità pensioni anticipate 2020 dai pentastellati al momento allo studio.

Importante per il Ministro, comunque, anche una rivalutazione seria delle pensioni già erogate e misure ad hoc per disabili e invalidi.

Le proposte della Lega per le pensioni anticipate 2020

Per la Lega, è stato ancora Matteo Salvini ad alzare la voce sulla questione pensioni qualche giorno fa nel corso della trasmissione Di Martedì.

Il leader del Carroccio ha, infatti, rilanciato su diverse novità pensioni, ribandendo come la quota 100 sia stata approvata come primo passo verso una revisione più completa delle pensioni anticipate 2020; rilanciando sulla necessità sempre più urgente di una quota 41 per tutti senza alcun paletto né condizione e su novità per pensioni anticipate 2020 per le donne che vadano oltre l’opzione donna, che per Salvini resta comunque una soluzione onerosa di uscita prima.

Senza dimenticare la promessa di Salvini, più volte fatta ma mai mantenuta finora, di rivalutazione delle pensioni e aumenti importanti per invalidi e disabili.

Pensioni anticipate 2020: proposte Sindacati

In attesa del via ai nuovi tavoli con il Governo per tornare a ribadire la necessità e l’urgenza di attuazione di ulteriori misure rispetto a quelle già prospettate per la prossima Legge di Bilancio 2020, i Sindacati continuano a rilanciare su miglioramenti per le pensioni e aumenti per le pensioni.

Stando a quanto riportano le ultime notizie, il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, continua a mantenere la sua posizione di proposta per le pensioni anticipate 2020 di abbassamento dell’età generale pensionabile per tutti portandola da 67 anni a 62 anni di età. Ma non solo.

Come ben noto, infatti, Cgil insieme a Uil e Cisl puntano a:

  • pensioni anticipate ad hoc o bonus contributivi per precoci, usuranti e disoccupati;
  • quota 41 per tutti.
  • bonus contributivi per permettere alla donne di maturare prima la pensione anticipata 2020 o una pensione ad hoc per le donne.
  • rivalutazione delle pensioni e aumenti per pensioni di invalidità e disabilità.

E le ultime notizie parlano anche di una richiesta al governo di risoluzione dell’annosa questione che riguarda i contributi silenti versati ma che comunque non servono a milioni di italiani per andare in pensione.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: