Pensioni Ape Volontaria ufficiale: calcolo, prestiti banche, domanda INPS, requisiti in decreto firmato

Chi può richiedere l’ape volontaria e quali sono i requisiti necessari per accedervi: regole da seguire per invio domanda di richiesta. Calcolo e quando conviene.

Pensioni Ape Volontaria ufficiale: calco

pensioni novità ape volontardia requisiti domanda inps


Eì stato finalmente firmato il decreto dell'Aper Volontaria e nel giro di qualche giorno dovrebbe essere disponibile in Gazzetta Ufficiale e quindi da subito si potranno fare le domande dell'INPS. Alcuni punti, la firma è avvenuta questa mattina, devono ancora essere comunicati e chiariti dalla lettura del testo, ma già si conoscono alcuni dettagli sul costo del prestito, il calcolo, e i requisiti necessari per richiedere l’ape volontaria, con relativo funzionamento e regole di presentazione della domanda Inps. Cerchiamo di capire il funzionamento dell'Ape Volontaria che costi avrà e chi può richiedere e fare domanda all'INPS

Ape volontaria: requisiti ed età necessari per accedervi

L’Inps ha specificato che non tutti i lavoratori che quest’anno vorranno andare in pensione prima potranno chiedere da ora l’ape volontaria. Esistono, infatti, particolari requisiti da soddisfare senza i quali non sarà possibile richiedere l’ape. In particolare, per la domanda di ape volontaria bisogna:

  1. aver raggiunto 63 anni di età e 7 mesi al primo maggio 2017;
  2. aver maturato almeno 20 anni di contributi;
  3. avere un reddito da pensione non inferiore a 700 euro al mese, cioè pari a 1/4 del trattamento minimo Inps.

Ape volontaria: prestiti banche e regole calcolo

Se si soddisfano tutti questi requisiti, allora si hanno tutte  le carte in regole per chiedere di anticipare l’età pensionabile fino a tre anni rispetto all’attuale soglia dei 66 anni e sette mesi, ricevendo banche un anticipo che sarà, però, erogato al lavoratore dall’Inps e che dovrà essere restituito con un piano di rimborso di 20 anni a partire dal momento del raggiungimento dei normali requisiti pensionistici attualmente richiesti. La restituzione dell’anticipo percepito dovrà tenere conto dei tassi di interesse che dovranno esservi calcolati, che cambieranno tra un minimo del 2% fino al 5-5,5% anuo medio, ma con le detrazioni fiscali già previste fino al 50% si dovrebbe ridurre e arrivare ad un Taeg del 3,2%.

Insieme al tasso di interesse, i lavoratori che desiderano andare in pensione prima con l’ape volontaria saranno obbligati a stipulare una polizza assicurativa di copertura in caso di premorienza rispetto ai 20 anni di durata del rimborso.Ill costo del premio assicurativo finale, dovrebbe essere del 30% circa, ma si attende anche qui di leggere il testo finale. 
Dai nostri calcoli l'Ape Volontaria conviene se gli oneri non superano il 4,8% complessivo. Fino a  questo punto e sotto conviene come abbiamo spiegato in questo articolo con degli esempi e simulazioni. Per il calcolo personalizzato si può usare questo nostro simulatore online per il calcolo dell'Ape Volontaria che permette di fare i conti anche modificando i paramtri sia personali sia via via che si conosceranno esattamente.

Ape volontaria: domanda Inps e iter da seguire

Diversi gli iter da seguire per l’invio della domanda di richiesta di accesso all’ape volontaria. Innanzitutto, ogni lavoratore, prima di inviare domanda di richiesta dell’ape volontaria, deve consultare la lista di banche e assicurazioni che hanno firmato gli accordi di coinvolgimento nel meccanismo dell’ape. Da questa lista dovrà scegliere la banca cui richiedere il prestito e a cui bisognerà inviare la certificazione di possesso di tutti i requisiti richiesti. Prima si farà la doamdna all'INPS che fonirà la certificazione di poter accedere all'Ape Volontaria. Poi con questa certificazione il cittadino potr fare richiestea del rpestito alle banche convenziate e alle assicurazioni (la lista la darà l'INPS) Contestualmente, gli stessi modelli dovranno essere inviati alle assicurazioni. Ricevuto il primo via libera, allora si potrà inviare la domanda vera e propria di acceso all’ape volontaria all’Inps che non è detto la accetti. E’, infatti, possibile che la domanda venga anche rifiutata.