Pensioni, cosa pu˛ ancora cambiare in Legge di Bilancio. E nuovi rilanci

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni, cosa pu˛ ancora cambiare in Le

NovitÓ pensione e modiche in legge di bilancio

Approvato il primo testo della Legge di Bilancio 2019-2020, ma con un voto salvo intese. Nello stesso tempo, anche il Ministro Catalfo rilancia su possibilitÓ novitÓ per le pensioni

E' stato approvato il primo testo della Legge di Bilancio 2019-2020 questa mattina all'alba, oggi mercoledì 16 Ottobre 2019, dopo un lunghissimo Consiglio dei Ministri.

Ma è bene sottolineare che nonostante la presenza di novità per le pensioni ufficiali, molte delle misure previste, come si può evincere molto bene dalle ultime notizie e ultimissime, sono ancora dei "capitoletti" il cui contenuto è una serie di ipotesi.

Non così almeno, sembra per le novità per le pensioni, almeno per alcune che sembrano totalmente definite e che difficilmente potranno essere modificate.

Attenzione, però, che il primo testo della Legge di Bilancio è stato votato con la dicitura salvo intese, questo significa che potrebbero esserci cambiamenti nel corso dell'iter in Parlamento prima alla Camera e poi al Senato nei prossimi due mesi, come è sempre stato.

E dall'altra parte, molto misure, come abbiamo appena detto, non sono assolutamente definite, e ci sono tante ipotesi sul tavolo.

Le possibili modifiche per le novità per le pensioni nella discussione Legge di Stabilità 2019-2020

Il tema di possibili modifiche per le novità per le pensioni è venuto già alla ribalta ieri, quando nel vertice pre-manovra, diversi esponenti hanno spiegato che per le finestre di quota 100 ci saranno eventualmente confronti nei tavoli dei sindacati, così come per capire se quota 100 potrà rimanere anche nel 2021 o sarà sostituita già da una nuova pensione anticipata che si dovrà decidere anch'essa nel confronto con i sindacati.

E non a caso, oggi, lo stesso Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha rilanciato spiegando che il prossimo obiettivo è trovare una soluzione di pensione anticipata per uscire prima alternativa a quota 100, il prima possibile e ha espresso il desiderio di aprire un confronto per definire i lavori usuranti e gravosi e pensioni ad hoc o miglioramenti per essi. Da ricordare che la Catalfo ha ribadito più volte, come Di Maio, che uno degli obiettivi triennali del Governo è anche quota 41.

Detto questo, quota 100 nel 2020 pare, ormai, sicura così come che le finestre saranno uguali a prima. Nessuna modifica per quest'anno, mentre per il 2021 il discorso rimane più aperto.

Certa, invece, è una discussione molto serrata sulle rivalutazioni delle pensioni tra Sindacati e Governo. In legge di Bilancio c'è un aumento degli importi fino alle pensioni di 2mila euro. Ma sarebbe, dicono i sindacati, di poco meno di 6 euro. Troppo poco e la trattativa sarà dura, nonostante i fondi appaiono scarsi.

Confermate, invece, la proroga di Opzione Donna per il 2020 e l'Ape Social per il 2020, ma senza nessun miglioramento di quelli che eravano stati paventati come contributi figurativi aggiuntivi per le donne che curano familiari malati, disabili e invalidi oppure per ogni figlio avuto.

Ancora nulla, invece, come miglioramenti, sia in quota 100 o Ape Social, per precoci, usuranti o disoccupati e nulla ancora per esodati e pensioni di invalidità ma le parole di Conte, rinadite da Nunzia Catalfo lasciano alcune speranze in una strada sempre, comunque, in salita

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":