Pensioni di invalidità 2019 e disabili nulla in decreto pensioni. Al via manifestazioni di protesta

Nessuna novità al momento prevista nel decreto pensioni per pensioni di invalidità e disabili: prime proteste in piazza 8 e 9 febbraio

Pensioni di invalidità 2019 e disabili n

pensioni invalidita nulla decreto manifestazione protesta

Il maxi decreto pensioni ha iniziato il suo iter in Parlamento e, all’indomani delle ultime notizie che riguardano le prime circolari attuative già emesse dall’Inps per le regole e i chiarimenti di uscita con le novità pensioni di quota 100, proroga di opzione donna e ape social 2019 e pensione anticipata con blocco delle aspettative di vita, le ultime e ultimissime notizie riportano la forte delusione per quanto riguarda le pensioni di invalidità 2019. Sembrerebbe, infatti, al momento non esserci nulla di nuovo in merito nel decreto pensioni.

Pensioni di invalidità 2019: nulla in decreto pensioni

L’intenzione annunciata dal vicepremier Matteo Salvini per quanto riguarda pensioni di invalidità e disabili era quella di definire modifiche per aumentare i fondi per i disabili e per le pensioni di invalidità 2019. Ma, come confermano le ultime notizie, infatti, nella nuova Legge di Stabilità non è previsto alcun aumento delle pensioni di invalidità e ben ‪1.072.000‬ persone continueranno a percepire 285,66 euro mensili, cioè il 300% sotto alla soglia di povertà. Inoltre, le pensioni di invalidità dall’ inizio del 2019 sono aumentate di 3 euro e 11 centesimi e tante famiglie di persone con disabilità non potranno nemmeno accedere al reddito di cittadinanza.

Il decreto penisoni non prevede nulla di specifico per pensioni di invalidità 2019 e disabili e anche per quanto riguarda pensione e reddito di cittadinanza, invalidi e disabili devono soddisfare gli stessi requisiti richiesti a tutti i cittadini e cioè avere un Isee di 9.360 euro; aver superato il 65esimo anno di età o nel caso di una coppia di pensionati almeno uno dei due coniugi sia over 65; avere un valore immobiliare non superiore ai 30mila euro in più oltre una eventuale casa di proprietà; avere un patrimonio mobiliare al massimo di 6mila euro, che aumentano di 2mila euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10 mila euro, e di 5mila euro nel caso in cui in famiglia vi sia un disabile.

Tuttavia, nel calcolo del reddito dei disabili rientrerebbe anche l’assegno di invalidità da 285 euro e ciò significa che per una famiglia con figlio disabile a reddito zero sarà considerato un reddito di 3.420 euro, somma totale annua del sussidio, che per la famiglia stessa si tradurrà in una riduzione del beneficio. Un vero e proprio paradosso. E le associazioni sono sul piede di guerra.

Pensioni di invalidità 2019: al via le proteste

Il presidente dell’Associazione Carrozzine Determinante, Claudio Ferrante, ha sottolineato con forza come la presenza di nulla di specifico nel decreto pensioni per invalidi e disabili rappresenti ancora una volta una presa in giro, promesse ancora una volta disattese nei confronti di persone che avrebbero reale bisogno di sostegni ma ancora una volta lasciate ai margini e chiede al governo l’aumento delle pensioni di invalidità da 285,66 a 780,00 euro come quanto previsto dal reddito di cittadinanza; e l’aumento dell’indennità di accompagnamento Inps delle persone con disabilità grave, attualmente di 515,34 euro mensili. Lo stesso Ferrante ha, inoltre, annunciato una nuova protesta che si terrà a Pescara venerdì 8 febbraio alle 16 davanti alla Prefettura in Piazza Italia, invitando quante più persone possibili a partecipare. Il giorno successivo, cioè il 9 febbraio, è invece stata organizzata la manifestazione unitaria dei sindacati Cgli, Cisl e Uil in piazza San Giovanni.

La protesta degli invalidi civili è, però, anche sui social network e soprattutto su Facebook, su molte pagine e gruppi che fanno riferimento al tema delle pensioni dell'invalidità, si parla di discriminazione e disuguaglianza, si chiedono aumenti considerati del tutto leciti, fino ai 780 euro previsti dal reddito di cittadinanza; su Twitter, invece, Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia parla di irrispettoso atteggiamento adottato nei confronti degli invalidi e chiede il raddoppio dell'attuale assegno di invalidità.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: