Pensioni invalidi 2019 e disabili novità emendamenti oggi martedì alla Camera. Silenzio da parte di Durigon

di Marianna Quatraro pubblicato il

Emendamenti in discussione per pensioni di invalidità e recenti affermazioni del sottosegretario Durigon: cosa aspettarsi

Pensioni invalidi 2019 e disabili novità

Pensioni invalidi disabili emendamenti Camera Silenzio Durigon

Oggi martedì continuano le discussioni sugli emendamenti presentati al decreto pensioni presentati e lasciati in sospeso in Senato e rinviati alla Camera. Occhi puntati sulle novità proposte per le pensioni di invalidità 2019 e relativi aumenti che per la Lega rappresentano una modifica fondamentale da attuare. Tuttavia, stando a quanto riportano le ultime notizie, dalle recenti dichiarazioni del sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, ci sarebbero molte incertezze sull’approvazione degli emendamenti per le pensioni per invalidi e disabili.

Pensioni invalidi 2019 e disabili: emendamenti in discussione

Le ultime notizie relative agli emendamenti presentati per le pensioni di invalidità presentati dalla Lega confermano le richieste di:

  1. aumenti per le pensioni di invalidità 2019 e disabili e cancellazione delle condizioni Isee attualmente previste;
  2. erogazione della pensione di cittadinanza anche a nuclei con anziani che hanno meno 67 anni se in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza;
  3. pensione di cittadinanza anche agli anziani che vivono con un disabile più giovane.

A questi emendamenti presentati dalla maggioranza, si aggiungono quelli di Pd e sindacati che, esattamente in egual modo e maniera, chiedono aumenti per invalidi e disabili e maggiori tutele per queste categorie di persone per cui la Legge di Bilancio 2019 non ha previsto nulla ma per cui dovrebbero essere invece definite misure specifiche.

Pensioni invalidi 2019 e novità pensioni: modifiche ulteriori da sottosegretario Durigon

Gli aumenti delle pensioni di invalidità 2019 rappresentano una delle questioni fondamentali in discussione alla Camera e per cui il governo ha assicurato che si cercherà la quadra per i conti. Tuttavia, il sottosegretario al Lavoro Durigon, nel corso di un incontro tenutosi a Torino, non ha fatto alcun accenno a pensioni invalidi 2019 e disabili ed eventuali modifiche. Si tratta di un silenzio piuttosto strano considerando che ha parlato di tutte le altre proposte di ulteriori modifiche avanzate per le altre novità pensioni, dalla possibilità di estensione dell’opzione donna anche alle nate nel 1961 ma in un secondo momento e non quest’anno, a causa della mancanza di sufficienti risorse economiche, alla quota 41 per tutti, alla divisione netta tra spesa assistenziale e spesa previdenziale.

Durigon, stando alle ultime notizie, avrebbe, invece, aperto per il breve periodo alla possibilità di riconoscimento di 4 mesi di abbuono per la pensione per ogni figlio per il raggiungimento della pensione finale con quota 100 e tutte le altre forme pensionistiche previste. Al momento, però, sarebbe l’unica agevolazione possibile per le donne per cui non possono essere riconosciuti ulteriori sconti anche nei casi di donne che assistono  familiari in difficoltà.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: