Pensioni invalidi 2019 e disabili novitÓ maxiemendamento unico in Senato oggi venerdý. Aggiornamenti modifiche attese

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni invalidi 2019 e disabili novitÓ

Pensioni invalidi 2019 maxiemendamento unico Senato Aggiornamenti

Le modifiche attese per le pensioni invalidi 2019: cosa aspettarsi per il maxiemendamento unico in Senato e ultime novitÓ

Continuano ad essere diverse le ultime notizie ad oggi venerdì relative alle novità pensioni in discussione. Salta anche oggi la convocazione in Commissione Lavoro per le discussioni sugli emendamenti presentati alle pensioni, esattamente come accaduto ieri e mercoledì e, stando alle ultime notizie, il motivo per cui sarebbero saltate le discussioni sarebbe il fatto che probabilmente Lega e M5S cercano un accordo, in privato, per arrivare alla presentazione di un maxiemendamento unico in Senato. Occhi puntati non solo su novità di quota 100, proroga opzione ed esodati, come emerge dalle ultime notizie, ma anche sulle proposte di modifiche avanzate per le pensioni di invalidità 2019 e disabili. Quali sono le modifiche attese?

Pensioni invalidi 2019 e disabili: cosa aspettarsi per il maxiemendamento in Senato

Cosa prevedono le ultime notizie per le pensioni invalidi 2019? Stando a quanto riportano le ultime notizie, la Lega punterebbe particolarmente sulle modifiche alle pensioni di invalidità. Si parla soprattutto di aumento per le pensioni di invalidità 2019 e dei disabili e aumento per le pensioni di cittadinanza fino a 780 euro, prevedendo per queste categorie di persone requisiti diversi da quelli richiesti a tutti gli altri cittadini, a partire dai requisiti Isee. Ma non solo.

Con particolare riferimento alle pensioni di invalidità 2019, la Lega ha presentato altri emendamenti per invalidi e disabili che prevedono:

  • un aumento delle pensioni di invalidità dei coefficienti della scala di equivalenza di uno 0,1 per ogni componente del nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficiente
  • eliminazione dell’assegno di invalidità dal calcolo Isee; un lavoro vicino casa prioritario per chi ha disabili in famiglia;
  • pensione di cittadinanza anche a nuclei con anziani che hanno meno 67 anni se si trovano in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza;
  • pensione di cittadinanza anche agli anziani che vivono con un disabile più giovane.

Maxiemendamento unico in Senato: le altre proposte di novità pensioni fattibili

Tra le proposte di modifiche del maxiemendamento unico in Senato, per la novità di quota 100 un aumento del Tfs agli statali che decidono di andare in pensione prima con la quota 100 da 30mila a 45mila euro; sistemi per raggiungere più facilmente i requisiti per la quota 100 con il riconoscimento di contributivi figurativi di 3 anni per ogni donna over 50 che abbia maturato almeno 20 anni di contributi e un figlio o un anticipo dell'età anagrafica di 4 mesi per le donne per ogni figlio avuto, fino ad un massimo di 12 mesi, per il raggiungimento della pensione finale, anche se in quest’ultimo caso si tratta di una misura decisamente in dubbio; riscatto agevolato di laurea anche per chi ha iniziato a lavorare prima del 1996; facilitazioni per permettere di andare pensione prima con le ultime novità di quota 100 e altre forme pensionistiche agli esodati che sono rimasti senza lavoro prima del 31 dicembre 2011 e che sono ora disoccupati; revisione del calcolo delle pensioni dei sindacati con cancellazione dei privilegi attuali e seguendo regole valide per il calcolo della pensione di tutti gli altri lavoratori. Anche in tal caso sono diversi i dubbi che la misura passi.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire