Pensioni invalidità 2019, disabili deciso emendamenti rinvio e data voto in Senato finale. Novità oggi venerdì

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni invalidità 2019, disabili decis

Pensioni invalidi rinvio emendamenti voto finale Senato

Emendamenti per pensioni di invalidità 2019 rinviati alla Camera: mancano le necessarie risorse economiche. Cosa aspettarsi

Una serie di decisioni per le pensioni di invalidità 2019 e disabili che attendono fortemente gli emendamenti che dovrebbero portare agli aumenti promessi dall'attuale Governo per gli importi delle pensioni. Ed è stata decisa anche la data del voto finale al Senato.
 

l passaggio del decreto pensioni in Senato sembra lascerà aperte diverse questioni che, come riportano le ultime notizie, saranno affrontate nel successivo passaggio alla Camera. Tra queste, quelle relative agli emendamenti presentati dalla Lega per le pensioni invalidi 2019 e disabili. Cosa potrebbe cambiare?

Pensioni invalidi 2019 e disabili: tutto rinviato

Le ultime notizie confermano come le proposte di modifica per le pensioni degli invalidi siano state rimandate alla Camera, al momento, dunque, lasciate in sospeso per mancanza di sufficienti risorse economiche. Si tratta di una situazione che, stando a quanto annunciato tempo fa, c’era chi già temeva diventasse realtà, pur sperando che tutto si concludesse nel migliore dei modi. Quando infatti sono stati presentati gli emendamenti per aumenti delle pensioni di invalidità 2019 ma anche di estensione della pensione di cittadinanza anche a nuclei con anziani che hanno meno 67 anni se si trovano in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza e anche agli anziani che vivono con un disabile più giovane, la condizione posta è stata quella di approvazione di tali misure fermo restando la disponibilità di soldi che, però, non sono sufficienti.

Stando a quanto spiegato da esponenti del governo, si tratta di soldi che si cercheranno di recuperare in Aula. Ma al momento, come riportano le ultime notizie, c’è solo grande delusione. Il presidente della Anmic (Associazione nazionale mutilati e invalidi civili) Nazaro Pagano ha parlato di delusione e sconcerto, spiegando che migliaia di cittadini con disabilità saranno esclusi, nella stragrande maggioranza dei casi, da ogni beneficio collegato all’introduzione del reddito di cittadinanza e della pensione di cittadinanza. E invalidi e disabili si chiedono a quando ci sarà per loro un effettivo aumento della pensione a 780 euro. Laura Coccia, attivista per i diritti dei disabili ed ex parlamentare, ha parlato di delusione cocente per le aspettative di tutti i disabili che attendevano misure specifiche invece assolutamente mancanti.

Pensioni invalidi e disabili: voto finale in Senato

Per quanto riguarda il voto finale in Senato degli emendamenti alle novità pensioni, secondo le ultime, la conferenza dei capigruppo del Senato avrebbe deciso che il testo arriverà all'Aula del Senato lunedì 25 febbraio e dovrebbe essere votato anche senza emendamenti che rimarrebbero in sospeso per successive discussioni alla Camera. Mercoledì prossimo, 27 febbraio, dopo il voto in Senato, il testo passerà alla Camera per il voto finale. E solo alla Camera saranno sciolti gli ultimi noti rinviati, sia relativi ad emendamenti ancora da discutere, sia relativi alla questione soldi, necessari da trovare per poter dare il via ad alcune proposte di modifica, a partire dalle novità e dagli aumenti richiesti per le pensioni di invalidità 2019.  

Stando a quanto riportano le ultime notizie, l’intenzione del governo sarebbe quella di chiudere tutto entro la prima settimana di marzo, o al massimo la seconda, indicando come data il 15 marzo. E se tutto effettivamente si concludesse in questi tempi e l’Inps si muovesse parallelamente al Parlamento con le ultime circolari attuative mancanti, le pensioni potrebbero essere accolte dal primo aprile senza alcun ritardo.

Tuttavia, le discussioni alla Camera su diversi nodi ancora da sciogliere, come sopra riportato, potrebbero allungare i tempi del testo in Aula, quando, invece, si pensava che il passaggio alla Camera sarebbe stato veloce e senza emendamenti. E’ possibile, però, anche che le discussioni si risolvano in tempi brevi con accordi rapidi su questioni da affrontare e quadra sulle risorse economiche.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire
Ultime Notizie