Pensioni invalidità 2019 e disabili novità decreto pensioni cittadinanza oggi approvato ieri venerdì 18 Gennaio 2019

Novità per aumenti invalidi forse in un nuovo apposito emendamento: le ultime notizie e cosa potrebbe cambiare davvero

Pensioni invalidità 2019 e disabili novi

Pensioni invalidi novita decreto giovedi 17 Gennaio

Pensioni invalidità 2019 e disabili novità oggi venerdì 18 Gennaio 2019 dopo approvazione ufficiale decreto Consiglio dei Ministri con ultime notizie e ultimissime per pensioni di cittadinanza: Alla fine, quello che avevamo scritto SOTTO nell'articolo è stato confermato e ieri nel decreto ufficial approvato dal Consiglio dei Ministri per le novità per la pensione di cittadinanza è stato rimandato in un apposito emendamento l'aumento e ulteriori novità per le pensioni di invalidità 2019 e disabili in quanto il testo e le decisioni nel decreto ufficiale, nelle ultime notizie e ultimissime pervenute, non soddisfano ancora la Lega. E già oggi venerdì 18 gennaio, diversi esponenti hanno spiegato che siavorerà a delle modifiche per aumentare in generale i fondi per i disabili e per le pensioni di invalidità 2019 e disabili SOTTO QUELLO CHE SI PREVEDEVA E CHE POI E' AVVENUTO

E’ atteso per oggi il decreto pensioni ufficiale che dovrebbe finalmente ricevere il via libera dal Consiglio dei Ministri. Diversi ancora i nodi da sciogliere relativi soprattutto alle reali risorse economiche disponibili per coprire le misure contenute nel decreto stesso e il discorso pensioni di invalidità. Cosa si deciderà in merito?

Pensioni di invalidità 2019: le novità in un emendamento

Stando a quanto riportano le ultime notizie, all’indomani della riunione fiume tenutasi ieri sera al Ministero dell’Economia, sembrerebbe mancare ancora l’accordo anche sul capitolo pensioni di invalidità: per il ministro Salvini la definizione della platea ufficiale resa nota dal viceministro Di Maio dei nuclei familiari che riceveranno gli aumenti non è sufficiente. La sua richiesta resta sempre quella di concedere più soldi per gli invalidi e le ultime notizie parlano di un nuovo emendamento che potrebbe essere presentato in Parlamento per ampliare la platea cui assegnare soldi. Il vicepremier Salvini sembrava aver detto di aver trovato l’accordo sulla questione ma non sembra esserne più convinto. E per questo punta ad un emendamento con ulteriori novità. La necessità, ribadita, è quella di concedere più soldi a queste categorie di persone. Ma ci si chiede se con l’emendamento apposito si riuscirà in tale intento o comunque non essendoci risorse disponibili tutto è comunque destinato a rimanere inascoltato.

Solo qualche giorno fa, però, il ministro Di Maio aveva comunicato che a beneficiare dell'aumento della pensione a 780 euro, la cosiddetta pensione di cittadinanza,declinata come pensione di invalidità 2019 dovrebbero essere 254.146 nuclei con invalidi civili con una invalidità certificata di almeno il 67% e per beneficiarne servirebbe comunque presentare domanda perché non si riceverà un aumento automatico. E’, infatti necessario, presentare la documentazione che attesti i requisiti per beneficiare dell’aumento. Ricordiamo che all'internod elle pensioni di cittadinanza vi sono ovviamente oltre a quelle dei disabili anche le cosidette pensioni minime

Pensioni invalidità, disabili e pensione di cittadinanza: problemi e risorse sempre troppo basse

La pensione di cittadinanza, al pari del reddito di cittadinanza, prevede aumento fino a 780 euro ma non per tutti. Le ultime notizie confermano, infatti, che sia per le pensioni sia per il reddito di cittadinanza il valore di quanto sarà erogato dipenderà da composizione del nucleo familiare e dall’Isee. Se, per esempio, un pensionato percepisce 500 euro di pensione mensile, avrà solo 280 euro aggiuntivi e si tratta di un aiuto che solitamente scatterà solo sopra i 65 anni di età sia nel caso di singoli pensionati, sia nel caso di una coppia di pensionati, che abbiano un Isee massimo di 9360 euro, una eventuale casa di proprietà e un ulteriore patrimonio immobiliare del valore massimo di 30mila euro, e un patrimonio mobiliare, come conto corrente, titoli, libretti, ecc, non superiore a 6mila euro; che aumenta di 5mila euro per ogni componente con disabilità.

Per le pensioni per gli invalidi, dunque, requisiti e condizioni restano uguali a quelle di tutti le altre pensioni di cittadinanza che vi accederanno. Ma non dovrebbe esser così, perché si tratta di categorie di persone che hanno sempre bisogno di aiuti maggiori per una vita quotidiana agevole. Come da tempo ormai ribadisce il vicepremier Salvini, bisognerebbe aumentare i fondi per i disabili 2019  in generale a loro disposizione, non mantenerli bassi per avere soldi per ulteriori misure e una lettera aperta indirizzata a La Repubblica in questi giorni ha chiaramente riportato come si tratti di categorie di persone decisamente bisognose di aiuti dallo Stato ma ancora ai margini.

Secondo quanto sottolineato dal giornalista Iacopo Melio, infatti, i provvedimenti della nuova Manovra non prevedono alcun miglioramento per i disabili: nulla di particolare per la pensioni di cittadinanza e le misure assistenziali per invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi; nulla di particolare per la scuola, per cui le risorse stanziate sono di 3,49 miliardi per quest'anno per l’istruzione di primo ciclo e di 1,45 miliardi per l’istruzione di secondo ciclo e si ridurranno di un miliardo nel 2021; e per quanto riguarda il Fondo non autosufficienze, la dotazione di 450 milioni di euro che arriverà a 573 milioni per il 2019, 571 per il 2020 e 569 nel 2021, non basta per soddisfare tutti e dovrebbe essere portato, secondo le stime, almeno ad un miliardo di euro. Eppure di questa possibilità nemmeno l’ombra.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: