Pensioni, i temi del prossimo incontro Sindacati-Governo e la data annunciata

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni, i temi del prossimo incontro S

Pensioni data prossimo incontro Sindacati Governo temi

Il prossimo 13 marzo in programma un nuovo incontro tra sindacati e governo su novità pensioni in attesa del nuovo Def di aprile

Dopo l’avvio dei tavoli di confronto tra governo e sindacati sulle questioni centrali di pensione, lavoro e salario minimo, si va verso la definizione dei prossimi passi da compiere, al momento tutti teorici, per decidere novità pensioni e misure per una riforma previdenziale che sia in grado di risolvere tanti problemi creati da quella attuale, a partire da tutele per usuranti e precoci, ma anche di garantire a chiunque lo volesse di andare in pensione prima. Vediamo qual è la data del prossimo incontro tra sindacati e governo e quali temi saranno affrontati.

I temi del prossimo incontro

La data del prossimo incontro tra sindacati e governo per affrontare il tema pensioni è in programma il prossimo 13 marzo. Sul tavolo soprattutto la questione risorse necessarie per l’attuazione di novità pensioni da inserire nel prossimo Def, Documento di Economia e Finanza che anticipa le misure che saranno inserite poi nella nuova Legge di Bilancio.

Il nuovo Def, stando alle ultime notizie, dovrebbe essere presentato in Parlamento entro il 10 aprile. Nel corso del prossimo incontro tra governo e sindacati i temi di cui si dovrà discutere riguarderanno:

  • flessibilità in uscita;
  • pensione di garanzia per i giovani;
  • aumento delle pensioni.

Questa volta i temi saranno affrontati, almeno stando alle ultime notizie, in modo diverso ovvero con delle proposte del Governo concrete (o almeno delle risposte alle ipotesi formulate dai sindcati) e le disponibilità finanziarie che dovrebbero essere rese pubbliche dal Governo stesso per le novità per le pensioni.

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha confermato che nel prossimo incontro tra sindacati e governo certamente si cercherà di iniziare a definire nuove forme di flessibilità in uscita che siano economicamente sostenibili. I SIndacati si attendono delle risposte sulle risorse necessarie disponibili e delle prime simulazioni con calcoli da parte dei tecnici del Governo almeno per confrontarle con quelle già proposte da loro stesse.

Quindi la palla, stavolta, passa al Governo e si potrà capire che cosa intende davvero fare sia per le pensioni anticipate che per il taglio delle tasse sulle pensioni

Le novità pensioni su cui puntano i sindacati, come già rilanciato più volte, prevedono:

  • possibilità di andare in pensione a 62 anni di età con 20 almeno anni di contribuzione;
  • quota 41 per tutti senza alcun paletto;
  • aumento delle pensioni per tutti.
  • agevolazioni per le donne e per i lavoratori usuranti.

Nell’attesa del prossimo incontro tra governo Conte bis e sindacati, le ultime notizie parlano delle recenti dichiarazioni del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che ha chiaramente spiegato come sia importante evitare che l’esaurirsi della quota 100 crei uno scalone e definire una nuova riforma pensioni in grado di dare una risposta ai problemi di tutti, giovani, donne e lavoratori discontinui e gravosi.

E i prossimi passaggi successivi probabili

Se non emergerà alcuna novità nel corso del prossimo incontro del 13 marzo, prima della presentazione del nuovo Def il prossimo 10 aprile, ci sarà un altro incontro. Ad aprile è atteso, come detto, il Def e si capirà quante risorse economiche sono davvero disponibili, almeno per la prima stesura, sia per novità di pensioni anticipate sia per il taglio delle tasse delle pensioni.

Le possibili proposte per novità di pensioni anticipate potrebbero arrivare anche, però, dopo la fine dei tavoli istituzionali di esperti dovrebbero dare riposte entro l’estate e in questo caso, verreberro smentite le notizie appena date sopra, che alcune prime formule di pensionianticipate saranno presentate dal Governo il 13 Marzo stesso.

A confermare questo programma, dall'altra parte, vi è Cnel e le altre commissioni di esperti di previdenza costituite proprio per la definizione di novità pensioni anticipate 2020-2021, che hanno parlato di una prima risposta in estate sullo studio che stanno portando avanti su una possibile riforma delle pensioni.

Dopodicchè l’altra data da attendere è quella del prossimo 27 settembre per la Nota di aggiornamento al Def.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: