Pensioni novità Ape Social, Quota 41, Ape Volontaria, tutto dipende dalla volontà politica

Verso l’approvazione di miglioramenti ape e ulteriori novità per le pensioni: il grande potere della volontà politica e prospettive

Pensioni novità Ape Social, Quota 41, Ap

Pensioni novità Ape dipendenti volontà politica


Dopo la presentazione della nuova nota di aggiornamento al Def, le misure e i diversi provvedimenti, comprese le novità per le pensioni, potrebbero cambiare ed essere del tutto modificati fino all’approvazione finale della prossima manovra finanziaria che, come sappiamo, dovrà essere approvata entro la fine dell’anno per la successiva entrata in vigore di tutti gli interventi previsti dal prossimo primo gennaio 2018. E tutto dipenderà dalla volontà politica che, come sappiamo, è piuttosto spaccata sulla questione pensioni. Tra i vari provvedimenti previsti, le ultime notizie non sembrano essere positive per quanto riguarda le novità per le pensioni che l’esecutivo continua a non considerare prioritarie per un concreto rilancio dell’economia del nostro Paese. Ma nulla è più falso di questa posizione.

Abbiamo, infatti, spesso spiegato, quanto vantaggiose possano essere considerate le novità per le pensioni, soprattutto quelle più profonde di quota 100 e quota 41 per tutti senza alcun onere, sia da un punto di vista di rilancio dell’occupazione giovanile, visto che sarebbero le soluzioni migliori per dare nuovo avvio ad un ricambio generazionale oggi decisamente in stallo, come confermato del resto dalle ultime notizie sull’andamento della disoccupazione nel nostro Paese, sia da un punto di vista proprio di rilancio economico, considerando che una maggiore occupazione di giovani darebbe nuova spinta a produttività e consumi. E a questi vantaggi si potrebbero anche aggiungere i risparmi che si potrebbero accumulare, seppur nel lungo periodo. Ma tutti questi attestati vantaggi non bastano ancora per ‘convincere’ l’esecutivo ad agire sul fronte previdenziale.

Novità per le pensioni di ape volontaria e social e posizioni della politica

Finora si è sempre detto che le novità per le pensioni universali per tutti siano state sempre rimandate per mancanza di risorse economiche necessarie ma la realtà è che a frenare tutto è la concreta mancanza di volontà politica, divisa trta chi ritiene che non sia ancora il momento di intervnire sull'attuale sistema e chi, al contrario, mira ad una sua completa revisione, perché se si fosse davvero voluto, esattamente come già fatto per altri provvedimenti decisamente costosi, come il piano di salvataggio degli istituti bancari, i soldi necessari, pur se ingenti, si sarebbero già potuti recuperare. Ma nulla è stato mai fatto finora in questo senso. E, stando a quanto riportano le ultime notizie, tutto potrebbe dipendere ancora dalla volontà politica anche per quanto riguarda le novità per le pensioni attese per ape volontaria, ape social e quota 41 e novità per le pensioni per le donne, soprattutto in vista di prossime elezioni. Ma quali sono le posizioni de diversi schieramenti sulle eventuali novità da rilanciare con la prossima manovra e non solo?

Volontà politica decisiva per concreta attuazione di novità per le pensioni

Sarà fondamentale capire quali eventuali risorse aggiuntive potranno essere stanziate per l’attuazione delle novità per le pensioni, considerando che come riportano le ultime notizie e come confermato dal ministro dell’Economia, per la prossima manovra finanziaria i soldi sono decisamente esigui e pertanto imporranno una dovuta scelta sui provvedimenti da attuare, privilegiandone alcuni ed escludendoli altri. E tra questi, secondo quanto si diceva, ci sarebbero le novità per le pensioni. Ma qualcosa potrebbe cambiare dopo le ultime notizie sul primo passo verso l’accordo sul nuovo sistema per le prossime elezioni, passo che sembra concretizzare l’ipotesi di un nuovo voto e che potrebbe costringere gli stessi schieramenti a cambiare atteggiamenti. Del resto, come sappiamo e abbiamo spesso ripetuto, le novità per le pensioni essendo particolarmente care ai cittadini potrebbero rappresentare il tema fondamentale della prossima campagna elettorale, tanto che i diversi schieramenti sembrerebbero averle già introdotte nei loro programmi anche se bisognerà capire su quali principali novità per le pensioni ci si orienterà effettivamente.  

E mentre si potrebbe finalmente andare verso una volontà politica concreta di attuazione delle novità per le pensioni per la prossima manovra relative soprattutto a:

  1. miglioramenti per l’accesso all’ape volontaria;
  2. miglioramenti per l’accesso all’ape social e quota 41;
  3. novità per le pensioni per le donne,

il ministro dell'Economia continua comunque a invitare alla prudenza, ribadendo che i vincoli di bilancio sono stretti, le risorse poche e l’aumento del Pil, pur liberando un pò di risorse, non basterà per far quadrare i conti. Il voto dell’esecutivo sulla prossima manovra è comunque in programma entro il 20 ottobre, e una volta definiti numeri e misure, si potranno eventualmente valutare ulteriori interventi possibili con i fondi che resteranno a disposizione. E forse solo allora si potrà capire se davvero la volontà politica per novità per le pensioni sarà davvero forte o meno.  







Puoi Approfondire