Pensioni novità oggi Ape Volontaria, Quota 41, Ape Social, Anticipate per tutti, Donna giovedì 31 Agosto

Differenti affermazioni che vogliono sembrare interessanti per le novità per le pensioni, ma in una analisi più completa non lo sono affatto e un rimando su tante questioni anche su quelle di cui si è parlato

Pensioni novità oggi Ape Volontaria, Quo

Le posizioni per le novità sulle pensioni appaiono ancora più divergenti


Per quanto concerne cosa è stato detto ieri nella riunione tra esecutivo e forze sociali occorre specificare oggi giovedì 31 Agosto  sia ulteriori novità per le pensioni, sia un piccolo elemento, ma molto importante sui momenti nei i quali queste iniziative saranno portate avanti. Prima di tutto, le forze sociali hanno cercato ragionando sull'importo ichiesto per andare in pensione con i moltiplicatori necessari di far abbassare al di sotto di quello attuale dell'Ape Social (63 anni e 7 mesi), richiedendo un ricalcolo come dovrebbe essere fatto i ragazzi che permetterebbe di smettere anzitempo di uno scaglione. Ovvero, ad esempio, per i ragazzi non arrivare ai 70 anni, ma ai 66 anni. Secondo le forze sociali in quetso senso ci sono state delle aperture dell'esecutivo come per le pensioni base (ma solo per chi è nato al momento dal 1996), ma c'è da sottolineare che sia i tecnici che il responsabile del Dicastero dell'Occupazione hanno specificato che si è solo iniziato ad affrontare il tema e che non è tra le priorità ora, visto che queste persone andranno tra più di vent'anni in pensione. E non affatto nessun accenno per gli altri, appunto per tutti coloro anche quelli attuali di pensionandi per cui e forze sociali hano richiesto una cifra differente più bassa per poter smettere prima.
Quindi, cosa rimane davvero per il prossimo DEF? E' difficile dirlo, perchè per i meccanismi che si dovrebbe alzare tra 2 anni, le fore sociali hanno detto che l'esecutivo ha fatto muro o, comunque ha lasciato poco spazio, ma l'apertura nelle ultime notizie e ultimissime delle maggioranza che abbiamo spiegato sotto, è l'unica che fa sperare qualcuno dei rappresentati paradossalmente.
Il discorso del ricalcolo per uscire prima, sia per i cosidetti ragazzi che per tutti gli altri, viene definito non attuale al momento e rimane una apertura solo per l'Ape Social che si vedrà nelle prossime riunioni già stabilite così come per le novità per le pensioni per le donne da definire nei modi e nei tempi.  Nulla al momento per Quota 41, nessuna novità, assolutamente mai citata neppure.
Complicazioni anche per l'Ape Volontaria nelle ultime novità per le pensioni, con un ritardo nell'uscita del decreto e con i miglioramenti che ci si attendeva che potrebbero diventare peggioramenti con il pesare in più degli oneri che non la farebbero più convenire. 

Si è da poco conclusa la riunione che si è tenuta oggi dove hanno partecipato tutti i leader delle forze sociali. I primi resoconti cosa è stato detto, arrivano, però, dal responsabile del Dicastero dell'Occupazione e sono ancora stalci di agenzia stampa raccolti nelle ultime notizie e ultimissime. E' un primo davvero sommario resoconto. Per quanto riguarda alzare i meccanismi e i requisiti se ne parlerà solo con il rendiconto richiesto all'Istitituto di Statistica che dovrebbe consegnarlo il 7 Settembre nella terza riiunione, mentre viene confermato la volontà di ampliare l'Ape Social per diverse tipologie con alcune facilitazioni, come le donne ad esempio. Tra le novità per le pensioni ritorna l'idea della pensione base dopo vent'anni di contributi, ma si atttendo specifiche per chè non era una novità per le pensioni attese subito nel DEF, ma con le elezioni. Appena avremo nuovi aggiornamenti ulteriori e novità sulla riunione appena finita ne daremo il dovuto resoconto. (ore 16,29). Sotto tutti gli argomenti trattati e le diverse posizioni a sorpresa espresse nelle ultime notizie e ultimissime da una parte della maggioranza con aperrture non previste.

E' inziiata con un pò di ritardo la riunione di oggi, ma a mezzogiorno le varie parti l'hanno iniziata, forse anche dopo. Comunque, da qualche minuto dovrebbe essere iniziata. Vi terremo ovviamente informati, anche perchè le potenziali sorprese viste le differenti posizioni anche tra esecutivo e maggioranza e dicasteri oltre che forze sociali, ma pure tra gli stessi tecnici, rendono la situazione interessante da seguire. Ache, poi, per capire ulteriori dettagli sull'Ape Volontaria e il relativo decreto nelle ultime notzie e ultimissime rimesso ancora una volta in fors,e per quanto riguarda i potenziali miglioramenti come spiegato sotto (aggironamento ore 12,20)

Nella riunione, tra forze sociali ed esecutivo vedremo quali saranno le iniziative che deciderà l'esecutivo stesso su cui procedere per le novità per le pensioni dopo le divisioni che abbiamo scritto con le quali si arriva a questa riunione. Se propenderà una logica di consenso nel DEF per le prossime elezioni, oppure se saranno rimarcate le priorità attuali del Tesoro e dei vari Dicasteri con ricette differenti per il rilancio dell'economia.
E a questo si aggiungono ulteriori novità per l'Ape Volontaria che potrebbe costare di più come oneri totali nonostante il miglioramento che si era detto i voleva apportare nel decreto attuativo e si era consigliato di apportare anche da una serie di organismi di controllo dello Stato stessi. E si dovrebbe anche sapere meglio quando vi sarà l'uscita ufficiale del Decreto per l'Ape Volontaria e si potranno fare le domande all'INPS. E poi la questioen delle novità per le pensioni donna, per uscire prima che dovrebbero essere scontate ma si dovrebe anche qui capire se si properà per l'Ape Social Donna o qualcosa di simile o l'opzione per la Proroga Donna
Vi terremo ovviamente informati di cosa sarà detto e i temi affrontati nella riunione e la direzioni che sembra verrano prese. (aggiornamento ore 8,30)

Stanno per arrivare, si spera, delle indicazioni più precise su quanto ci si potrà attendere perlomeno dal DEF e il Decreto per l'Ape Volontaria dopo tante e numerose affermazioni che vi sono state anche oggi
mercoledì 30 Agosto e che in realtà hanno accompagnato tutte le vacanze estive dove le novità per le pensioni non sono mai andate in ferie

Affermazioni e prese di posizioni che si molteplicano nelle ultime notizie e ultimissime con l'avvcinarsidelle riunioni, la prima che si terrà tra due giorni, tra esecutivo e forze sociali.

Necessario mostrare le carte per le novità per le pensioni

Nella prima riunione si dovrebbe parlare di un pò di tutto, e le stesse forze sociali in una nota congiunta di oggi hanno invitato l'esecutivo a svelare le proprie carte a dire che cosa si viuole fare
davvero per le novità per le pensioni.
In modo particolare, hanno chiesto di affrontare il decreto per l'Ape Volontaria per capire quando vi sarà davvero l'uscita e tutte quelle incognite, quei paramtri come i tassi di interessi e le regole che
lo potrebbero più o meno rendere interessante, partendo dal pressuposto che questo metodo non piace affatto, ma che potrebbe rivelarsi più interessante del previsto se venissero accolte le varie richieste di ridurre davvero gli oneri quanto più possibile per chi ne fosse interessato

Se il punto delle novità per le pensioni donne, sembra essere quello più facile da raggiungere come accordo, rimane fondamentale, invece, quello di bloccare le regole che andrebbero in vigore tra due anni
di innalzamento dei requisiti per uscire.
E qui come vedremo c'è divisione tra la maggioranza stessa e l'esecutivo e tra i vari Dicasteri e tecniciche, comunque, non smebrano neppure trovare una sintonia neppure sulle altre forme di pensione anticipate
e cosa fare nel DEF e poi in Legge di Stabilità.

Divisioni tra i decisori si moltiplicano nelle ultime notizie

Se in precedenza avevamo già riportato come tra le forze sociali erano incominciato ad appsrire pure se solo a livello informale delle divisioni su cosa richiedere tra blocco meccanismo di innalzamento oppure
il lasciarlo andare così come previsto, ma creando dei sistemi di pensioni anticipateper permettere a chi lo desideri di uscire prima venendo anche incontro alle esigenze espressa dalla maggioranza, oggi queste
frizioni sono emerse ancora con più forza tra le altri parti al tavolo delle novità per le pensioni.

In modo particolare, nonostante, poi, diverse affermazioni sono state ritrattate (troppo tardivamente per capire le reali intenzioni) sono apparse chiare le divisioni tra la maggioranza e l'esecutivo e
all'interno della stessa maggioranza

Da una parte, vi è l'intenzione, infatti, del segretario, espress anche dai suoi uomini più vicini come Nannicini che sta preparando il programma per le prossime elezioni di procedere con delle novità per le
pensioni in manovra che vadano al di laà di quelle per il mondo femminile che vengono date come in pratica scontate.

E si ritorna all'idea espressa dallo stesso ex-consigliere economico di potenziare e migliorare i sistemi appena lanciati come Quota 41, l'Ape Volontaria e l'Ap Socia con più budget e regole meno restrittive.
Ma non solo. Si vuole anche puntare sul congelamento almeno per chi ha iniziato presto la propria attività o ne ha fatta una particolarmente faticosa dell'innalzamento di due anni dei requisiti per
usicre con l'obiettivo di arrivare prima per queste fasce, poi per tutit gli altri a creare dei sistemi per le novità per le pensioni ad hoc rispetto alle attività svolte.

Una strada asssolutamete rischiosa questa che potrebbe portare solo ancora una volta a differenze che è facile definire come discriminazioni.
Occorre, però, fare attenzione che questo potrebbe essere solo un modo per prendere tempo e riuscire a guadagnare voto per le prossime elezioni o almeno a non perderli, per poi giocarsi in campagna elettorale sistemi veri per tutti e universali di pensioni anticipate.

E anche non volendolo, la maggioranza lo dovrebbe comunque fare, visto che il centro-destra e le altre forze lo hanno già espresso come tra le loro assolute priorità.

Contrari a queste idee e posizioni sono i tecnici dell'attuale esecutivo e lo stesso Padoan o Calenda che puntano al taglio dele imposte per le attività per favorire l'occupazione e ad un nuovo rilancio degli investimenti. Tutti i pochi soldi disponibili devono, per loro, andare su questi punti e le novità per le pensioni, tanto meno il blocco dei meccanismi di uscita, non è assolutamente contemplato.

E come loro, in diversi la pensano così all'interno della stessa maggioranza, che ancora una volta si trova spaccata al suo interno. 
 







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Sara Melchionda pubblicato il