Pensioni, novitÓ dopo il DEF sono paradossali

Nuove riunioni ed eventuali novitÓ per le pensioni dopo la presentazione del Def paradossali: per niente un buon segnale

Pensioni, novitÓ dopo il DEF sono parado

Pensioni novitÓ dopo DEF paradossali


Si va verso la definizione delle misure che si preparano ad essere inserite nella prossima manovra finanziaria he, stando a quanto deciso, dovrebbe essere presentata entro il 20 ottobre essere approvata dal Parlamento, con eventuali modifiche, come di consueto, entro il 31 dicembre. Prima della sua presentazione, entro la fine di questo mese, sarà presentato il Def, il documento di economia e finanza che pone le basi proprio per la definizione da inserire nella prossima manovra.

Tempi del nuovo Def

Stando a quanto riportano le ultime notizie, la presentazione del nuovo Def sarebbe attesa per mercoledì 27 settembre, ma secondo le ultimissime notizie potrebbe anche approdare in Consiglio dei Ministri con qualche giorno di anticipo. Si parla del 20 settembre. Ad oggi, secondo quanto dichiarato dal ministro dell’Economia Padoan il grande ostacolo per la definizione di Def e contestuale manovra come si vorrebbe è la scarsa disponibilità di budget, condizione che, chiaramente, imporrà ancora una volta all’esecutivo di fare delle scelte sulle misure da preferire e quelle da tagliare fuori. Peccato, però, che anche questa volta ad essere tagliate fuori siano già le importanti novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza alcun onere, proprio perché considerate ancora troppo costose rispetto alla disponibilità di soldi esistente- E rischiano anche le novità per le pensioni minime.

Al momento, secondo quanto riportato dalle ultime notizie, al vaglio dell’esecutivo, tra le misure da inserire nella prossima manovra che stando alle stime nel 2018 dovrebbe avere un costo tra i 22 e i 25 miliardi di euro anche se in realtà mancherebbero ancora tra i 7 e i 10 miliardi, nonostante la manovra sarà finanziata per circa 9 miliardi da un maggior deficit rispetto a quanto previsto nel Def presentato lo scorso aprile dall’esecutivo, dovrebbero rientrare:

  1. taglio del cuneo fiscale per le assunzioni di nuovi giovani;
  2. rinnovo dei contratti degli statali, fermi ormai da otto anni;
  3. nuovo piano di revisione di agevolazioni e detrazioni fiscali per imprese e famiglie;
  4. estensione della fatturazione elettronica per tutti;
  5. possibili novità per le pensioni.

Novità per le pensioni dopo il Def paradossali

La voce novità per le pensioni però ad oggi non si sa ancora cosa voglia significare e a quali novità per le pensioni si riferisca. Dovrebbe trattarsi di quei miglioramenti e modifiche richieste per ape volontaria, che si aspettavano con la presentazione del suo decreto attuativo ma che sono saltata; per ape social e quota 41 e novità per le pensioni per le donne. Difficile che possano rientrarvi modifiche per il meccanismo delle aspettative di vita, soprattutto alla luce delle decise controverse posizioni dell’esecutivo in merito. Il punto, però, che si tratta di modifiche solo teoriche e che vanno incontro ad un paradosso esagerato: le ultime notizie, infatti, riportano una sorta di calendario di prossime riunioni in programma sia tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti delle forze sociali, tra tecnici, anche del Tesoro, e tra queste ci sarebbe anche una nuova riunione, che dovrebbe tenersi nei prossimi giorni, tra le parti del nuovo Comitato per le pensioni ma che si terrà dopo la presentazione del nuovo Def e si tratta di un grande paradosso.

Non è, infatti, ciò che le forze sociali speravano, considerando che avrebbero voluto che la riunione si tenesse prima della presentazione del nuovo Def, in modo da decidere quali eventuali novità per le pensioni inserire proprio nel nuovo documento di economia e finanza. Per le forze sociali, tenere la riunione dopo non avrebbe alcun senso considerando che la speranza era proprio quella di definizione di novità per le pensioni, anche minime, prima in modo da riportarle nel nuovo Def prima e nella nuova manovra poi. E il fatto che la riunione sarà postuma la presentazione del Def potrebbe non rappresentare un buon segnale.

Puoi Approfondire