Pensioni novità Lega fa un passo indietro su quota 100, M5s no con decisione nuovo deficit in Manovra

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni novità Lega fa un passo indietr

pensioni novità quota 100 lega m5s manovra

Riduzione del deficit ma restano quota 100 e reddito di cittadinanza: come cambierà la Manovra dopo la trattativa con Bruxelles

Via libera alle modifiche della nuova Legge di Bilancio 2019 per ridurre il deficit e portarlo dal 2,4% al 2,04%: mentre vanno avanti le trattative con Bruxelles che apprezza l'impegno italiano, il governo sembra deciso ad attuare cambiamenti anche se le nuove misure devono ancora essere messe nero su bianco. Nessun passo indietro, però, assicurano su novità pensioni e istituzione del reddito di cittadinanza ma qualche cambiamento ci sarà. A questo punto ci si chiede quale sarà questo cambiamento e cosa accadrà davvero per la quota 100?

Pensioni: novità quota 100 con modifiche Manovra

Il premier Conte, al termine dell'incontro con Juncker, ha assicurato che nella nuova Manovra ci saranno comunque quota 100 per una revisione della rforma Fornero e reddito di cittadinanza e partiranno nei tempi previsti, come dichiarato all'Ansa. Tuttavia, stando alle ultime notizie riportate da Corriere della Sera, Repubblica e Sole24ore, sembra che la Lega abbia deciso di fare un passo indietro sulla novità pensioni di quota 100 per recuperare soldi necessari per la riduzione del deficit. Posizione per nulla condivisa dal M5S che, invece, intende andare avanti, così come da sempre detto, in modo particolare sul reddito di cittadinanza. E nei prossimi giorni sarà importante capire come queste due misure saranno eventualmente strutturate, considerando che il premier Conte ha dichiarato che la nuova Manovra rivista sarà presentata prima di Natale.

Sono, però, diversi i nodi da sciogliere: come formulare la quota 100, anche alla luce delle ultime notizie sulle diverse proposte arrivate all’Inps, come spiegato dal presidente Boeri, e che devono essere valutate e alla luce dell’indicazione arrivata direttamente dall’Ue, secondo la quale la quota 100 si potrebbe fare ma, almeno per il momento, solo per un anno per vedere come va ; se ci saranno, e come, eventuali proroghe di ape social e opzione donna e cosa si deciderà sul blocco delle aspettative di vita per la pensione anticipata. Lo stesso Giorgetti nel vertice di ieri sera, ha spiegato che sta aspettando una risposta chiara e precisa dall'INPS, sempre secondo le ultime notizie rivelate dal Corriere della Sera, che ha riportato anche che pare proprio che le aspettative di vita diventano sempre più difficili da bloccare.

Solo qualche giorno fa, infatti, il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, aveva detto che dal 2019 i requisiti per la pensione anticipata non si sarebbero adeguati all’aumento delle aspettative di vita, restando, dunque, fermi a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, ma, considerando le ultime notizie, ci si chiede oggi se effettivamente i requisiti 2019 per la pensione anticipata resteranno effettivamente invariati.

Pensioni quota 100: scontro Lega-M5S e proposte

E’, dunque, scontro tra Lega e M5S su novità pensioni di quota 100 e reddito di cittadinanza. I pentastellati sono fermi sull’andare assolutamente avanti sul reddito di cittadinanza senza fare alcun passo indietro. La Lega, però, come riportano le ultime notizie, per andare incontro alle richieste di Bruxelles sarebbe d'accordo ad una riduzione dei fondi da impiegare per la quota 100. Ma le stessa Lega vuole che quota 100 sia riformulata in modo tale che le promesse fatta agli elettori rimangano confermata e lo ha ribadito sia al Premier Conte che al Ministro Tria che hanno condotto i negoziati con Bruxelles. Come dire, ora il deficit lo abbiamo portato al 2,04%, ma dovete aiutarci per redenre possibile una quota 100 in una forma accettabile dagli elettori. E la tensione con il M5S che non rinuncia a nulla per il reddito di cittadinanza si fa palpabile.

D’altra parte, sono tantissime le ipotesi di formulazione di quota 100 che devono essere valutate per capire come effettivamente essa stessa sarà. Forse la base di partenza dei 62 anni di età e 38 anni di contributi cambierà, si potrebbe arrivare alla quota 104, o potrebbe rimanere tutto invariato, o potrebbero non essere più considerati ai fini del calcolo di uscita con quota 100 il cumulo e i contributi figurativi. Insomma, lo spazio entro cui muoversi per la definitiva versione della novità pensioni di quota 100 è piuttosto vasto e i prossimi giorni saranno decisivi per capire se davvero sarà inserita nella nuova Manovra e come sarà.

Tutte le ultime notizie e ultimissime sulle pensioni giorno per oggi anche oggi giovedì 13 Dicembre 2018 le abbiamo riportate in questo articolo, così come in quest'altra news semrpe deciata agli aggiornamenti giornalieri per le pensioni

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire