Pensioni novità oggi decreto ufficiale seconda bozza uscita quota 100, proroga opzione donna, aspettative vita giovedì 10 Gennaio

Pubblicata la seconda bozza del testo del decreto delle pensioni che potrebbe essere quella ufficiale. Tutte le novità per quota 100, proroga opzione donna, aspettative di vita, proroga Ape Social

Pensioni novità oggi decreto ufficiale s

Decreto pensioni seconda bozza ufficiale


Non ci sarà nessun Consiglio dei Ministri oggi giovedì 10 Gennaio 2019, ma è stata pubblicata la seconda bozza ufficiale per quanto quanto riguarda il decreto pensioni tanto atteso con le novità per quota 100, proroga opzione donna, aspettative di vita, Ape Social e Pace Contributiva.
Un decreto che dovrebbe essere, probabilmente, quello definitivo da approvare in attesa del Consiglio dei Ministri. Vediamo le varie novità.

Quota 100

Per quanto riguarda quota 100 tutto rimane così come è, con il meccanismo delle finestre differenziato per statali e dipendenti privati. La data per pote fare domanda all'INPS è sempre per i dipendenti privati il 1 Aprile 2019, mentre per gli statali il 1 Luglio 2019.
Vengono date indicazioni anche per il personale della scuola per poter fare domanda a quota 100, ovvero viene scritto:

"Ai fini del conseguimento della “pensione quota 100” per il personale del comparto scuola ed AFAM si applicano le disposizioni di cui all’articolo 59, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449. In sede di prima applicazione, entro il 28 febbraio 2019, il relativo personale a tempo indeterminato può presentare domanda di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio rispettivamente dell’anno scolastico o accademico."

Non è indicato ancora il sistema per poter avere il TFR al momento stesso delle pensione per gli statali, infatti, nel decreto quando se ne parla viene scritto "Con DPCM su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione di concerto con il Ministro dell’Economia e finanza ed il Ministro del lavoro e delle politiche sono definite le modalità per………. senza oneri a carico della finanza pubblica" Questo, dunque, è ancora un punto da definire.

Non è ancora scritto nero su bianco quali contributivi figurativi vengono considerati nel calcolo per arrivare ai 38 anni di contributi, ma stando alle interpretazioni degli esperti, su come è stato formulato il decreto, dovrebbero essere approvati tutti o quasi i contributi figurativi. Non viene indicato, ma spetterà probabilmente alle circolari INPS il calcolo dell'importo della pensione, le decurtazioni che ci saranno se si uscirà un anno prima (minime) fino a 5 anni prima (massime) così come i contributi figurativi appena citati

Rimane la possibilità di uscita a 59 anni e 38 anni di contributi con i fondi bilaterali.

Opzione Donna Proroga 2019

Dopo il lungo tiraemolla per Opzione Proroga Donna viene confermata la novità di estensione alle nate nel 1960 lavoratrici dipendenti e 1959 per le autonome, con la seguente dicitura ufficiale:
"Il diritto al trattamento pensionistico anticipato secondo le regole di calcolo del sistema contributivo previste dal decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 180, è riconosciuto nei confronti delle lavoratrici dipendenti nate entro il 31 dicembre 1960, e delle lavoratrici autonome nate entro il 31 dicembre 1959 le quali abbiano maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a trentacinque anni al 31 dicembre 2018."

Aspettative di vita

Tutto confermato sulle aspettative di vita. Blocco per la pensione anticipata di 42 anni e 10 mesi per gli uomini e di un anno in meno per le donna. Aumento di 5 mesi per tutti gli altri. Non è scritto ancora che tali aspettative di vita sono strutturali e non cambieranno nei prossimi anni, ma da come è stato scritto il decreto dovrebbe essere effettivamente così come hanno già spiegato diversi esperti.

Ape Social Proroga 2019

Confermata la proroga di un anno fino a dicembre 2019 per l'APe Social con gli stessi requisiti e regole dell'anno scorso.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire