Pensioni novitÓ oggi venerdý ingiustizia domande INPS taciuta decreto quota 100, pensioni anticipate, opzione donna

di Marianna Quatraro pubblicato il

Il decreto per le pensioni Ŕ stato approvato ufficialmente dal Senato ed Ŕ diventato legge in Gazzetta Ufficiale. Ma ora oggi venerdý 29 Marzo tra le novitÓ dell'ultima ora compare una polemica sulle domande per le pensioni ricevute e accolte dall'INPS

Pensioni novitÓ oggi venerdý ingiustizia

Pensioni oggi data ufficiale voto Senato conversione

AGGIORNAMENTO:  Tra le novità per le pensioni oggi venerdì 29 Marzo dopo l'approvazione del decreto pensioni che è finalmente diventato legge e l'attesa per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, arriva nelle ultime notizie e ultimissime, la denuncia di alcune sigle sindacali che per una direttiva politica le domande di quota 100, in modo particolare, hanno avuto e stanno avando la massima priorità nell'essere evase con l'INPS impegnata anche al sabato e alla domenica per dare il via libera a più domande possibili, considerando meno prioritarie le altre domande per le pensioni per chi esce, ad esempio, con quelle di anzianità, pensioni anticipate o opzione donna.

Tra l'altro per le pensioni anticipate sarebbe un ulteriore beffa in quanto hanno già tre mesi di finestra in più e da gennaio molo di esse hanno subito rallentamente  sono state proprio bloccate perchè si erano alzati i requisiti di contribuzione e si aspettava proprio il decreto pensioni per vedere se si sarebbero ribassati, così come poi è stato.

In realtà, se si legge dalle pagine di Facebook e sui Gruppi deicati alle novità per le pensioni, molte persone anche con opzione donna e alcune con pensioni anticipate hanno già ricevuto la conferma dell'approvazione della propria domanda, anche se ovviamente i numeri di Facebook non possono essere quelli di tutto il panorama italiano. E ovviamente su Facebook, tanti utenti hanno comunicato che dal 1 Aprile saranno in pensione con quota 100.

L'INPS, comunque, non ha risposto a queste accuse dei sindacati direttamente, ma ha voluto tra le ultime novità comunicare chiaramente il programma di approvazione delle domande di pensione, spiegando che 25mila di quota 100 saranno accolte entro il 1 Aprile, mentre altre 25mila il 1 Maggio, pagando l'arretrato di un mese.

E le domande per gli statali e la scuola sempre di quota 100 non subiranno nessun ritardo e si stanno eleborando anch'esse. Non ha precisato nulla sulle altre domande per le pensioni, come epr dire che si continua a lavorare in modo parallelo su tutte le richieste.

SOTTO  tutte le misure ufficiali del decreto pensioni e novità più importanti al testo dopo l'approvazione al senato comprese le novità dell'ultima ora per le pensioni
 

Oggi mercoledì 27 Marzo si sta avendo la seconda seduta in Senato che è iniziata alle 9,30 di questa mattina  per decidere se, oggi stesso, o quando  procedere a uno degli ultimi due passaggi per chè il decreto penioni e quota 100, opzione donna, pensioni anticipate.

Vediamo le novità dell'ultima ora su quando ci dovrebbe essere il voto di fiducia per il decreto pensioni in Senato e come sta procedendo l’iter delle domande di pensionamento già presentate all’Inps.

Novità pensioni, voto di fiducia in Senato

Finalmente il decreto pensioni e reddito di cittadinanza è stato votato ed è satato convertito in legge ufficiale dal Parlamente. Sotto nei successi paragrafi spieghiamo l'ultimo passaggio che deve avvenire, chi lo ha votato, le misure ufficiali approvate e come stanno andando le domande INPS.

Il secondo passaggio, sarà la pubblicazione in in Gazzetta Ufficiale solo dopo qualche giorno, ma entro venerdì 29 Marzo ( anche se si badi bene potrebbe essere publicato anche il 2-3 di Aprile se ci fossero dei ritardi e la legge comunque sarebbe ancora valida) Appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il provvedimento sarà definitivo e le ultime novità pensioni di quota 100, proroga opzione donna, pensione anticipata con blocco delle pensioni anticipate saranno ufficiali con il via alle uscite. 

Aggiornamenti in tempo reale dal Senato e voto fiducia, approvato dal Senato

Questa mattina è iniziata come abbiamo scritto poco sopra la saduta del Senato per la conversione del decreto pensioni. Da sottolineare che ieri non c'è stato un vero e proprio rinvio, ma una prima seduta terminata velocemente per eliminare le pregiudiziali.
Dopo la relazione di Nunzia Catalfo questa matina sul decreto pensioni, sono stati respinti tutti gli emendamenti, essendo il testo in terza letura e già blindato dalle decisioni prese ieri.
I lavori sono ripresi alle ore 17 e il voto di fiducia finale è avvenuto subito. Finalmente il decreto pensioni e reddito cittadinanza è legge ufficiale con 150 voti favorevoli, 107 contrari e 7 astenuti. Hanno votato a favore del decreto la Lega e M5S, mentre no del Pd, FI e Fdl. Astenuti Leu ed gruppi di autonomie locali.
A questi punt ci sarà la pubblicazione in Gazzetta come scritto sopra, mentre sotto si possono trovare le novità del testo del decreto pensioni e come stanno andando le domande per le pensioni

Decreto pensioni: le novità previste

Con la conversione del decreto pensioni in legge diventano definitive le ultime novità pensioni che prevedono:

  1. quota 100, per andare in pensione prima a 62 anni di età e con 38 anni di contributi con finestre di tre mesi per i dipendenti privati e di sei mesi per i lavoratori pubblici e aumento della soglia del Tfs da 30mila a 45mila euro agli statali che decidono di andare in pensione prima con la quota 100;
  2. proroga opzione donna.
  3. proroga ape social prorogata 2019;
  4. pensione anticipata con blocco delle aspettative di vita e requisiti fermi a 42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi di contributi per le donne;
  5. estensione della pace contributiva di 5 anni;
  6. riscatto della laurea agevolato anche per gli over 45 che hanno iniziato a lavorare prima del 1996; aumento delle pensioni di invalidità.

Pensioni: come prosegue iter domande Inps per approvazione quota 100, opzione donna e pensioni anticipate

Nell’attesa della conversione ufficiale del decreto pensioni in legge, continua il lavoro dell’Inps di elaborazione delle domande di pensione già presentate con le ultime novità. Stando a quanto riportano le ultime notizie, sono circa 25mila le domande con quota 100 che saranno approvate dall’Istituto in via definitiva dal 1 aprile, mentre per le altre 25mila bisognerà aspettare il prossimo mese di maggio ma l’Inps ha specificato che per le pensioni che inizieranno ad essere pagate a maggio sarà pagata la decorrenza dal primo aprile.

Intanto, si stanno verificando le domande di pensione presentate dai lavoratori statali, per i quali grazie anche alle finestre c'è più tempo. Ricordiamo che i passaggi per l’approvazione definitiva della domanda di pensione sono quattro: accoglimento della domanda, elaborazione della domanda con verifica dei requisiti di pensione, approvazione e liquidazione della pensione.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: