Pensioni novitÓ oggi giovedý cosa manca conversione legge ufficiale quando decreto quota 100, pensioni anticipate

di Marianna Quatraro pubblicato il

Ultime novitÓ pensioni ufficiali solo dopo la conversione del decreto pensioni in legge: voto alla Camera e passaggi finali successivi

Pensioni novitÓ oggi giovedý cosa manca

Pensioni novita conversione legge ufficiale quota 100

AGGIORNAMENTO:  C'è stato un primo voto ieri sera alla Camera positivo con il il decreto pensioni che è passato. Questa mattina, oggi giovedì 21 Marzo ci sarà, il voto finale sempre alla Camera e poi mancheranno due ultimi step perchè via sia la conversione del decreto pensione in legge ufficiale e finale. Quando e le date per la conversione definitiva le abbiamo riportate sotto tra le ultime novità per le pensioni insieme all'iter per le domande di pensioni all'INPS come stanno andando nelle ultime notizie e ultimissime. Il decreto non potrà più cambiare, in quanto non ci sarà emendamenti ammessi come è stato deciso tra le novità dell'ultima ora di oggi 21 Marzo 2019

AGGIORNAMENTO: Tra gli aggiornamenti dell'ultima ora ggi mercoledì 20 Marzo vi è la notizia che il voto potrebbe avvenire già stasera e non domani giovedì. Sotto il programma di oggi e tutte le date per la conversione del decreto alla Camera e successicaente al senat e poi quando in Gazzetta ufficiale con le ultime novità anche sulle domande per quota 100, pensioni anticipate e opzione donna

AGGIORNAMENTO: Nononostante un blocco ieri pomeriggio martedì 19 Marzo riguardante un emendamento sul reddito di cittadinanza ritornato per qualche ora in Commissione Finanza per una conferma e verifica delle coperture necessarie, l'iter della conversione in legge ufficiale del decreto continua.

Infatti, il problema è stato superato nelle ultime notizie e ultimissime in modo veloce in qualche ora e tra le novità dell'ultima ora di oggi mercoledì 20 Marzo è stato deciso come scritto anche sotto, come ulteriore conferma, il voto alla Camera per domani giovedì 21 Marzo.

E' stato delineato  dai capigruppo di Montecitorio il programma per oggi alla Camera con le dichiarazioni di voto per le novità sulle pensioni e relativi decreto pensioni (oltre che reddito di cittadinanza) dalle 18,15 del pomeriggio fino alle 19,35 quando avranno inizio la votazione per appello nominale.

Prima nel pomeriggio alle 15 interrogazione a risposta. Infine, dopo il voto nominale si passerà agli ordini del giorno fino alle 23. Il voto finale è previsto per domani giovedì 21 Marzo.

Poi sotto abbiamo visto tutte le altre date e quando il decreto pensioni sarà finalmente convertito in legge

Si attende ancora il voto sul decreto pensioni con le ultime novità di quota 100, proroga opzione donna, pensioni anticipate con blocco delle aspettative di vita a 42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini e a 41 anni e dieci mesi di contributi per le donne e dopo il voto alla Camera per la conversione definitiva in legge dovrà ancora passare dal Senato prima ed essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale poi. Vediamo l’iter che si prospetta per la conversione definitiva del decreto pensioni in legge e relativi tempi.

Oggi martedì 19 marzo 2019 continuerà la discussione in Parlamento iniziata ieri lunedì, con il voto al momento previsto tra le noità dell'ultima ora riportate da Ansa, SOle24Ore, repubblica, corriere per massimo giovedì 21 Marzo. Ci sono dunque, le date ufficiali o quasi, per capire tutti gli ultimi passaggi della conversione del decreto pensione 2019 in legge finale. E l'INPS si sta portando avanti celermente anche per le domande come vedremo sotto

Novità decreto pensioni: voto alla Camera e passaggio in Senato

Le discussioni degli 800 emendamenti lasciati in sospeso in Senato e rimandati alla Camera hanno portato ad oggi martedì all’approvazione dei soli emendamenti relativi alle pensioni di invalidità 2019 e relativi al riscatto agevolato della laurea anche per gli over 45 che hanno iniziato a lavorare prima del 1996, oltre al Tfs per gli statali a 45mila già deciso al Senato. Tutti gli altri emendamenti compresi quelli relativi ad eventuali sconti per i requisiti per la pensione finale delle donne sono stati bocciati. Nulla di fatto nemmeno per proroga opzione donna alle nate nel 1961, che come annunciato dal sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, sarà rimandata al prossimo anno, né per la cancellazione dei tre mesi di finestra per la pensioni anticipate. Anche questa misura, hanno assicurato dal governo, si farà, esattamente come la novità pensioni di quota 41 per tutti senza alcuna condizione. Ma si faranno solo quando saranno effettivamente disponibili tutte le risorse economiche necessarie, al momento non disponibili.

Entro giovedì 21 marzo, il decreto pensioni sarà votato alla Camera e poi passerà nuovamente in Senato per il voto finale che ne sancirà la definitiva ed ufficiale conversione in legge. Una volta votato alla Camera, il testo approderà in Senato dove, è stato precisato, non saranno presentati emendamenti anche perchè sarà messa con grande probabilità la fiducia. Il decreto pensioni sarà votato al Senato probabilmente settimana prossima, tra lunedì 25 marzo e mercoledì 27 marzo 2019

Novità pensioni ufficiali e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Se il testo dovesse essere approvato entro mercoledì 27 marzo i tempi rispetto a quelli annunciati  sarebberoin ritardo (era stata prevista come data termine dell’iter il 18 marzo) ma comunque entro i termini previsti dei 60 giorni per l’iter di conversione del decreto in legge, considerando che l’iter del decreto pensioni in Parlamento è iniziato a fine gennaio, per potrebbe terminare entro fine marzo.

Del resto, qualche tempo fa si era parlato della possibilità di arrivare anche fino al 28 marzo. In ogni caso, dopo due o tre giorni dal voto in Senato il testo sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Solo al termine di questo iter le novità pensioni di quota 100, opzione donna, pensioni anticipate saranno ufficiali.

Domande pensioni quota 100, opzione donna, pensioni anticipate quando e come approvate e liquidate

Quando il decreto pensioni sarà ufficialmente convertito in legge, saranno effettivamente approvate e liquidate le pensioni con quota 100, opzione donna, pensione anticipata. Stando alle ultime notizie rese note dallo stesso Inps, numerose delle prime domande di pensione presentate con le ultime novità sono state già accolte e in fase di elaborazione, cioè di verifica dei requisiti per l’uscita, ma già tante domande sono anche già state approvate in via provvisoria e si aspetta solo la conversione del decreto per tramutarlein ufficiali al 100% ma i pensionandi sul sito dell'INPS le psosono vedere già confermate e approvate.

L'INPS in una recente nota ha anche comunicato di pagare le pensioni anche senza attestazione della fine del lavoro, da parte dell'azienda per cui si lavora, ma considerando sufficiente una autocertificazione. E le richieste di autocertificazione per chi ha già fatto domanda stanno arivando via email o telefonicamente con nuovi appuntamenti.

Solo dopo la conversione del decreto in legge, dal primo aprile, come annunciato dall’Inps, le domande di pensione saranno approvate e liquidate definiivamente ma sui tempi di pagamento non vi è alcuna certezza perché i pagamenti potrebbero avvenire in una o due settimane o anche uno o due mesi.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: