Pensioni novitÓ oggi mercoledý rischi per domande dopo elezioni Abruzzo e bocciatura Ue quota 100, opzione donna, anticipate

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni novitÓ oggi mercoledý rischi pe

Pensioni domande dopo elezioni Abruzzo bocciatura Ue

Risultati elezioni Abruzzo e bocciatura Ue riforma pensioni: quali le conseguenze per ultime novitÓ pensioni come quota 100, opzione donna, pensioni anticipate

Dopo le elezioni in Abruzzo e della bocciatura da parte dell’Ue per il nostro Paese, in questi ultimi giorni sono, in particolare, due le domande che ci stanno arrivando e cioè se le elezioni in Abruzzo e la bocciatura Ue potrebbero comportare rischi per l’attuazione concreta delle ultime novità pensioni approvate di quota 100, opzione donna, pensioni anticipate con blocco delle aspettative di vita. Facciamo una serie di considerazioni e analisi ad oggi mercoledì 27 Febbraio.

Pensioni elezioni Abruzzo e bocciatura Ue la situazione ad oggi mercoledì 27 Febbraio

In Abruzzo le elezioni si sono concluse con la vittoria del centro destra e Marco Marsilio nuovo governatore d'Abruzzo con  il 48% dei voti. A seguire Giovanni Legnini (centrosinistra) molto distanziato, al 31,3%, e addirittura al 20,2% è arrivata la candidata pentastellata Sara Marcozzi, segnando un calo importante per il M5s che solo un anno fa alle politiche era risultato il primo partito della regione con quasi il 40% dei voti, anhe se ovviamente tra regionali e politiche, coem sappiamo il M5S, ha sempre avuto andandamenti diversi.

Passando, invece, all’Ue, senza mezzi termini, nei giorni scorsi ha bocciato la riforma delle pensioni e del reddito di cittadinanza esprimendo preoccupazioni per la crescita e la stabilità dei conti pubblici, spiegando, ancora una volta, come non si tratti, a suo parere, di misure fondamentali per una crescita generale del Paese dal punto di vista economico e sociale. Tuttavia, stando a quanto riportano le ultime notizie ad oggi martedì, non vi sarebbe alcun rischio per quanto riguarda le novità pensioni e relative domande.

I rischi reali per le novità per le pensioni oggi mercoledì 27 Febbraio

Una della domande, come appunto abbiamo scritto all'inizio, è se sono a rishcio le novità per le pensioni non solo per quest'anno ma per il fututuro e csa dovesse accade se cadesse il Governo.

Come abbiamo spiegato in altre sedi,  non c'è al momento nessun rischio per le novità per pensioni e veniamo a spiegare i motivi.

Al momento il Governo non cade nonostante il voto in Abruzzo, e lo stesso vicepremier Salvini lo ha confermato, anche perchè con questa strategia continua a vincere, né tanto meno vi sarebbero rischi di attuazione delle ultime novità pensioni a causa della bocciatura da parte della Commissione europea delle stesse  novità pensioni approvate, perché si tratta di un giudizio che rappresenta solo la considerazione che l’Ue ha di quota 100 e le altre novità pensioni come misure non importanti per la crescita. Se, al massimo, i conti non torneranno si dovrà procedere con una manovra correttiva ma che ifficilmente toccherà elementi così di forte interesse e di consenso popolare come pensioni e reddito di cittadinanza. 

Inoltre,  anche nell'ipotesi, molto remota, in cui il governo dovesse cadere, le novità pensioni non subirebbero comunque alcuna conseguenza, soprattutto per una questione di tempi: il decreto, infatti, è entrato in Parlamento il 30 gennaio ed entro 60 per legge deve essere convertito in legge ufficiale, quindi entro il 30 marzo circa con le prime domande di pensione da accogliere dal primo aprile e, certamente, entro queste date, il governo non rischia di cadere per cui tutto seguirebbe iter e tempi previsti. Lo avevano già spiegato nei dettagali in questo articolo

Potrebbero esserci altri effetti anche positivi paradossalmente

In realtà, potrebbero esserci anche altri effetti positivi che si stanno già intravedendo negli emendamenti, ovvero che le novità per le pensioni vengono prese ancora più in considerazione sia negli emendamenti (ma c'è poco spazio e tempo) che prima delle elezioni europee, con il M5S, oltre la Lega, che potrebbe rilanciare diversi aspetti come una progressiva quota 41 e miglioramenti per quota 100 e opzione donna e pensioni anticpate in generale per usuranti, precoci, disoccupati, visti i rsultati in termini di consenso che stanno avendo e di cui la Lega sta raccogliendo i massimi frutti.

E non è un caso, come si diceva poco sopra, che anche negli emendamenti il Pd ha rilanciato con forza novità per le pensioni importanti ammettendo anche in parte di aver sbagliato in precedenza, segno che la questione pensione è sempre più più importante. Ma anche l'apertura del Governo m5S-Lega verso i sindacati è un altro segnalae in questa direzione. Certo, c'è da fare i conti con una situazione economica e conti italiani non semplice, ma come abbiamo visto in altri casi, quando si vuole fare qualcosa seriamente i soldi si trovano sempre.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: