Pensioni novitÓ oggi su Ape Volontaria, Quota 41, Donna, Ape Social domenica 3 Settembre

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Pensioni novitÓ oggi su Ape Volontaria,

pensioni novitÓ ape donna obiettivi dimenticati

Facendo una analisi di cosa Ŕ successo finora e delle indicazioni oggi domenica 3 settembre sembra che i reali obiettivi si siano dimenticati

Non facili, duque, sono stati gli scorsi giorni come non lo sono state tutte le ferie per le novità per le pensioni che da possibili elementi positivi in manovra e negli altri momenti come il decreto dell?Ape Volotaria hanno subito non solo dei rallntamenti ma anche dei veri e propri blocchi da un esecutivo che non le ritiene assolutamente prioritatrie, anzi. Ad oggi domenica 3 Settembre, questa è la situazione sempre più complessa, difficile e in salita, come dimostrano anche le nuvoe affermazioni di ieri che abbiamo visto sotto, ma anche di venerdì. I prossimi incontri di martedì e soprattutto giovedì tra esecutivo e forze sociali potrebbero far capire qualcosa in più, soprattitto quale posizione vincerà tra quelle viste sotto tra maggioranza che paradossalmente si ritrova più vicino alle richieste delle forze sociali o quelle dell'esecutivo e dei decisori dei vari Dicasteri tra cui in primis il tesoro ma no solo che puntano al taglio delle imposte sulle attività sia per l'occupazione che per gli investimenti. Tutte le posizioni e le tendenze e il quadro generale con cui si andrannoa d affrontare lr prossime riunioni lo abbiamo visto nelle ultime novità per le pensioi sotto.


Dal resoconto che è giunto oggi sabato 2 settembre sulle affermazioni del Capo dell'esecutivo su capisce come le tendenze spiegate per le novità per le pensioni già precisate per la manovra come priorità rimangono ancora tali nonostante le aperture della maggioranza. Proprio ieri, infatti,, davanti alle associazioni no profit di solidarietà ha sottolineato che se vi fossero ulteriori spazi in manovra sarebbero usati per gli indigenti dopo l'occupazione. Ancora nulla, come nelle ultime notizie e  ultimissime sulle pensioni, e a questo punto come spiegato sotto le possibilità paradossalmente rimangono legate alle ultime novità avanzate dalla maggioranza e dal suo segretario.


A questo punto, il tempo, comunque stringe sempre di più e già martedì prossimo ci sarà una riunione per continuare le trattative sulle novità per le pensioni e ve ne saranno almeno altre tre già ufficializzate. Da non dimenticare anche quelle del Tesoro che sta facendo con i vari Dicasteri e al prorio interno per stabilire il Def e i suoi contenuti. Un problema di soldi è sicuro ed è anche evidente e chiaro, anche perchè non è stato al momento previsto nulla di revisione della spesa e o la fatturazione elttronica che nelle ultime notizie e ultimissime sono proprio scomparse. E come si può leggere sotto, anche gli obiettivi alla portata dove c'erano state delle aperture perchè davvero minimi, sembrano nelle ultime novità non esserci più con le pensioni che rischiano di scomparire in manovra  se si doverssero seguire le ricette e gli obiettivi solo edell'0esecutivo e dei Dicasteri. Basti pensare a quello dell'Occupazione, dove si punta alle agevolazioni per i nuovi assunti e quando si parla di novità per le pensioni lo si fa affermando chiaramente che se lo si sta facendo per il futuro.
L'unica possibilità che si ritorni agli obiettivi minimi in manovra finanziaria e legge di stabilità per le novità per le pensioni è l'intenzione espressa da Renzi e da Nannicini in vista del voto. E le forze sociali hanno espresso proprio fiducia in questa presa di posizione, affermandolo pure ufficialmente, finita la scorsa riunione....le stranezze quando si affrontano le pensioni non finiscono davvero mai....

Nonostante siano ripartiti i confronti tra esecutivo e forze sociali sulle novità per le pensioni che si spera di inserire nella prossima manovra finanziaria anche se sarà difficile definire ulteriori cambiamenti rispetto ai minimi di cui si sta parlando, dalle ultime notizie, sembra facendo una serie di considerazioni oggi venerdì 1 settembre 2017 che si siano persi di vista in realtà i veri obiettivi che, come confermano le ultime notizie, non sarebbero più per ora quelle profonde novità per le pensioni di revisione dell’attuale sistema ma modifiche già avviate e rimaste ancora in sospeso.

Veri obiettivi di novità per le pensioni dimenticati

I veri obiettivi in questo momento non, infatti, sono le profonde novità per le pensioni di come quota 100 e di quota 41 per tutti senza alcuna penalità o novità per le pensioni che permettano a tutti di uscire prima, ma semplicemente riuscire a definire ufficialmente tutti i dettagli che dovranno essere contenuti nel decreto attuativo per l'ape volontaria, in arrivo tra qualche settimana, tra:

  1. miglioramenti, e non come si dice con ulteriori errori;
  2. modifiche per novità per le pensioni per le donne decidendo per una nuova proroga dell’opzione donna o per l’ape social donna;
  3. modifiche per l’ape social e quota 41 ad essa collegata, con eventuale ulteriore stanziamento di budget.  

Eppure sembra proprio che questi stessi obiettivi siano stati dimenticati, considerando che le ultime notizie si stanno concentrando soprattutto sulle novità per le pensioni per i ragazzi. La situazione attuale, dunque, potrebbe non piacere ma purtroppo rappresenta ciò che effettivamente sta accadendo, con gli stessi esponenti che parlano di eventuali cambiamenti anche se non sarebbero per il momento, iniziando a porre le basi per successive modifiche pensionistiche. Ma vien da chiedersi se non sia meglio prima chiudere capitoli già aperti e che attendono ormai da tempo che vi venga messo un punto, come quelli relativi a novità per le pensioni di ape volontaria e ape social e creare reali presupposti per permettere a tutti di uscire prima e dare nuova spinta al rilancio dell'occupazione.

Novità per le pensioni migliori per rilancio occupazione

La verità, infatti, è che da tempo si chiedono novità per le pensioni per rendere l’attuale sistema in vigore nel nostro Paese meno rigido, da una parte, e cercare di rilanciare l’occupazione, soprattutto giovanile, dall’altra, considerando che le norme pensionistiche attualmente in vigore, costringendo i lavoratori più anziani a continuare a rimanere occupati, stanno letteralmente chiudendo le porte del mondo del lavoro ai ragazzi, bloccando del tutto quel ricambio generazionale necessario non solo per garantire occupazione ai ragazzi ma anche per dare nuova spinta alla produttività, considerando che le conoscenze delle moderne tecnologie sono appannaggio dei ragazzi più che degli impiegati più anziani. Non riuscendo ad attuare novità per le pensioni profonde che riescano a centrare gli obiettivi appena riportati, perché troppo costose, si dice, anche se la verità è che anca la volontà di politica di attuazione delle stesse novità per le pensioni, in questi ultimissimi anni si è deciso di lavorare su quelle misure pensionistiche considerate soluzioni tampone che, per molti, hanno rappresentato solo un inutile spreco di soldi.

E stiamo parlando di novità per le pensioni come:

  1. part time;
  2. opzione donna;
  3. ape volontaria e ape social.

Ma si tratta di novità per le pensioni sperimentali, solo per pochi, dunque limitate e non universali, mentre l’attesa è per quella soluzione pensionistica universale per tutti che era stata annunciata anni fa, a inizio del primo esecutivo Renzi, dal ministro del Lavoro, tutt’ora in carica, Giuliano Poletti. Ma ancora nulla in tal senso è stato fatto e forse per vedere realizzate profonde novità per le pensioni strutturali e universali per tutti come quota 100 e quota 41 senza alcun onere, bisognerà ancora aspettare un bel po’. E nel frattempo, nonostante l’attenzione sia stata virata verso altre novità per le pensioni come ape volontaria, ape social e  quota 41, novità per le pensioni Donna, anche queste novità per le pensioni che rispetto alla quota 100 sono decisamente minime e limitate sembrano al momento ancora essere rimaste in sospeso.

Eppure il tempo stringe e se la presentazione ufficiale del decreto attuativo sull’ape volontaria è stato programmato per settembre ed eventuali modifiche per ape sociale e quota 41 e ape social per le donne sono attese con la prossima manovra finanziaria, la cui presentazione è in programma per la metà del mese di ottobre, allora l’esecutivo dovrebbe effettivamente spingere il piede sull’acceleratore e ritrovare gli obiettivi dimenticati e da perseguire. Solo una volta concluso questo percorso, e forse solo in vista di prossima elezioni, ci si potrà concentrare sulle ulteriori novità per le pensioni tanto attese, come la quota 100, che effettivamente potrebbero modificare profondamente le regole per le pensioni al momento in vigore e i requisiti di pensione attualmente richiesti, rendendoli più ‘morbidi’ per tutti.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: