Pensioni, prescrizione contributi non versati. Quando non più validi? E novità Esecutivo pensioni

Come recuperare contributi non versati, cosa fare e quando vanno in prescrizione. Tutto quello che c’è da sapere

Pensioni, prescrizione contributi non ve

contributi pensione non versati recuperare prescizione


Novità dall'Esecutivo sulle pensioni: Pensioni più alte dal prossimo primo gennaio 2019: grazie alla rivalutazione degli assegni, infatti, gli importi delle pensioni saranno adeguati all'aumento del costo della vita Istat e torneranno a salire automaticamente, andando oltre quelo blocco che finora è stato in vigore a causa delle difficili condizioni economiche del nostro Paese. Al via nuovamente, dunque, la perequazione automatica delle pensioni che era stata bloccata dall'entrata in vigore dell'attuale riforme delle pensioni firmata Fornero e reintrodotto dalla legge 174/2013 che ha previsto una fase transitoria per tutto 2016, poi prorogata fino al 2018. Per la fase transitoria sono stati definiti cinque scaglioni di reddito con relative percentuali di rivalutazione dal 45 al 95%.

Prescrizione contributi non versati

Per andare in pensione è necessario maturare non solo un requisito anagrafico, attualmente fissato a 66 anni e sette mesi di età, ma anche contributivo Per uscire a 66 anni e sette mesi di età serve aver maturato almeno 20 anni di contributi. I requisiti contributivi oggi richiesti, invece, per la pensione anticipata sono di 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. Ma se ci si dovesse accorgere di non aver versato tutti i contributi necessari o averli persi, è possibile recuperarli? E se si, come?

Contributi pensione non versati: come si possono recuperare

Quando si avvicina il momento del pensionamento, si fa l’estratto contro contributivo per accertarsi che il requisito richiesto sia effettivamente raggiunto o in fase di raggiungimento. Se in questa fase di controllo, il lavoratore dovesse accorgersi del mancato versamento di qualche contributo è bene che sappia innanzitutto che i contributi vanno in prescrizione esattamente per altre situazioni e poi che è possibile recuperarli, prima che trascorra il tempo della prescrizione. Trascorso, infatti, il termine della prescrizione non è possibile in alcun modo regolarizzare la propria posizione contributiva.
 
E’ possibile recuperare i contributi non versati se i contributi stessi non sono stati versati dal datore di lavoro. In tal caso, il lavoratore stesso dovrà segnalare la mancanza dei contributi che avrebbero dovuto essere versati direttamente all’Inps, chiedendo la regolarizzazione della posizione. Per effettuare questa procedura, basta accedere al sito Inps tramite il proprio Pin Inps e aprire una segnalazione contributiva in via telematica nell’area ‘Ricorsi Online’, sezione Servizi per il cittadino.

Per i lavoratori dipendenti pubblici, il mancato versamento dei contributi è a carico delle amministrazioni, mentre non possono recuperare i contributi non versati i lavoratori autonomi, ad eccezione di collaboratori iscritti alla Gestione separata Inps; lavoratori autonomi occasionali; familiari coadiuvanti dell’imprenditore artigiano o commerciale; coadiutori dell’imprenditore artigiano o commerciale; coltivatori diretti, coloni e mezzadri; e associati in partecipazione.

Contributi pensione non versati: quando vanno in prescrizione

Tornando alla prescrizione, è bene precisare i contributi non versati dopo un determinato numero di anni vanno persi. In particolare, i contributi, come si suol dire, vanno in prescrizione dopo 5 anni. Il tempo da calcolare per la prescrizione si calcola dal momento in cui sarebbe dovuto avvenire il versamento dei contributi necessari per il calcolo della pensione finale. Se entro i 5 anni prima della prescrizione il lavoratore non richiede i contributi mancanti, questi stessi saranno persi. Se il mancato accredito dei contributi dipenda da un’inadempienza da parte del datore di lavoro e il dipendente ha presentato relativa denuncia nei suoi confronti, il termine della prescrizione sale a 10 anni e in tal caso toccherà all’Inps procedere con il recupero dei contributi dovuti prima che vadano persi. Per recuperare i contributi non versati, nel caso in cui non dipenda da voi stessi, basterà semplicemente