Pensioni ultime notizie cumulo gratis 2017: quando e come funziona, per chi, come fare domanda INPS. Regole e istruzioni

Regole di funzionamento del cumulo gratuito, novità dal 2017 e ultime notizie su chi potrà farne domanda: cosa c’è da sapere

Pensioni ultime notizie cumulo gratis 20

Pensioni novità cumulo gratis requisiti domanda Inps


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:30): Tra le novità per le pensioni più interessanti c'è quella relativa al cumulo gratis dei contributi. Si tratta infatti di una regola che, anno dopo anno, interesserà un numero maggiore di lavoratori. Occorre precisare a integrazione di quanto scritto che non è consentito il recesso dal cumulo, come da ultime e ultimissime notizie, per ottenere la restituzione di quanto versato e accedere al pensionamento se l'onere è stato tutto pagato.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:42):  Una delle novità per le pensioni da diversi sottovalutata è il cumulo gratis che permetterà di riuscire ad ottenere a diverse persone i requisiti mancanti dei contributi per uscire prima. Ecco una spiegazioni delle regole attuali del cumulo gratis 2017.

Il nuovo testo unico, tra le novità per le pensioni 2017, ha previsto la possibilità di cumulo totalmente gratuito per tutti i lavoratori. In un primo momento questa possibilità era stata definita solo per i lavoratori iscritti alle diverse gestioni previdenziali legate all’Inps, ma le ultime notizie hanno confermato la possibilità di cumulo gratuito per tutti i lavoratori, dunque anche per tutti i lavoratori autonomi e liberi professionisti iscritti alle proprie casse previdenziali private. Il cumulo gratuito, secondo le stime, permetterà a circa 100mila lavoratori di andare in pensione prima nei prossimi dieci anni. Il cumulo permette, dunque, ai lavoratori iscritti presso due o più forme di assicurazione obbligatoria di sommare tutti i periodi non coincidenti ai fini del conseguimento di un’unica pensione e richiede il raggiungimento dei requisiti anagrafici e contributivi richiesti dall’attuale normativa pensionistica.

Calcolo dell’importo della pensione finale con il cumulo

L’importo del trattamento pensionistico finale per chi sceglie il cumulo sarà determinato dalle diverse gestioni previdenziali che calcoleranno, ognuna, la quota di contributi versati nella loro gestione, il trattamento cosiddetto pro quota, in rapporto ai periodi contributivi maturati nelle differenti gestioni previdenziali in base alle rispettive retribuzioni e alle rispettive regole. Ciascun ente pensionistico, dunque, calcola la quota di pensione spettante in base alla contribuzione versata.

Regole di funzionamento del cumulo gratuito e per chi vale

Il cumulo gratuito permette a tutti i lavoratori di riunire tutti i propri contributi previdenziali versati nell’intero arco della propria vita lavorativa nelle diverse gestioni e casse previdenziali e in molti casi servirà ai lavoratori per raggiungere anzitempo i requisiti necessari per la pensione anticipata e di vecchiaia, ma anche di inabilità o per i superstiti, e di anzianità sul lavoro. Possono richiedere il cumulo gratis sia i lavoratori dipendenti che quelli autonomi iscritti all’Inps, alle forme sostitutive dell’Ago, all’Inpdai, all’Enpals, e alle altre forme di assicurazione generale, sia i professionisti iscritti alle Casse di previdenza professionali. Si tratta, dunque, di una possibilità valida, per esempio, per giornalisti, commercialisti, ingegneri, architetti, avvocati e notai, chimici, medici, infermieri, odontoiatri, biologi, veterinari, geometri, ragionieri, e commercianti, artigiani e tutti i dipendenti pubblici che prima erano iscritti all’Inpdap. I dipendenti pubblici che decidono di chiedere il cumulo percepiscono il TFR al momento della maturazione della pensione di vecchiaia.

Come fare domanda di cumulo e a chi

La domanda per la richiesta del cumulo gratuito di tutti i propri contributi previdenziali deve essere presentata poco prima del pensionamento all'ultimo ente pensionistico al quale si è iscritti, indicando gli enti previdenziali dove sono stati versati gli altri contributi.