Pensioni ultime notizie su mini pensioni, quota 41, quota 100 da Battaglia, Biondelli, Alleva

di Marianna Quatraro pubblicato il
Pensioni ultime notizie su mini pensioni

pensioni novità ultime affermazioni Giorgio Alleva

Le recenti posizioni di Battaglia, Alleva, Biondelli su ultime notizie relative a indigenza e occupazione e urgenza di novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): Incassato, seppur ancor in via informale, il via libera della Comunità sugli interventi correttivi e allargata la platea degli indigenti degli strumenti di sostegno al reddito, appare chiaro come questo esecutivo stia seguendo una linea di continuità con il precedente. Una decisione che non sembra portare frutti, come abbiamo approfondito con le ultime e ultimissime notizie, proprio per l'insistenza a tenere su due piani separati occupazione e novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): Arrivano da più parti segnali disastrosi sulle condizioni di questo Paese e in particolare sulla crescita del numero di indigenti, testimoniata anche dalle ultime e ultimissime notizie. Ma la maggiore negatività è anche un'altra: la scarsa efficacia dei provvedimenti adottati per contrastare questa situazione, privi di vere novità per le pensioni e un calibrato assegno universale, adottato nella quasi totalità dei Paesi comunitari.

Cresce l’indigenza tra gli italiani e continua a mancare l’occupazione, elementi che fotografano un’Italia sempre più in crisi. Le ultime notizie non sembrano, dunque, parlare di un Paese in via di miglioramento, tutt’altro: continuano le difficoltà e aumentano gli italiani costretti a vivere in condizioni di estreme difficoltà economiche, basti pensare che gli indigenti sono passati da 3 milioni a quasi 10, un numero decisamente troppo alto. La necessità è quella di impegnarsi perché queste situazioni di criticità possano essere risolte. Ma quali sarebbero le soluzioni migliori?

Le ultime posizioni di Battaglia e conseguenze per novità per le pensioni

Decisamente troppo chiare le ultime notizie rese note da Sergio Maria Battaglia, coordinatore del Centro Studi Unimpresa, che ha confermato come siano oltre 9,3 milioni gli italiani a rischio indigenza assoluta, con prospettive addirittura di aumento. Secondo Unimpresa, in particolare, aumentano gli occupati-precari che vanno ad aggiungersi agli oltre 3 milioni di persone disoccupate e che sarebbero, secondo le ultime notizie, circa 6,27 milioni di persone. Inoltre, se nel quarto trimestre del 2015 i disoccupati erano in totale 2.89 milioni, a dicembre 2016 i disoccupati sono aumentati di 179mila unità (+6,18%).

Aumenta anche il numero di coloro che sono in cerca di prima occupazione, cresciuti di 58mila unità. Si tratta di ultime notizie che, come spiegato da Battaglia, rendono chiaramente vana la nuova norma per l’occupazione introdotta dal precedente esecutivo che non ha evidentemente portato i risultati sperati. Sarebbe stato meglio, dunque, investire quei miliardi di euro nell’introduzione di novità per le pensioni come quota 10 e quota 41 per tutti che avrebbero certamente avuto maggiori vantaggi nel rilancio dell’occupazione giovanile, contribuendo a risolvere la drammatica situazione che oggi vive la maggior parte degli italiani.


Le ultime posizioni di Alleva e ripercussioni su novità per le pensioni

Le ultime notizie di Unimpresa non fanno che confermare i dati allarmanti sull’indigenza già resi noti dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva. L'Istat aveva infatti già certificato la condizione di indigenza assoluta per ben 4,5 milioni di italiani, precisando che rispetto al 2014 sono peggiorate soprattutto le condizioni delle famiglie con 4 componenti (dal 6,7% al 9,5%) e nel confronto con gli altri Paesi comunitari il nostro Paese risulterebbe inferiore solo alla Grecia. E’ decisamente tanta e decisame4nte lunga la strada verso la nuova crescita che l’Italia dovrebbe compiere ma sarebbe importante partire per cercare di risolvere queste drammatiche situazioni prima che possano ulteriormente peggiorare. In tanti hanno già spiegato come una importante revisione dell’attuale sistema pensionistico potrebbe rappresentare un grande passo verso una nuova crescita, attraverso vantaggi di rilancio occupazionale, della produttività e dei consumi.

Le ultime affermazioni di Biondelli e impatto su novità per le pensioni

Per cercare di arginare questa situazione di grave crisi economica, il Dicastero dell’Occupazione ha dato il via al reddito inclusione che però non sarebbe sufficiente mentre, come ben si sa, la soluzione migliore alle situazioni di drammaticità appena riportate sarebbero quelle importanti novità per le pensioni, in grado di rilanciare occupazione e consumi, dando così avvio ad un ciclo economico positivo in generale. Secondo quanto comunicato dal sottosegretario al Dicastero dell'Occupazione, per il reddito di inclusione sarebbe raddoppiata la platea dei beneficiari, in modo da coinvolgere nella misura più persone da sottrarre alla condizione di indigenza. Stando alle ultime notizie, infatti, le famiglie che potranno accedere al sostegno economico dovrebbero essere circa 400 mila e le famiglie composte esclusivamente da un genitore solo e da figli minorenni potranno percepire un aumento del beneficio di ulteriori 80 euro. Ma quanto sarà utile effettivamente questa novità?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: