Pensioni ultime notizie su quota 100, pensioni mini, quota 41 da De Bortoli, Magatti, Taino (aggiornamento)

Ancora tribunali e magistratura coinvolti nel rilancio di novità per le pensioni importanti e decisioni: le ultime posizioni di Amato, Mori, Musumeci

Pensioni ultime notizie su quota 100, pe

pensioni novità ultime affermazioni musumeci


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01): Vi sono state delle decisioni su pensioni negate riviste completamente dai tribunali, ma anche novità per le pensioni che le varie Corti hanno corretto e più volte nelle ultime notizie e ultimissime per renderle conforme al sistema di diritti attuale

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 03:30): Sono state asslutamente significative le decisioni della magistrature che per le novità per le pensioni si è più volte sotituita allo Stato o ha corretto errori e già si attendono nelle ultime notizie e ultimissime prossime decisioni importanti,

La magistratura da sempre ormai protagonista di decisioni importanti relative a quelle novità per le pensioni su cui l’esecutivo continua a temporeggiare: nell’attesa, infatti, che arrivino decisioni ufficiali sul rilancio di importanti novità per le pensioni che siano positive per tutti. E sono tanti e diversi i casi che hanno visto il coinvolgimento della magistratura e di avvocati nella risoluzione di diverse questioni relative anche a novità per le pensioni, segno che evidentemente si cercano soluzioni alternative per la loro approvazione, esattamente come del resto fanno singole realtà, sia a livello territoriale, sia aziendali, che in piena autonomia e indipendenza e indipendentemente dalle decisioni dell’esecutivo che tardano ad arrivare, hanno già avviato novità per le pensioni a livello locale o interne alle diverse aziende.

Le ultime posizioni di Amato e impatto su novità per le pensioni

Tra i casi approdati sul tavolo dei giudici della magistratura quello relativo al rimborso delle pensioni, trattati, tra gli altri da Amato uno dei giudici della Consulta. La mancata perequazione delle pensioni più alte, considerata illegittima, ha fatto parecchio discutere, scatenando diversi ricorsi da parte di tantissimi pensionati che hanno deciso di rivolgersi a patronati, sindacati e avvocati, tanto che, come confermano le ultime notizie, la stessa Consulta ha fissato per il prossimo ottobre l’udienza che dovrà esprimersi una volta per tutta sulla presunta incostituzionalità del provvedimento di rivalutazione delle pensioni, considerato ingiusto e iniquo, delle migliaia di cittadini che non hanno goduto della loro perequazione dovuta. Sarà piuttosto interessante capire come si chiuderà questa partita per sapere quali saranno le mosse eventualmente successive per ulteriori novità per le pensioni da definire ancora.

Le ultime posizioni di Musumeci e ripercussioni su novità per le pensioni

Il giudice Eugenio Musumeci ha imposto all’organismo per le pensioni di riconoscere l’erogazione della pensiona di invalidità ad un lavoratore cui lo stesso ente, giuntane richiesta, non aveva mai dato risposta. Il caso riguarda un lavoratore che, a causa di una grave patologia invalidante, nel 2013 ha chiesto la pensione di invalidità all’ente di gestione delle pensioni ma da cui non ha mai avuto risposta. Proprio per mancanza di risposta, lo stesso lavoratore si è rivolto ai magistrati della Corte di Conti che, una volta analizzata la richiesta e relativa documentazione, hanno imposto all’organismo per le pensioni il riconoscimento della prestazione pensionistica richiesta, indicando anche le cifre da corrispondere dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro, con relativa maggiorazione di interessi legali e rivalutazione su quanto maturato fino al momento della richiesta. Si tratta dell’ennesimo caso che dimostra quanto il temporeggiare dell’esecutivo nella decisione di introdurre significativi cambiamenti dell’attuale sistema venga sostituito da sistemi alternativi di decisione.

Le recenti posizioni di Mori e rilancio di novità per le pensioni

Non solo magistratura e Alta Corte: a rilanciare sulle novità per le pensioni anche diverse iniziative che hanno coinvolti gli avvocati. Tra le tante possiamo ricordare quella avanzata dal coordinatore del gruppo online Lavoratori precoci lavoro giovani che, da sempre pronto a portare avanti la necessità di attuazione di profonde novità per le pensioni, come quota 41 per tutti senza oneri e quota 100, insieme all'avvocato Marco Mori, esponente del partito Alternativa italiana, da tempo ha lanciato una particolare iniziativa che porterà al coinvolgimento anche dei tribunali.

L’iniziativa prevede la raccolta e la presentazione in tutti i tribunali del nostro Paese di quante più denunce possibili da parte dei singoli cittadini per far comprendere l’illegittimità delle decisioni del precedente esecutivo, soprattutto in riferimento alle ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione con e senza oneri e di quota 41 ad essa collegata, come anche di quello attuale, perché si tratta di esecutivi che non sono stati eletti dai cittadini, quindi legittimamente.

E altrettanto illegittime sarebbero dunque le misure approvate che dovrebbero pertanto essere del tutto bloccate. E questa situazione significherebbe rilanciare innanzitutto su novità per le pensioni di revisione dell’attuale sistema, andando decisamente oltre le ultime novità per le pensioni di mini pensione con e senza oneri e quota 41 che, tra l’altro, sono ancora attese nonostante la loro entrata in vigore fosse stata decisa per l’inizio dello scorso mese di maggio.