Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 decreti attuativi e seconda fase quando per pensioni

Ancora incerti tempi di arrivo dei decreti attuativi per ultime novitÓ per le pensioni e ultime notizie su seconda fase per modifiche pensionistiche

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novitÓ tempi seconda fase decreti attuativi

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:47):  Al momento, dunque, la seconda fase per le novità per le pensioni che è la più importante in senso assoluta è stata confermata seppur nelle ultime notizie e ultimissiem vi siano differenti dubbi anche legati in qualche modo alla perdita di fiducia per i continui rinvii dei decreti attuativi per le novità delle pensioni che dovevano essere già pronti. Al momento, comunque, non ci dovrebbe essere problemi di attuazione anche se i tempi dovrebbero arrivare al 31 marzo, salvo ulteriori proroghe

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:30): La seconda fase per le novità per le pensioni che è davvero quell che interessebbe tutti i cittadini italiani è stata confermata in diverse occasioni dall'attuale esecutivo nelle ultime notizie e ultimissime e sono state fissati anche i confronti, almeno quelli iniziali con i punti per le novità per le pensioni che erano state già stabilite in precedenza. E vi sarebbe anche lo spazio, i tempi e le condizioni per attuare le novità per le pensioni da parte di questo esecutivo, almeno anche uno o due punti, anche se gli ostacoli non sono pochi.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): Vi sono due attese rilevanti ovvero quando ci saranno i decreti attuativi ma ancora di più se è ancora confermata e a che livello, nonostante le ultime notizie e ultimissime, la seconda fase delle novità per le pensioni che a ben guardare gli elementi che dovrebbe contenere sarebbe molto più significative per l'incisività e la profondità che avrebbe

Continuano ad essere rimandate riunioni tra forze sociali ed esecutivo e discussioni ulteriori che potrebbero finalmente definire tempi di arrivo ufficiali dei decreti attuativi relativi alle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 e successivo avvio dei confronti per il via ad una seconda fase di lavori per ulteriori novità per le pensioni che, stando alle ultime notizie, ma soprattutto in base alle reali disponibilità economiche, potrebbero rientrare nel nuovo documento di programmazione economica. La strada, però, per decisioni finali su novità per le pensioni che siano finalmente universali per tutti e strutturali è ancora molto lunga e ad oggi i tempi sono molto incerti, sia per i decreti attuativi sia per la seconda fase di lavoro sulle novità per le pensioni.

Novità per le pensioni: tempi di avvio della seconda fase

Dalle prime discussioni sul nuovo documento di programmazione economica, la cui prima bozza dovrebbe essere presentata il prossimo 10 aprile come confermano le ultime notizie, sarebbe emersa la volontà di inserimento di ulteriori novità per le pensioni che poi dovrebbero rientrare nella prossima manovra. Dovrebbero essere, però, novità per le pensioni più importanti e profonde delle attuali mini pensioni e quota 41 per cui, chiaramente, servono soldi al momento non disponibili. Stando, infatti, alle ultime e ultimissime notizie, i margini di intervento per la prossima manovra sarebbero molto limitati al momento, considerando che il documento di programmazione economica, tra gli altri provvedimenti, dovrà prevedere 3,4 miliardi di euro per le misure correttive richiesteci dalla Comunità e senza le quali si rischia di andare realmente incontro all’apertura di una nuova procedura di infrazione e 19,5 miliardi di euro per le clausole di salvaguardia. Ci si chiede, dunque, come e quali ulteriori novità per le pensioni potranno essere discusse.

Dopo il rinvio della riunione tecnica tra forze sociali ed esecutivo, che avrebbe dovuto tenersi lunedì, per la definizione degli ultimi dettagli mancanti relativi alle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, le ultime notizie confermerebbero la nuova riunione, sempre tra forze sociali ed esecutivo, fissata il prossimo 23 marzo proprio per iniziare a discutere della seconda fase di impegno sulle novità per le pensioni. Al momento, però, non ci sarebbe molta convergenza tra esecutivo, tecnici e forze sociali sulle novità per le pensioni da portare effettivamente avanti e bisognerà decidere tra:

  1. novità per le pensioni di quota 100;
  2. novità per le pensioni di quota 41 per tutti senza oneri;
  3. modifiche del sistema di calcolo contributivo, soprattutto per sostenere i giovani spesso precari oggi;
  4. novità per rilanciare previdenza complementare e integrativa;
  5. revisione del meccanismo delle speranze di vita.

Novità per le pensioni: nuovi tempi dei decreti attuativi

La riunione del 23 marzo tra forze sociali ed esecutivo seguirà, però, quella rinviata da lunedì che si terrà lunedì 20, occasione durante la quale necessariamente bisognerà chiudere le questioni ancora aperte relative ai dettagli mancanti sul funzionamento delle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41. Se questa riunione dovesse ancora essere rimandata, potrebbe di conseguenza saltare anche quella del 23 di avvio delle discussioni della seconda fase di impegno sulle novità per le pensioni e si innescherebbe un nuovo blocco che, certamente, non sarebbe positivo per quelle urgenti novità per le pensioni tanto attese. E il blocco rischia di interessare anche altri importanti argomenti. Inoltre, rimandando ancora i decreti attuativi oltre la fine di questo mese, si rischia un rinvio della stessa entrata in vigore ufficiale di mini pensione e quota 41, al momento fissata al prossimo primo maggio.

Dalla prossima riunione in programma lunedì prossimo tra forze sociali ed esecutivo si attendono, dunque, gli dettagli per la definizione dei decreti attuativi per l’ufficialità delle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, dettagli che dovranno riguardare

  1. trattative con gli istituti di credito per la definizione degli oneri ufficiali;
  2. trattative con le assicurazioni per la definizione delle condizioni ufficiali delle polizze assicurative;
  3. eventuale estensione delle occupazioni faticose per cui si potranno chiedere mini pensione senza oneri e quota 41;
  4. richiesta di cumulo di tutti i propri contributi previdenziali ai fini del calcolo contributivo per accesso a mini pensione e quota 41.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: