Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 elementi sei positivi senza elezioni subito sistema

Elezioni subito occasione attesa ed elementi positivi senza elezioni subito anche per rilancio di novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni novità sei elementi positivi senza elezioni


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:30): Non c'è un unico pensiero se le elezioni subito o dopo sono positive per le novità per le pensioni anche se tutti paiono d'accordo che il sistema con il quale si volevano ( e forse si vogliono fare ) e l'alternativa di questo non sono sicuramente validi. E anzi, spuntano nelle ultime notizie e ultimissime degli elementi che considerano un bene che le elezioni non vangano fatte subito per le pensioni....

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): Punti positivi, se scartati i sistemi per elezioni subito non verranno fatte, per le novità per le pensioni ve ne sono almeno sei. Certo per attuare alcuni di essi ci vorrebbe una rapida ripresa dell'esecutivo che nelle ultime notizie e ultimissime ha perso la poca forza che aveva e che propria gestendo in parte e trovando la sua autonomia, potrebbe fare qualcosa di buono.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:01): Non è facile da sciogliere il nodo sulla convenienza o meno per le novità per le pensioni delle elezioni subito. Ci sono ragioni ben precise per cui questa stradai, non completamente abbandonata nelle ultime notizie e ultimissime potrebbe effettivamente rivelarsi positiva sotto più punti di vista, ma allo stesso tempo non mancano le valide ragioni per scegliere la gradualità.

Gli ultimi giorni, piuttosto concitati, sono costellati di discussioni e dibattiti per la definizione del sistema per elezioni subito, urne auspicati da tanti che vedono in essere l’occasione ideale sia per dare al Paese una nuova stabilità politica sia per permettere di portare a termine quei provvedimenti strutturali e importanti per il rilancio dello stesso Paese, soprattutto da un punto di vista economico. Sono diversi, infatti, come confermano le ultime notizie, gli organismi, anche mondiali, che da qualche tempo stanno invitando il nostro Paese a far qualcosa per invertire l’attuale tendenza di stagnazione in cui sembra essere caduto, avviandosi verso una nuova crescita da rendere costante e sempre più volta verso l’alto, considerando che al momento procede decisamente a rilento.

E le elezioni subito per alcuni rappresentano proprio l’occasione ideale per inseguire questi nuovi obbiettivi appena riportati e, soprattutto, per rilanciare in maniera concreta le importanti novità per le pensioni, come quota 100 e quota 41 per tutti, sempre rimandate perché troppo costose, ma che in vista di nuove urne permetterebbero di riconquistare consensi, voti ed elettori. Ciò che però ci si chiede è cosa potrebbe succedere senza elezioni subito per le novità per le pensioni?

Elezioni subito che potrebbero saltare e perplessità su accordo sul sistema di elezioni

Dopo le discussioni sull’accordo per il sistema di elezioni subito basato sul modello teutonico, proporzionale con soglia di sbarramento al 5%, che ha fatto parecchio discutere il versante delle forze più piccole che con questa soglia rischierebbero di scomparire, tanto che le ultime notizie hanno parlato di nuove possibili unioni tra tutte le forze più piccole del centrosinistra e centristi, proprio per superare la soglia del 5%, le ultime e ultimissime notizie stano destando diverse perplessità tanto da far pensare che lo stesso accordo sul sistema di elezioni subito possa anche saltare.

Il motivo è presto spiegato: proprio dalle piccole forze a cui il modello teutonico non piace per la soglia fissata sono arrivate ben 100 votazioni segrete su sistema di elezioni subito ma anche sulle diverse modifiche ad esso presentate, oltre 200. Il voto finale sul sistema di elezioni subito, come richiesto del resto dai pentastellati, dovrebbe essere fissato per lunedì prossimo, data che secondo alcuni potrebbe anche slittare.

Le votazioni segrete, arrivate dalle stesse forze dei leader che hanno siglato l'accordo, vale a dire attuale maggioranza, Schieramento del Cavaliere, pentastellati e Carroccio, potrebbero mettere a rischio l'accordo stesso, portando tutto a saltare e rinviando ogni altra discussione, insieme alle stesse urne. Il tempo, infatti, stringe e se già c'era chi pensava andare ad elezioni subito in autunno avrebbe significato inverosimilmente portare avanti tutte le mosse antecedenti, da scioglimento delle Aule a presentazione delle liste, nel bel mezzo dell'estate, con un ulteriore rinvio la situazione diventerebbe certamente più complicata. Ed ecco che elezioni subito potrebbero saltare e con esse, probabilmente, anche diverse iniziative importanti che si pensava di rilanciare proprio in occasione delle nuove urne. Cosa accadrebbe, invece, per le tanto auspicate novità per le pensioni?

Sei elementi positivi senza elezioni subito e rilancio di novità per le pensioni

La risposta potrebbe essere che non tutti i mali vengono per nuocere: è vero che senza elezioni subito non si arriverebbe ad un nuovo esecutivo votato e voluto dai cittadini, piena espressione di una rappresentanza certa per dare nuova stabilità al Paese e probabilmente alcune importanti iniziative continuerebbero ad essere bloccate, però, secondo le ultime notizie, potrebbero anche prospettarsi diversi elementi positivi che potremmo riassumere in sei punti. Senza elezioni subito, infatti:

  1. si potrebbe riprendere il momento successivo di analisi di ulteriori novità per le pensioni, con un tempo maggiore per decidere quale novità per le pensioni inserire tra le prossime economiche;
  2. l’attuale esecutivo andrebbe avanti con la definizione del documento di decisioni economiche e non vivendo nella situazione di dover ottenere per forza il consenso in vista di prossime elezioni, alle quali l’attuale premier non ha alcuna intenzione di presentarsi, si potrebbero portare avanti misure interessanti, anche peggiorative, come tagli agli sprechi, revisione di alcune tipologie di pensioni stesse e di detrazioni fiscali, dalle quali si ricaverebbero ulteriori soldi da poter poi reimpiegare per l’attuazione di interventi positivi per tutti, importanti novità per le pensioni comprese. E proprio in riferimento alle novità per le pensioni, considerando che, secondo le ultime notizie, l’attuale maggioranza potrebbe chiedere all’attuale esecutivo di far qualcosa per la ricerca del consenso in vista delle prossime urne, forse potrebbe effettivamente arrivare a sorpresa una importante novità per le pensioni del momento successivo;
  3. si potrebbe riprendere l’iter di revisione delle pensioni elevate degli alti esponenti, per cui non ci sarebbero più scuse di alcun blocco;
  4. si avrebbe ulteriore tempo per definire un sistema per elezioni comunque più funzionale e condiviso da tutti, anche se una larga condivisione sarebbe davvero difficile se l’accordo attuale dovesse saltare;
  5. si avrebbe maggiore tempo per la stesura interna dei punti principali da presentare agli elettori;
  6. si potrebbe anche avere più tempo per la definizione certa di potenziali alleanze per una maggioranza sicura e una nuova piena governabilità.