Pensioni ultime notizie incontro Sindacati-Governo oggi mercoledý 1 marzo e deleghe in Aula per mini pensioni, quota 41, quota 100

di Marianna Quatraro pubblicato il

Gli importanti appuntamenti di questa settimana che avranno grandi conseguenze sulle novitÓ per le pensioni e cosa aspettarsi

Pensioni ultime notizie incontro Sindaca

pensioni novitÓ sistema voto incontro sindacati deleghe Aula

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 13:47): Le deleghe dovrebbero arrivare entro domani giovedì, se non ci saranno ritardi e poi il Governo Gentiloni dovrà compiere il suo percorso per queste collegabili alle novità per le pensioni, mentre oggi 1 marzo vi è l'incontro tra Sindacati-Governo Gentiloni per le nvoità per le pensioni come mini pensioni e quota 41 per una verifica dei decreti attuativi che dovrebbero essere rilasciati anche'essi domani giovedì 2 marzo almeno nelle ultime notizie e ultimissime seppur vi sono alcuni dubbi in merito che possano esere completati.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): L'altra attesa nelle ultime notizie e ultimissime notizie collegata alle novità per le pensioni è il passaggio finale di alcune deleghe al Governo che trattano di necessità e aiuto ai cittadini a cui verrà affidato al Governo un inizio di assegno universale. Sarà una sorta di sorta di assegno universale, se le cose non muteranno, erchè nelle delega stessa non è concepita l'universalità e dovrebbe essere collegato in qualche modo a chi si impegna nella ricerca di una attività o, comunqu, fa un determinato percorso, oltre ad essere in codnzioni disagiate. Ma su tutti questi punti potrebbero, comunque, con l'accordo della maggioranza essere ulteriormente rivisti. 

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01):  Vi sono almeno tre attese che caratterizzano l'attualità delle novità per le pensioni, una delle quali purtroppo, ma era anche quella più a lungo termine nelle ultime notizie e ultimissime, è già stata cancellata ovviamente al momento, ovvero il sistema con cui andare ad elezioni che è fondamentale per avere un esecutivo stabile e, dunque, per le novità per le pensioni stesse. Si doveva iniziare a fare sul serio, ma le posizioni sono ancora distanti e si è preferito rimandare. 

Si prospettano importanti appuntamenti per questa settimana che avranno certamente notevole impatto sulle novità per le pensioni. Stando a quanto riportano le ultime notizie, infatti, ci si prepara a:

  1. nuova riunione sul sistema elezioni;
  2. nuove discussioni in Aula sulle deleghe per l’assegno universale;
  3. nuovo incontro tra sindacati e Governo Gentiloni sulle ultime novità per le pensioni e non solo.

Nuova riunione su sistema elezioni e conseguenze per novità per le pensioni

Dopo aver deciso si terranno Congresso e primarie del centrosinistra, il prossimo 30 aprile, stando alle ultime e ultimissime notizie, non si terrà nella giornata odierna, così come in programma l’avvio in Aula del confronto tra i vari schieramenti politici sul sistema elezioni, occasione per capire le effettive intenzioni della politica, se andare cioè ad elezioni politiche subito, se ci sarà volontà generale e comune di modifica dello stesso sistema elezioni, in grado di assicurare la ‘creazione’ di una vera e propria maggioranza senza la quale vi sarebbe il rischio di ingovernabilità. Stando a quanto riportato dalle ultime notizie, il motivo per cui l’avvio del confronto è stato rinviato è che l’Alta Corte avrebbe bisogno di più tempo per analizzare le diverse proposte e possibili modifiche presentate. Tra le ultime notizie, la proposta di un aumento della soglia di sbarramento dal 3 al 5% per entrare il Parlamento, insieme a quella di abbassamento dal 40 al 37% per il premio di maggioranza. Sono, però, diverse le analisi da compiere, motivo per il quale l’Alta Corte avrebbe fatto sapere di aver necessità di più tempo e per cui bisognerà ancora attendere per capire quando effettivamente inizierà il confronto ufficiale in Aula. In ogni caso, si tratta di un incontro che si dovrebbe rivelare fondamentale per capire se si andrà ad elezioni politiche a giugno, settembre o alla naturale scadenza dell’attuale legislatura, cioè nel 2018. E di certo c’è che in qualsiasi momento saranno indette nuove elezioni, ogni schieramento politico rilancerà su quelle novità per le pensioni importanti tanto richieste e tanto care ai cittadini. Del resto, in ogni programma dei diversi schieramenti politici si parla di revisione dell’attuale sistema pensionistico.

Arrivo deleghe in Aula per assegno universale e impatto su novità per le pensioni

Arrivano a Palazzo Madama anche le deleghe sull’assegno universale contenuto nel pacchetto di misure messo a punto per contrastare l’indigenza. Si tratta di un assegno universale che, però, stando alle ultime notizie, dovrebbe essere modulato in maniera decisamente differente rispetto a quello comunitario e quello richiesto dalle opposizione. In particolare, le tre re deleghe riguardano:

  1. introduzione dell’assegno universale;
  2. riordino delle prestazioni assistenziali;
  3. rafforzamento del coordinamento delle misure in relazione alle prestazioni dei servizi sociali.

Il nuovo assegno universale di cui si parla dovrebbe rappresentare una estensione del già in vigore reddito di inclusione sociale Sia, dovrebbe essere collegato sempre e comunque al valore Isee e possibile da avere solo a condizione di accettare di sottoscrivere, esattamente come per i diversi sussidi di disoccupazione in vigore, un piano personalizzato di inclusione sociale e ricerca attiva di un nuovo impiego. Sarà l’Istituto di Previdenza ad erogare questo assegno universale che prevederà un sussidio economico di un valore stabilito dal governo, che potrà anche essere superiore ai 400 euro previsto dal Sia in base alla composizione del nucleo familiare, e che prevedrà anche servizi alla persona. Per beneficiare del nuovo assegno universale, secondo le ultime notizie, bisognerà soddisfare il requisito di una durata minima del periodo di residenza in Italia.

Incontro sindacati e governo e cosa aspettarsi di nuovo per novità per le pensioni

Mercoledì primo marzo è poi in programma un nuovo incontro tra sindacati e Governo Gentiloni, occasione durante la quale si tornerà a parlare di novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 ma che dovrebbe anche avviare le discussioni per ulteriori novità per le pensioni da portare avanti in un secondo momento. Le ultime discussioni sulle novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 saranno certamente incentrare sui decreti ufficiali e le regole di funzionamento delle stesse novità per le pensioni che dovrebbero contenere anche se, considerando i tempi strettissimi, e la loro attuazione prevista per giovedì 2, probabilmente arriveranno incompleti e solo successivamente i dettagli mancanti potranno essere inseriti in apposite circolari esecutivi o atti dei tecnici, ovviamente da definire entro maggio, mese in cui, stando alle ultime notizie, entreranno ufficialmente in vigore mini pensione e quota 41. Tra i dettagli mancanti, forse, anche gli stessi tassi di interesse tanto attesi per capire quanto effettivamente sarà conveniente andare in pensione prima con la mini pensione.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: