Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 avanza circolare INPS a 64 anni per uscire prima

Regole per andare in pensione prima con novità per le pensioni a 64 anni con circolare Inps e iter di discussione per ulteriori modifiche ed estensione

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

pensioni novità uscita prima 64 anni circolare inps

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 20:01):  In qualche modo l'esecutivo sta cercando di tendere una mano a chi si trova in condizioni di svantaggio senza pensione e occupazione, ma tutto rimane molto vago nelle ultime notizie e ultimissime, mentre la correzione e l'avanzare di questa circolare INPS sarebbe una novità per le pensioni già interessante da subito pur non per tutti

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Sapere che ci sono tanti modi per smettere anzitempo può rappresentare una buona notizia ovvero un conforto per quei lavoratori desiderosi di fare un passo indietro. Tuttavia l'eccessiva frammentazione del sistema previdenziale, alimentata dalle novità per le pensioni in via di introduzione e dalle circolari dell'ente di gestione delle pensioni (come questa per uscire prima a 64 anni), non può essere vista con favore. Norme su norme si affastellano rendendo necessaria una bussola per orientarsi tra le continue ultime e ultimissime notizie.

Mentre si attendono ancora gli atti finali relativi alle regole ufficiali di funzionamento delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, esistono diversi sistemi che già consentono di andare in pensione prima. Tra questi, quello definito dalla circolare Inps che permette di anticipare la pensione a 64 anni, sempre limitatamente, però, a determinate categorie di persone.

Regole attuali per uscire prima a 64 anni

Secondo quanto stabilisce la circolare Inps, quest’anno è possibile andare in pensione prima a 64 anni, rispetto alla soglia dei 66 anni e sette mesi, grazie ad una nuova circolare dell’Istituto di Previdenza che ha stabilito la possibilità di pensione anticipata per tutti gli impiegati del settore privato a patto che abbiano maturato determinati requisiti. Possono, infatti, beneficiare di questa possibilità di pensione anticipata, stando a quanto riportano le ultime notizie, coloro che hanno raggiunto:

  1. l’età di 64 anni e almeno 36 anni di contributi;
  2. l’età di 61 anni con 35 di contributi entro il 31 dicembre 2012;  
  3. l’età di 60 anni e 20 anni di contributi per le donne, entro il 31 dicembre 2012;
  4. che alla data del 28 dicembre 2011 fossero regolarmente impiegati in attività da lavoro dipendente del settore privato.

Iter per uscire prima a 64 anni con circolare Inps

Continua l'iter di discussione del ddl per la richiesta di ampliamento della possibilità di pensione anticipata a 64 anni:

  1. a tutte le lavoratrici cosiddette quindicenni;
  2. estensione della possibilità di uscita a 64 anni con calcolo dei contributi figurativi e da riscatto per i non impiegati alla data del 28 dicembre 2011.

Per quanto riguarda le lavoratrici quindicenni, la richiesta è quella di permettere la pensione a 64 anni anche alle nate nel 1952 che hanno maturato 15 anni di contributi piuttosto che 20 anni al 31 dicembre 2012. Stando, infatti, alle ultime notizie, l’Inps non permette di andare in pensione prima alle lavoratrici che al 31 dicembre 2012 avevano meno di 20 anni di contribuzione. Per quanto riguarda, la possibilità di pensione a 64 anni anche ai non impiegati alla data del 28 dicembre 2011, la richiesta è quella di possibilità di calcolo dei contributi figurativi e da riscatto per raggiungere la contribuzione richiesta. Si tratta delle nuove richieste di modifica delle condizione riportate nella circolare Inps per andare in pensione a 64 anni, dopo alcune modifiche già inserite. In un primo momento, infatti, la possibilità di uscita a 64 anni era permessa solo a coloro che avessero maturato requisiti anagrafici e contribuivi richieste alla data del 28 dicembre 2011 fossero regolarmente impiegati in attività da lavoro dipendente del settore privato. Con successiva modifica, questa possibilità è stata estesa anche a coloro che alla data del 28 dicembre 2011 non fossero regolarmente impiegati in attività da lavoro dipendente del settore privato.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: