Pensioni ultime notizie scadenze ufficiali 2017 decise e liste atti Milleproroghe, DCPM, Dl Sviluppo, Secondo Passaggio

Cosa cambierà ancora per le novità per le pensioni con DCPM, Milleproghe, Dl Sviluppo e le ultime notizie sul Secondo Passaggio

Pensioni ultime notizie scadenze ufficia

Pensioni novità Dpcm Milleproghe Dl SViluppo


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:02): E' stata decisa ufficialmente dall'esecutivo la prima parte dei termini per i collegati al'iter economico da espletare ed è stato deciso che entro il 1 Marzo tutti i DCPM per le novità per le pensioni dovranno concludersi ed entro febbraio quello più importante ovvero la trattativa delle condizioni con istuti e polizze assicurative. Dopo il 1 di marzo ci sarebbe tutta la fase organizzativa. A questo punto dal 1 Maggio è probabile che si potranno fare le domande per le mini pensioni e non prima, anche se alcune ultime notizie e ultimissime parlavano di Aprile, ma sembra troppo vicino.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:03): Il Dl Sviluppo è rimasto bloccato per molto tempo e non facile che riprenda visto la specifità, gli ostacoli e i tempi ristretti. Ci vorrebbe un esecutivo molto più lungo rispetto alle ultime notizie e ultimissime. Ma al suo interno vi sono una serie di atti per le novità per le pensioni tra cui forse il più interessante è quello di permettero l'uso dei fondi di categoria (che tutti o quasi hanno) per permettere l'uscita prima in determinate condizioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:57): Ma negli atti del 2017 non ci sarà solo il Milleproroghe o il DCPM che sono però i più sicuri perchè entro Marzo dovranno essere fatti, ma vi potrebbero essere già delineati nelle ultime notizie e ultimissime almeno altri due momenti come il Dl Sviluppo e il cosidetto secondo passaggio per le novità per le pensioni tempi dell'esecutivo permettendo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:22): Un altro dei miglioramenti che vi potrebbe essere è quello di estendere le liste per le novità per le pensioni per quota 41 e mini pensioni con oneri rendendole prima di tutto uguali e poi aumentando i mestieri e le professioni collocate. Più difficile l'abbassamento dell'età che era stata una ulteriore richiesta delle ultime notizie e ultimissime ma non si ritiene arriverà così come un miglioramento delle condizioni.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:45): All'interno del Milleproroghe ci potrebbero essere quelle novità per le pensioni in maniera particolare mini pensioni e quota 41 che non c'erano state nella seconda parte dell'iter economico bloccato bruscamente. E vi sono delle aperture se non ufficiali di riprendere proprio durante questo momento legislativo una serie di miglioramenti che erano stati ventilanti come l'abbassamento a 60% dell'invalidità ma non solo.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:44): Tutti si attendono il DCPM, anzi le diverse attuazioni ma in realtà sono molto di più i contesti favorevoli almeno potenzialmente per le novità per le pensioni che vi saranno se l'esecutivo potrà continuare ad esercitare come nelle ultime notizie e ultimissime sembra almeno fino alla primavera. E dunque, vi sono almeno il Milleproroghe che sicuramente ci sarà e che potrebbe portare diverse novità per le pensioni stesse più di quelle passate visto come si è concluso l'iter economico velocemente.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:15):  Cosa aspettarsi per le novità per le pensioni? Non c'è chiarezza questo è ovvio visto tutto il quadro generale ma vi sono dei momenti in cui si potranno potenzialmente prendere delle decisioni sulle novità per le pensioni stesse e nelle ultime notizie e ultimissime si profilano degli atti certi e altri meno ma potenziali.

Ci si avvia alla fine dell’anno e, con particolare riferimento alle novità per le pensioni, approvate le mini pensioni e quota 41, che sono state molto criticate soprattutto perché, stando a quanto confermano le ultime notizie, tenderebbero a favorire più gli istituti di credito che i lavoratori, sostenendoli nel loro percorso di prepensionamento a fronte degli attuali requisiti pensionistici decisamente rigidi, sono ancora diversi i passi, già in programma, che si potrebbero compiere per arrivare alla definizione di novità per le pensioni più importanti. Ricordiamo che novità per le pensioni di quota 100 e novità per le pensioni di quota 41 per tutti sono state rimandate ancora quest’anno perché troppo costose a fronte della disponibilità di un budget molto ridotto.

I Dpcm attesi per febbraio con regole ufficiali per le novità per le pensioni di mini pensioni e quota 41

Primi provvedimenti attesi per le novità per le pensioni sono Dpcm che dovrebbero arrivare presumibilmente il prossimo mese di febbraio, entro 60 giorni dall’approvazione del testo unico. Tre, in particolare, i Dpcm attesi per mini pensione e quota 41 che dovranno contenere le entità dei tassi di interesse sulla mini pensione; le condizioni per le polizze assicurative; ed eventuali criteri per la definizione  di priorità per l’accesso a mini pensione senza oneri e quota 41. Considerando, infatti, che più che do vere e proprie novità per le pensioni che modificano le attuali regole previdenziali, la mini pensione e la quota 41 attuali sembrano porsi più come indennità, per cui non è obbligatorio che la domanda di mini pensione o quota 41 venga accolta.

Milleproroghe

Prima dei Dpcm attesi ma avviati, è possibile che un nuovo passo verso la definizione di ulteriori modifiche per le attuali novità per le pensioni di mini pensioni e quota 41, per renderle più convenienti e allargarne la platea di beneficiari, si compia con il decreto Milleproroghe di gennaio. Secondo le ultime notizie, infatti, è possibile che proprio con il Milleproroghe tornino in discussione quei miglioramenti alle novità per le pensioni che erano stati proposti dal Comitato ristretto per le pensioni, che avrebbero dovuto essere discussi a Palazzo Madama, ma che sono saltati per il voto di fiducia senza emendamenti al nuovo testo unico. Nulla di fatto, dunque. Ma con il Milleproroghe potrebbero aprirsi nuovi spiragli di speranze di modifiche e così, dopo l’approvazione del miglioramento che ha introdotto le categorie di maestre d'asilo ed educatori di asilo nido nella lista delle professioni faticose che potranno accedere alla mini pensione senza oneri e alla quota 41, con 12 mesi di contribuzione maturati entro il 19esimo anno di età, dopo la proroga del contributivo donna fino al 31 luglio 2016, e il cumulo gratuito dei propri contributi previdenziali per tutti i lavoratori, potrebbero tornare in discussione la richiesta di un aumento dei tempi di malattia e di non occupazione per la mini pensione senza oneri; di riduzione da 36 a 35 degli anni contributivi necessari per la richiesta di mini pensione senza oneri per coloro che svolgono occupazioni pesanti e faticose; e di estensione della lista delle professioni da considerare faticose per la richiesta di mini pensione senza oneri e quota 41. Ma, secondo le ultime notizie, si potrebbe tornare a parlare anche della richiesta, già bocciata in realtà, di riduzione della percentuale di invalidità dal 75% al 60% per l’accesso alla mini pensione senza oneri.

Possibile ripresa delle discussioni sul Dl Sviluppo e conseguenze per le novità per le pensioni  

Importanti conseguenze per le novità per le pensioni potrebbero averle anche un’eventuale ripresa del Dl Sviluppo, ancora una volta bloccato e con lui sono stati bloccati provvedimento collegati anche alle novità per le pensioni. Era, infatti, prevista una norma che avrebbe permesso a tutti i lavoratori iscritti ai fondi di andare in pensione prima in caso di disoccupazione, attraverso il riscatto del proprio fondo prima del raggiungimento dell’età pensionabile attualmente fissata dei 66 anni e sette mesi. Con questa norma, dunque, un lavoratore avrebbe potuto decidere di andare in pensione prima, magari a 58 anni se fosse stato disoccupato da lungo tempo, ma saltato il Dl è contestualmente saltata anche questa possibilità che, si spera, venga ripresa.

Possibili novità per le pensioni in secondo passaggio annunciato

Ulteriori novità per le pensioni, ben più importanti delle attuali novità per le pensioni di mini pensione e quota 41, dovrebbero essere definite in un secondo passaggio. Si tratta di una tappa che, come riportano le ultime notizie, è stata annunciata qualche tempo fa dal consigliere economico di Palazzo Chigi che ora sta portando avanti le trattative degli accordi per i Dpcm. E questo secondo passaggio di lavoro sulle novità per le pensioni dovrebbe concentrarsi innanzitutto sulla revisione del meccanismo di adeguamento dell’età pensionabile alle aspettativa di vita, intervenendo proprio su queste ultime. Potrebbero essere modificate prima per alcune categorie di lavoratori, che sono coloro che svolgono occupazioni faticose e coloro che sono entrati giovanissimi nel mondo occupazionale, per poi arrivare ad interessare tutti.




Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il