Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità INPS calcolo età, contributi, requisiti richiesti e assegno

I requisiti per andare in pensione nel 2015 sono gli stessi dello scorso anno, ma la legge di stabilità ha fatto sparire alcune penalizzazioni.

Pensioni anzianità, donne, vecchiaia rif


Come cambiano le pensioni 2015? Quali sono i requisiti per il congedo dal lavoro e quali le novità introdotte? Il punto di riferimento resta naturalmente la legge Fornero. Per ritirarsi dalla scena lavorativa occorre aver maturato 66 anni e 3 mesi se lavoratori dipendenti e autonomi e se lavoratrici del settore pubblico, 63 anni e 9 mesi se lavoratrici del settore privato; 64 anni e 9 mesi se lavoratrici autonome. In merito alla pensione anticipata, per le persone in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, sono richiesti 42 anni e 6 mesi di anzianità contributiva per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne.

La differenza principale è la correzione della tabella dei disincentivi della riforma Fornero nel caso di ritiro anticipato che prevedeva una riduzione dell'1% dell'importo mensile per ogni anno di distanza dal raggiungimento dei 62 anni di età e del 2% per ogni anno prima del compimento dei 60 anni. La legge di stabilità approvata pochi giorni fa dal parlamento ha cancellato queste penalizzazioni e in parallelo ha fissato un tetto alle pensioni d'oro. In vigore il prelievo di solidarietà per le pensioni. Il contributo è pari al 6% per la parte eccedente i 90.168,26 euro annui; il 12% oltre i 128.811,80 euro; il 18% per la parte eccedente i 193.217,70 euro annui.

Hanno poi diritto alla cosiddetta pensione ai superstiti il coniuge superstite, anche se separato, il coniuge divorziato se titolare di assegno divorzile; i figli legittimi o legittimati, adottivi o affiliati, naturali, riconosciuti legalmente o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell'altro coniuge, che alla data della morte del genitore siano minorenni, inabili, studenti o universitari e a carico alla data di morte del medesimo; i nipoti minori (equiparati ai figli) se a totale carico degli ascendenti (nonno o nonna) alla data di morte dei medesimi.

Infine, in merito all'assegno per l'assistenza personale e continuativa, nulla è dovuto in caso di ricovero in istituti di cura o di assistenza a carico della pubblica amministrazione; non è compatibile con l'assegno mensile dell'Inail agli invalidi a titolo di assistenza personale continuativa; viene concesso in misura ridotta a coloro che fruiscono di analoga prestazione erogata da altre forme di previdenza obbligatoria e di assistenza sociale, in misura corrispondente all'importo della prestazione stessa; non è reversibile ai superstiti.

Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il