Quota 100 calcolo simulatore ufficiale INPS Online importo pensione, quando si prende

Disponibile online e in tutti gli uffici territoriali Inps il simulatore ufficiale Inps per il calcolo della pensione con quota 100

Quota 100 calcolo simulatore ufficiale I

Quota 100 importo simulatore ufficiale INPS Online

Sono stati finalmente aggiornati i software e si può fare finalmente il calcolo della pensione online nel sito dell'INPS per quanto riguarda quota 100, ovvero quanto si viene a prendere di importo a chi fare domanda all'INPS di quota 100. Tra oggi mercoledì 20 febbraio e i prossimi giorni sarà attivato il software in tutti gli uffici INPS; Caf e Patraonati, ma anche online (gà qualcuno lo vede sul sito dell'INPS) si potrà fare il calcolo e i conteggi di quota 100.
 

Come annunciato dall’Inps settimane fa ecco arrivato il simulatore ufficiale per il calcolo dell’importo della pensione finale con la novità di quota 100. Come funzionerà? E quanto si percepirà decidendo di andare in pensione prima con la quota 100?

Quota 100: calcolo pensione con simulatore ufficiale

L’Inps aveva annunciato che avrebbe reso disponibile il simulatore ufficiale per il calcolo della pensione finale con quota 100 entro il 20 febbraio e così è stato. Rispettando i tempi annunciati, l’Istituto di Previdenza ha reso disponibile sia online che in tutti i suoi uffici territoriali il software aggiornato per il calcolo della pensione con quota 100. Molto semplice il suo uso: basta inserire i pochi dati richiesti e in pochissimi secondi ecco che si conosce il valore di quanto si prenderà di pensione al mese.

La dirigente dell'Inps, Gabriella Di Michele, ha confermato che tutto sta andando secondo quanto stabilito e che il termine di lunedì primo aprile per il pagamento delle nuove pensioni sarà assolutamente rispettato e ha fornito ulteriori indicazioni in questo articolo aggiornato ad oggi. Ma quanto si prenderà andando in pensione prima con la novità di quota 100?

Quota 100 e calcolo importo pensione: quanto si prenderà

Per andare in pensione con la quota 100 i requisiti da raggiungere sono 62 anni di età e 38 anni di contributi, non è prevista alcuna penalizzazione per chi deciderà di andare in pensione prima ma per effetto di un minor numero di contributi versati rispetto ai normali requisiti pensionistici per la pensione di vecchiaia, gli assegni finali con la quota 100, secondo alcuni calcoli e simulazioni condotte, dovrebbero comunque essere inferiori rispetto a quelli che si percepirebbero se si maturassero i requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia a 67 anni.

Precisiamo, dunque, che la percentuale media di riduzione delle pensione varia molto in base ai contributi accumulati e basta davvero poco perchè la percentuale di riduzione passi al 15% o anche al 10%. E, infatti, l'Inps, e non solo, ha calcolato una riduzione media del 10%-12% dell’assegno finale per chi decide di andare in pensione prima con la quota 100.

Riportiamo di seguito alcuni esempi di calcolo dell’importo di pensione con quota 100 e di quanto si percepirebbe raggiungendo i 67 anni della pensione di vecchiaia e, per esempio:

  1. chi percepisce una retribuzione lorda annua di 30mila euro, se decidesse di andare in pensione a 62 anni di età con la quota 100 avrebbe un assegno mensile di 1372, il 22,2% in meno rispetto all’assegno che percepirebbe raggiungendo i 67 anni per la pensione di vecchiaia, cioè 1764 euro;
  2. chi percepisce una retribuzione lorda annua di 40mila euro, se decidesse di andare in pensione a 62 anni di età con la quota 100 avrebbe un assegno mensile di 1728, il 23,2% in meno rispetto all’assegno che percepirebbe raggiungendo i 67 anni per la pensione di vecchiaia, cioè 2249 euro;
  3. chi percepisce una retribuzione lorda annua di 50mila euro, se decidesse di andare in pensione a 62 anni di età con la quota 100 avrebbe un assegno mensile di 2070, il 23,3% in meno rispetto all’assegno che percepirebbe raggiungendo i 67 anni per la pensione di vecchiaia, cioè 2700 euro;
  4. chi percepisce una retribuzione lorda annua di 100mila euro, se decidesse di andare in pensione a 62 anni di età con la quota 100 avrebbe un assegno mensile di 3.365 euro, il 26% in meno rispetto all’assegno che percepirebbe raggiungendo i 67 anni per la pensione di vecchiaia, cioè 4.546 euro;
  5. chi percepisce una retribuzione lorda annua di 150mila euro, se decidesse di andare in pensione a 62 anni di età con la quota 100 avrebbe un assegno mensile di 4.445 euro, il 28,2% in meno rispetto all’assegno che  percepirebbe raggiungendo i 67 anni per la pensione di vecchiaia, cioè 6.190 euro.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: