Quota 100 e Proroga Opzione Donna, novitÓ pensioni con Ministro Lavoro ed Economia ufficiali

di Marianna Quatraro pubblicato il
Quota 100 e Proroga Opzione Donna, novit

pensioni, novitÓ, ultime notizie, ministri, quota 100, opzione donna,

Oggi mercoledý 4 Settembre, una prima svolta per le novitÓ per le pensioni, come quota 100, opzione donna, ma anche per usuranti e precoci con la decisione ufficiale del Ministro dell'Economia e del ministro del Lavoro del nuovo Governo Pd-M5S

Quali novità per le pensioni con il nuovo Governo M5S-Pd presieduto da Conte? Quali novità per quota 100? Sarà cancellata subito, rimarrà entro il 2021 o solo fino al 2020 o vi saranno modifiche per i requisiti alzando età e contributi, come affermano alcune ultime notizie sulle pensioni, fino a 64 anni di età, ma con minori contributi?

E ancora quali novità per opzione donna per la sua proroga al 2020?

Sono tutti temi legati alle novità per le pensioni che troveranno risposta nella Legge di Bilancio e che finora, tranne indiscrezioni e supposizioni, non hanno trovato risposte ufficiali.

Oggi, mercoledì 4 Settembre 2019, c'è una piccola svolta, su una strada che ancora appare lunga, molto lunga per avere una risposta definitiva alle questioni sia di quota 100 che opzione donna, senza dimenticarsi quota 41, precoci, usuranti, esodati e l'aumento per le pensioni di invalidi e disabili.

Questa svolta c'è stata con l'elenco appena comunicato dei Ministri del Governo Conte, della nuova squadra che andrà a lavorare sui temi delle pensioni che sarà composta dal Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri e dal Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo. Due personalità importanti che, in teoria, per quanto finora detto ed espresso sulla riforma Fornero e sulle novità per le pensioni, hanno idee differenti.

Idee su quota 100 e opzione donna di Roberto Gualtieri

Roberto Gualtieri, era l'unico nome tra i Ministri che potevano andare all'Economia, che non era un tecnico, ma era gradito al Quirinale e moltissimo all'Ue, anche per il suo ruolo finora svolto come presidente della Commissione problemi economici dell’Europarlamento.
Una persona sostenuta anche oggi in una intervista dalla Lagarde, nuovo Presidente Bce al posto di Mario Draghi, che ha spiegato che “Gualtieri ministro sarebbe un bene per l’Italia e per l’Ue”.

Gualtieri non si è mai espresso direttamente e negativamente su quota 100 o opzione donna, ma ha più volte ribadito che entrambe le misure avrebbero dato problemi nel farle insieme perché mancavano soldi e che avrebbero creato un buco di bilancio importante da recuperare con le clausole di salvaguardia.

Certo, non è una figura così favorevole alle novità per le pensioni, ma è anche un tecnico oltre che politico che potrebbe essere in grado di fare sintesi sulle varie richieste del Pd o M5S e che sicuramente potrebbe avere la flessibilità di 12-15 miliardi per una manovra finanziaria non lacrime e sangue (o perlomeno meno) visto il suo ottimo rapporto con l'Ue e la stima di cui nutre.

Quota 100, proroga Opzione donna 2020, novità per le pensioni per precoci e usuranti da Nunzia Catalfo

Nunzia Catalfo è stata nominata Ministro del Lavoro, dopo essere stata relatrice della precedente Legge di Stabilità ed essere stata la prima firmataria della legge sul Reddito di cittadinanza.

Una personalità forte, che ha appoggiato le novità per le pensioni tra cui quota 100 e opzione donna e che pubblicamente in diverse interviste e occasioni aveva indicato il suo appoggio alla proroga opzione donna per gli anni futuri tra cui il 2020, proprio per favorire le donne e nello stesso tempo per il basso costo di questa formula di pensione anticipata.

Anche indicando quota 100, Nunzia Catalfo ha spiegato che era un inizio e che si sarebbe potuta migliorare con delle condizioni ad hoc per precoci, usuranti e disoccupati.

Importante anche il suo appoggio, nell'ambito del reddito del cittadinanza, per un aumento delle pensioni di invalidità da fare progressivamente.

Il suo inserimento dell'organico di Governo, fa capire, come da una parte con Gualtieri si vuole rafforzare la posizione europeista del nuovo esecutivo, cercando anche la fiducia per avere più miliardi disponibili anche in deficit da usare e dall'altra mantenere, e forse, si spera di migliorare alcune novità sulle pensioni (e reddito di cittadinanza) apportate dal precedente Governo gialloverde.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle pensioni per rimanere aggiornato su tutte le novità: